Come aiutare il piccolo a superare l’assenza del padre

· 26 novembre 2017

Nel tempo ci è stata inculcata nella mente l’idea di famiglia composta da madre, padre, figli. Che succede quando la famiglia non è completa? Che succede quando la figura paterna viene a mancare? Come comportarsi per l’assenza del padre?

Se vi trovate in questa situazione è lecito chiedersi come aiutare il piccolo a superare l’assenza del padre. Di seguito vi forniamo alcune raccomandazioni.

Il mito della famiglia ideale

Il concetto e la composizione della famiglia perfetta sono radicati da molto tempo nella nostra società.

Di fatto, molte persone ancora credono che in una famiglia in cui manchi la figura paterna i figli cresceranno con problemi emotivi e di sviluppo, mentre non c’è niente di più lontano dalla realtà.

Una famiglia può essere unita, senza problemi, anche con una figura paterna assente. In generale però i piccoli saranno quelli che ne resteranno più influenzati, sentendosi soli, giudicati, incompleti e diversi.

Aiutare i vostri piccoli a superare il dolore e la tristezza di questa situazione deve essere la vostra priorità.

Ci sono diversi motivi per cui può mancare una figura maschile in famiglia, tutti con conseguenze differenti per il piccolo. Una separazione astiosa o un tragico decesso possono separare un padre dai propri figli.

In ogni caso è molto importante che il piccolo sappia la verità sull’assenza del padre, così che possa superarla nel modo migliore.

Perché non hai il papà?

assenza paterna, figlia triste

Spiegare al proprio figlio che il padre non andrà a prenderlo a scuola o che non potrà più giocare con lui e che non tornerà né il giorno dopo né quello dopo ancora può rivelarsi particolarmente difficile. Soprattutto perché l’assenza di un padre si ripercuote anche sulla figura materna, che ci piaccia o no.

Tutto ciò che affligge un figlio si ripercuote su di noi come madri, come donne.

Se il papà manca perché è deceduto i sentimenti principali che può provare un figlio sono molto confusi: vanno dalla rabbia, allo sconforto, alla frustrazione.

Se la sua sparizione è invece dovuta ad un divorzio poco amichevole, la sua assenza sarà ad intermittenza, il che si tradurrà in qualcosa di sconcertante per il figlio.

In altri casi la figura paterna può essere inesistente da prima della venuta al mondo della prole.

Un uomo che non è stato capace di assumersi le proprie responsabilità è una cattiva influenza sul bambino se non prendiamo le giuste misure in tempo.

Orientate, guidate, e soprattutto comunicate con vostro figlio per fargli capire che la presenza del padre non è fondamentale.

Non è un compito semplice, soprattutto se si trova già nell’età in cui pone mille domande, mentre crescerà capirà quello che succede intorno a lui, che sembri giusto o meno.

Consigli per aiutare il piccolo a superare l’assenza del padre

padre assente

  • Vostro figlio necessita di un appoggio, qualcuno di cui si possa fidare e con il quale parlare. Siate voi questa persona.
  • Non lasciate che le circostanze in cui vi trovate lo facciano sentire in qualche modo inadeguato o imbarazzato.
  • Il fatto di non vivere con il padre non lo trasforma in un fenomeno.
  • Spiegategli che non è colpa sua, ditegli cosa è successo. Spesso, soprattutto nei casi di divorzio, i figli tendono a sentirsi in colpa per i problemi dei genitori. Ribadite che la separazione è conseguenza di alcuni problemi tra adulti.
  • Rabbia e comportamenti inadeguati possono essere espressione di sentimenti confusi riguardo l’assenza paterna. Spiegategli che, anche se si sente frustrato, non sta bene comportarsi in questo modo.
  • Aiutatelo a sfogarsi, ad eliminare dalla sua vita tutte le cose che gli generano malessere emotivo. Avvaletevi dell’aiuto di professionisti se lo ritenete necessario.
  • Perdonare è la parola magica nel caso in cui vostro figlio non avesse mai conosciuto il padre. Insegnategli a non fissarsi su questo concetto e ad andare avanti con la propria vita.

Il perdono guarirà le ferite

Ricordategli quanto lo amate e quanto tenete a lui incondizionatamente. Fategli sempre sapere di essere una madre orgogliosa.

Una figura paterna è senza dubbio importante, ma la sua assenza non deve necessariamente segnare in modo negativo la vita di vostro figlio. Se aiutate vostro figlio a superare questa situazione non sarà determinante nella sua vita.

I nonni e gli zii, possono servire come esempi durante la crescita ma saranno i valori e gli insegnamenti che voi madri darete che il carattere dei vostri figli.