Effetti indesiderati del vaccino sul bebè

· 23 settembre 2018
I vaccini sono necessari al bebè per evitare che contragga malattie potenzialmente gravi. Tuttavia, molto spesso si sente parlare degli effetti indesiderati del vaccino sui bambini.

Il tema dei vaccini è un tema molto discusso. Anche se gli specialisti ne raccomandano la somministrazione, ci sono gruppi di persone che invece li respingono perché nocivi. Conoscere gli effetti indesiderati del vaccino sul bebè è molto importante affinché i genitori possano prendere la decisione giusta.

I vaccini furono concepiti per evitare le malattie. Le proteste nascono perché gli stessi vaccini sono creati dal virus della malattia stessa. Tuttavia il loro uso ha dimostrato la diminuzione di contagio delle malattie mortali.

Già da neonati è importante proteggere la salute dei più piccoli. I vaccini compiono questa funzione e prevengono il contagio di malattie fatali in età prematura. Per questo è molto importante il controllo dei vaccini da parte del pediatra.

In questo articolo vi parleremo degli effetti indesiderati del vaccino sul bebè.

Effetti indesiderati del vaccino: il controllo dei vaccini

Un parte importante del controllo dal pediatra è il controllo delle vaccinazioni. La loro somministrazione va in accordo con l’età e lo sviluppo del bambino. In alcuni casi ci sono vaccini che hanno bisogno di più di una dose per essere efficaci.

In Italia sono di recente state istituite 10 vaccinazioni obbligatorie, in risposta al calo della percentuale dei bambini vaccinati. Ma questo non significa che bisogna fare 10 punture separate, perché alcuni vaccini vengono combinati in un’unica somministrazione. Ecco quali sono i vaccini che di solito vengono somministrati:

  • vaccino esavalente: viene somministrato in tre dosi a partire dal secondo mese di vita fino a un anno. Protegge da sei malattie: poliomelite, difterite, tetano, epatite B, pertosse e Haemophilus influenzae di tipo B. Per i richiami di difterite, tetano, pertosse e poliomielite eseguiti in età scolare sono utilizzate altre formulazioni combinate;
  • vaccino trivalente MPR: questo vaccino viene somministrato attorno al 13°-15° mese, e prevede un richiamo a 6 anni. Protegge contro: morbillo, parotite e rosolia;
  • vaccino contro la varicella: somministrato da solo o insieme al trivalente MPR.

“I vaccini vanno somministrati sotto la stretta sorveglianza dello specialista, così come devono essere di produzione di un’azienda autorizzata garantita.”

Quali sono gli effetti indesiderati del vaccino sul bebè?

Gli effetti indesiderati dei vaccini si manifestano di rado. Molto dipende dal sistema immunitario del piccolo e dalla sua tolleranza al vaccino. Gli effetti, tuttavia, possono essere lievi, moderati o severi.

Le reazioni più comuni sono febbre, irritazione, dolore e irritabilità. Alcuni bambini presentano anche perdita di appetito; in questo caso essendo considerato un effetto lieve, verranno somministrati degli antipiretici.

effetti indesiderati del vaccino

Le reazioni moderate possono comportare la presenza di febbre fino a 40°. Inoltre si può presentare pianto prolungato fino a 5 giorni con crisi ogni tre ore. Come effetti indesiderati severi si possono verificare convulsioni o perdita di conoscenza.

Come combattere gli effetti indesiderati del vaccino?

Prima di qualsiasi azione disperata, consultate uno specialista. Tuttavia esistono trattamenti casalinghi che possono aiutare ad alleviare effetti base.

  • In caso di febbre. Se si tratta di malessere o febbre lieve si può ricorrere a rimedi casalinghi come apporre panni umidi sulla fronte. Oppure bagnare il bebè per abbassare la temperatura corporea.

Se la febbre è elevata si devono seguire le istruzioni del medico; la maggior parte delle volte viene trattata con antipiretici. Alcuni dottori ne raccomandano una dose in forma preventiva per evitare la comparsa di sintomi febbrili.

Infezioni, dolore, malessere

  • In caso di irritazione o infezione. Solitamente si presenta nella zona dove è stato fatto il vaccino, in questi casi si può applicare dell’acqua fredda per alleviare il fastidio.

Se c’è la presenza di gonfiori o irritazioni non toccate la zona. Guarirà autonomamente. Nello spiacevole caso di ascesso è raccomandabile consultare il medico.

  • In caso di dolore o malessere. In generale, braccia o gambe a seconda di dove viene somministrato il vaccino restano un po’ doloranti e questo potrebbe essere causa di malessere e irritazione per i più piccoli. La cosa migliore da fare è far riposare il piccolo evitando di toccare la zona dolorante.
effetti indesiderati del vaccino

Quando si origina qualche effetto collaterale moderato o severo è il caso di contattare prontamente il medico. L’attenzione rapida davanti ad ogni sintomo garantirà il progresso della guarigione.

Raccomandazioni sulla vaccinazione

  • Affidarsi a specialisti. I vaccini devono essere somministrati sotto il controllo di un medico, così come devono essere garantiti dall’istituto di fabbrica. Inoltre, prendete tutti gli accorgimenti igienici durante la somministrazione.
  • Indicazioni mediche. I pediatri sono gli unici a potervi dire quand’è il momento di vaccinare il bebè. Alcuni bambini possono non presentare tutte le condizioni necessarie per essere vaccinati, sia per le caratteristiche personali che per la presenza di altre malattie transitorie.

Con tutte queste informazioni potete sicuramente farvi un’idea in merito. Quanto più sapete quanto più potrete decidere cos’è meglio per vostro figlio. Inoltre, è sempre positivo avere l’opinione di un professionista.