Igiene delle orecchie: come mantenerla in modo corretto?

· 30 novembre 2018
Il 50% degli italiani patiscono di tappi nelle orecchie. In più, molti soffrono di problemi uditivi in modo regolare. Conviene chiedersi: Cosa posso fare per evitarlo? Devo dare più importanza all'igiene delle orecchie?

Vi siete mai sentiti a disagio a causa dei tappi nelle orecchie?  Anche se non sembra, nella maggior parte dei casi, queste situazioni dolorose hanno una stretta correlazione con una scorretta igiene delle orecchie.

Per questa ragione, con l’obiettivo di aiutarvi a evitare queste situazioni, di seguito vi proponiamo alcuni consigli per mantenere una buona igiene delle orecchie.

Perché è importante mantenere una corretta igiene delle orecchie?

Il timpano è l’organo sensoriale interno, mentre il padiglione auricolare è la parte esterna coperta da follicoli piliferi e ghiandole. Queste producono un olio ceroso che è conosciuto come cerume. Questo viene prodotto fino all’inizio della parte interna. La quantità di cera che viene prodotta è diversa a seconda di ogni individuo.

Il cerume intrappola le particelle di polvere che si trovano nell’aria. Si tratta di una forma di protezione per il timpano. Cioè, la cera ha una funzione preventiva nell’udito.

Ciò nonostante, quando si accumula all’inizio dell’udito, spesso blocca il condotto uditivo esterno. Si tratta di una delle cause più comuni della perdita dell’udito. Ecco perché è molto importante l’igiene delle orecchie. Non bisogna lasciare che un eccesso di cerume si accumuli li.

Mantenere le vostre orecchie pulite permette che l’organo uditivo porti a termine efficacemente le sue funzioni di ascolto e di equilibrio. Con le dovute precauzioni, eviterete infezioni e problemi severi come la sordità permanente.

Come pulire le orecchie in modo corretto

L’evoluzione delle patologie uditive è sempre più evidente. Ciò nonostante, si possono evitare pulendo correttamente l’udito quando è necessario.

Principalmente dovete usare un diffusore di acqua marina per diluire la cera accumulata, in modo che sia più facile da rimuovere. Potete anche usare della glicerina. Questa azione avrà in maggiore effetto se si fa qualche ora prima di lavarsi. La doccia infatti è il miglior momento per una corretta igiene delle orecchie.

Corretta igiene dell orecchie

Dopo che vi siete lavati, inclinate la testa su un asciugamano per drenare l’acqua e la cera diluita. Dopodiché asciugate la parte esterna dell’orecchio con l’asciugamano, in questo modo eviterete la comparsa di funghi.

Potete ripetere questo processo a giorni alterni. Ricordate che l’udito non deve rimanere completamente senza cerume.

Cosa evitare mentre pulite le orecchie?

Molte spesso vengono diagnosticati problemi uditivi a causa di una cattiva igiene delle orecchie. Per esempio, alcuni raccomandano l’acqua ossigenata per l’igiene delle orecchie. Ciò nonostante, questa non è la migliore opzione. Di fatto, i medici non la menzionano, specialmente a pazienti con timpano perforato. Non usatela!

D’altra parte, evitate anche i cotton fioc per eliminare il cerume. Infatti questi, invece di estrarlo, spingono il tappo verso l’interno. Se il cerume penetra l’udito, può causare seri danni al timpano.

Evitate di utilizzare qualsiasi sorta di oggetto come stuzzicadenti, aghi o ganci per “pulire” le orecchie. Potreste correre seri pericoli di rompere la struttura interna dell’udito.

“Mantenere le orecchie pulite permette al nostro organo uditivo di compiere in maniera efficace le sue finzioni, uditive e di equilibrio”.

Come facciamo a sapere quando le orecchie sono sporche

Potete determinare se dovete pulire le orecchie si avete certi sintomi speciali. Per esempio, perdita dell’udito, irritazione o prurito. A volte può essere che il tappo di cerume di muova e causi un certo dolore. Se, anche dopo che avete fatto la procedura per una corretta pulizia, continuate a sentire malessere, allora dovete rivolgervi ad un medico.

Orecchio di una bambina

Cura necessaria per un udito sano

La buona salute del udito, non solo dipende dalla pulizia, ma anche dalla protezione che gli si da, da danni e lesioni. Questo aspetto è rilevante sopratutto per i bambini. In special modo coloro che praticano il nuoto. Fate in modo che nuotino sempre con dei tappi per proteggere il condotto uditivo.

Per di più, evitate di esporvi a rumori molto intensi e, nel caso in cui avvertite fastidio o dolore, evitate di risolvere da soli. Non medicatevi per conto vostro ne inserite nulla dentro le orecchie.

Alla stessa maniera, cercate di mantenere la televisione o gli apparati che usate per ascoltare musica ad un volume moderato. Per quanto possibile, evitate di usare cuffie per le orecchie molto frequentemente e mantenete le orecchie lontano dall’umidità. Dopo aver fatto la doccia, assicuratevi di asciugarle bene.

In conclusione, l’igiene delle orecchie deve essere accompagnata da buone abitudini. Cercate di mantenerle pulite e asciutte per evitare complicazioni che possono influire negativamente ed in maniera considerevole sulla vostra vita quotidiana.