Il cloro delle piscine può causare allergie?

· 3 ottobre 2018
Forse non lo sapevate, ma il cloro nelle piscine può causare allergie respiratorie e dermatologiche. Prevenire è la prima misura da adottare, senza però smettere di godersi un bel tuffo in piena estate. 

Con la fine dell’estate, si torna in città. Molti, per non rinunciare ai benefici del nuoto, praticano regolarmente sport in piscina. Ma il cloro delle piscine può fare male? Questa preoccupazione riguarda soprattutto i genitori di bambini piccoli.

In questo articolo, vi parleremo delle allergie causate dal cloro delle piscine e di come prevenirle e trattarle.

Il cloro delle piscine può causare allergie respiratorie

A molte persone, l’odore del cloro porta alla mente le giornate felici in piscina, il divertimento con la famiglia e le lezioni di nuotoNonostante ciò, per altri invece può significare problemi respiratori e allergie.

Anche se è vero che questo elemento viene utilizzato per far sì che l’acqua mantenga uno stato ottimale e per allontanare i batteri, è anche vero che si tratta di un prodotto molto aggressivo e dannoso per la salute.

Il cloro delle piscine può causare allergie sia negli adulti che nei bambini. Nel caso dei bambini, quando sono molto piccoli aumenta il rischio di soffrire di malattie respiratorie per tutta la vita, come l’asma.

Sia che la piscina sia al chiuso o all’esterno, le conseguenze sono simili. La possibilità di soffrire di questo tipo di problema a livello polmonare dipende da quanto tempo si rimane in acqua, con che frequenza ci si immerge o quanta acqua con cloro si ingerisce.

Più sono piccoli i bambini, più saranno vulnerabili a sviluppare reazioni allergiche. Uno dei primi sintomi è l’irritazione delle narici e degli occhi; possono sopraggiungere anche tosse, vomito e difficoltà a respirare – come se mancasse l’aria.

allergie il cloro delle piscine

Il cloro delle piscine può causare allergie della pelle

Immergersi nell’acqua con cloro può avere conseguenze sulla nostra pelleQuesto è dovuto al fatto che il prodotto che si utilizza per pulire la piscina e per mantenerla in buono stato per più tempo può provocare reazioni allergiche.

Le zone più colpite sono le mucose, ovvero gli occhi, il naso e anche i genitali. I famosi occhi irritati, causati dalle troppe ore in piscina, sono un chiaro segnale dell’effetto del cloro sul nostro corpo.

Il cloro aumenta la secchezza della pelle, soprattutto se vi entriamo a contatto tutti i giorni. È necessario che la pelle sia protetta dagli agenti esterni con una specie di ‘manto’ che può ridursi, alterarsi o venir meno a causa di prodotti chimici aggressivi. Ciò si verifica soprattutto sulle pelli troppo sensibili o chiare.

E non solo questo, ma anche il fatto che si ripercuote negativamente sui capelli – soprattutto se chiari – e sulle unghie. E di chi è la colpa?

Il cloro sarebbe la prima risposta, ma bisogna guardare più in avanti di così. In realtà, solo alcuni dei suoi componenti sono dannosi per la salute: il solfato di rame, il ferro e i metalli.

“Nel caso dei bambini, quando sono piccoli aumenta il rischio di soffrire permanentemente di malattie respiratorie, come l’asma”

Come evitare le reazioni allergiche causate dal cloro

Dato che il cloro si usa come disinfettante, per evitare l’esposizione a certi batteri – come l’escherichia coli – e per mantenere l’acqua in buono stato per più tempo, dobbiamo cambiare alcune abitudini se vogliamo ridurre le allergie e le reazioni che produce.

  • Non fare bagni più lunghi di un’ora consecutiva.
  • Utilizzare gli occhialini, i tappi per le orecchie e per il naso e le cuffiette per capelli.
  • Farsi una bella doccia uscendo dalla piscina e lavare completamente il costume da bagno
il cloro delle piscine

  • Non ingerire l’acqua.
  • Cercare di andare in vacanza in spiaggia o al fiume – invece di scegliere sempre la piscina -.
  • Scegliere piscine pubbliche che non siano troppo frequentate o in orari di minore affluenza.
  • Informarsi sulla pulizia e sul mantenimento dell’acqua.
  • Per la piscina di casa, utilizzare formule di cloro più delicate. 

È vero che il cloro delle piscine può causare allergie in alcune persone, ma se utilizzato correttamente, potremo fare sport in piscina e farlo fare ai nostri figli senza problemi.