Imparate a dire no in maniera positiva

20 giugno 2018

A nessuno piace negare qualcosa a un bambino piccolo ma a volte è necessario farlo per il suo bene. Per questo bisogna imparare a dire no in maniera positiva.

I bambini possiedono il dono di essere adorabili, ma anche quello di farci uscire dai gangheri. Anche se di solito sono allegri e sorridenti, possono anche diventare capricciosi e, quando si mettono qualcosa in testa… non c’è niente che possa far cambiare loro idea! Di fronte a situazioni come queste, è necessario che impariamo a dire no in maniera positiva ma, allo stesso tempo, decisa.

Che si tratti dei nostri figli o meno, alla maggior parte di noi risulta molto difficile negare qualcosa a un bambino. Sono talmente innocenti, dolci e puri che vederli tristi o arrabbiati per colpa nostra ci risulta insopportabile. Ciononostante, dobbiamo comportarci in modo responsabile e far capire loro che la vita non è un parco giochi, fatto solo di divertimenti.

Prima impareranno questa lezione, prima impareranno a vivere. Devono iniziare a sviluppare la loro tolleranza alla frustrazione. E se questo avviene grazie a persone che vogliono loro bene, tanto meglio.

Non abbiate paura del fatto che possano odiarvi o arrabbiarsi con voi: per sapere come dire no in maniera positiva a un bambino non c’è bisogno di molta pratica. Dovete solo respirare profondamente e mantenere la mente fredda: tutto ciò che farete sarà sempre per il loro bene. Quindi, non sentitevi in colpa!

Chiavi per sapere come dire no in maniera positiva

1. Spiegategli bene ciò che sta accadendo

Prima di prendere qualunque decisione, parlate con lui. Spiegategli perché non acconsentirete alla sua richiesta e quali sono le vostre motivazioni. Fatelo in maniera tranquilla e senza alzare la voce; in caso contrario, diventerà molto nervoso.

A volte è meglio trattare i più piccoli in un modo un po’ più adulto. Devono acquisire delle responsabilità e imparare a comportarsi bene. Se spiegate loro ciò che sta accadendo in maniera lenta e tranquilla, possono comprenderlo.

Per dire no in maniera positiva, è importante spiegare bene la situazione al bambino

2. Rimanete allerta

È possibile che il bambino si metta a piangere o a strillare, oppure che faccia ricorso al ricatto emotivo. Per evitare di cadere nella sua rete, mantenetevi allerta, sapendo che qualcosa di simile può sempre accadere. I bambini sanno perfettamente che noi adulti abbiamo un debole per loro e sanno anche come trarre vantaggio dalla situazione.

Ciononostante, non siate troppo duri con lui. È pur sempre una piccola persona dotata di sentimenti che possono essere feriti: quindi, se reagisce male, siate ie dimostrategli che se gli negate qualcosa non è la fine del mondo.

La vita è l’infanzia della nostra immortalità.

-Johann Wolfgang von Goethe-

3. Non sentitevi male

Imparare a dire no a un bambino è molto difficile: proprio per questo motivo dovete sentirvi molto orgogliosi. Imporre dei limiti servirà a evitare che diventi un adulto maleducato e che scopra che le cose non sempre vanno come vorrebbe lui.

Non sentitevi male al riguardo, anche se vi fa pena. Educare le nuove generazioni spetta a noi, ed è possibile che, quando sarà grande, dovrà fare lo stesso anche lui. E, no, non preoccupatevi: non siete genitori tossici. Vi state solo preoccupando per vostro figlio.

Dire no in maniera positiva richiede coerenza nel nostro comportamento

4. Siate coerenti

Non commettete mai l’errore di dirgli prima una cosa e poi un’altra. Una volta presa la vostra decisione, non c’è marcia indietro, anche se nel frattempo ci saranno lacrime e capricci. Se cambiate idea ripetutamente, non farete che confondere il bambino, che non saprà come reagire.

Un “no” è un “no”. Siate coerenti e cercate di non proiettare su di lui i vostri dubbi e confusioni, altrimenti potrebbe finire per smettere di darvi retta. Se pensa che le vostre decisioni cambino in base al vostro stato d’animo, non vi prenderà seriamente e, a mano a mano che crescerà, il vostro rapporto potrebbe complicarsi. E questa è l’ultima cosa che desiderate, vero?

5. Siate assertivi

È importante che siate assertivi con lui. Potete dirgli “no” per una cosa, ma “sì” per un’altra. In questo modo saprà che non avete niente contro di lui e che la vostra negazione è stata data per il suo bene.

Allo stesso modo, quando si comporta bene, non dimenticate di dirgli quanto siete orgogliosi del suo senso di responsabilità. Questo lo farà sentire bene con se stesso e farà in modo che si consideri una persona di valore.

In conclusione, è nostra responsabilità fare in modo che impari che, nel corso della sua esistenza, gli capiteranno anche cose sgradite e che non tutti cercheranno di facilitargli la vita.

Affrontare durante l’infanzia situazioni di delusione e frustrazione lo farà maturare e lo spingerà a iniziare a soppesare l’importanza delle sue reazioni.

Guarda anche