L’importanza di insegnare ai bambini a comportarsi bene a tavola

· 22 agosto 2018
Insegnare ai vostri figli a mangiare con la bocca chiusa, ad usare correttamente le posate e le norme di cortesia con i commensali farà sì che diventino dei bambini rispettosi ed educati. Vi offriamo qualche idea per riuscire ad insegnare loro a comportarsi bene a tavola.

Insegnare ai bambini a comportarsi bene a tavola è sempre stato uno dei primi ed eterni compiti dei genitori. Per la natura irrequieta e giocherellona dei bambini, anche l’ora di mangiare per loro rappresenta a modo suo un momento di allegria e divertimento.

Tuttavia, quando i bambini smettono di prestare attenzione al cibo e iniziano a distrarsi o a discutere con i fratelli, il sedersi a tavola può diventare causa di più di un mal di testa per i genitori. Per questo, a seguire vogliamo darvi alcuni consigli perché possiate insegnare ai vostri bambini il rispetto e a comportarsi bene a tavola.

Perché insegnare ai bambini a comportarsi bene a tavola?

Per molti secoli, si è giudicato il livello di educazione e il carattere di una persona a partire dalla sua educazione a tavola. L’atto di mangiare ha rappresentato sempre un momento di rispetto e di riverenza per tutte le civiltà del mondo, ed ha persino sfiorato i confini del sacro e del religioso.

Da qui viene il fatto che, fino al giorno d’oggi, il sedersi a tavola in famiglia e ringraziare per il cibo siano delle azioni che aiutano a definire una famiglia funzionale. Tenendo questo a mente, è chiaro perché è importante avere delle buone maniere a tavola e che i bambini riflettano questi buoni comportamenti quando mangiano a casa, fuori o con ospiti.

Bambina mangia con le posate un piatto di verdure

Che cosa definisce un bambino con dei buoni modi a tavola?

Senza dubbio, le regole del galateo che devono essere applicate alla tavola da pranzo e agli eventi sociali sono molte. Molti tra noi sicuramente non hanno nemmeno mai sentito nominare, o semplicemente le ignorano, regole così rigorose come il modo esatto con cui bisogna prendere in mano un calice, come si devono posizionare le posate nelle pause tra un boccone e l’altro o alla fine del pasto e, persino, quali sono le posate corrette per alcune portate particolari.

Anche se non siamo dei maestri del galateo, ci sono però dei comportamenti universali che faranno sì che il bambino commensale dimostri la sua educazione e il suo rispetto.

Un bambino con dei buoni modi a tavola si comporta in modo tranquillo, prende il cibo con calma, chiede il permesso per prendere qualcosa o chiede con cortesia quello di cui ha bisogno, non gioca con il cibo né con le posate e ringrazia quando viene servito.

Se il vostro bambino non può ricordarsi tutte le regole per comportarsi bene a tavola a causa della sua tenera età, già sorridendo, chiedendo permesso e scusa e mostrandosi sempre tranquillo sarà a metà strada per dimostrare la sua educazione.

“L’atto di mangiare ha rappresentato sempre un momento di rispetto e di riverenza per tutte le civiltà del mondo.”

Che cosa deve sapere il bambino sull’educazione

A partire dai 4 anni, i bambini possono iniziare ad imparare le regole di base per il comportarsi bene a tavola. Quelle che vi mostriamo in questo articolo riflettono i passi più semplici da eseguire e ricordare anche per i più piccoli.

  • Lavarsi le mani prima di mangiare. Questa azione risulta molto importante per mantenere un buono stato di salute nel bambino.
  • Offrire aiuto ai genitori per servire il cibo in tavola, o aspettare con calma che lo si chiami a mangiare.
  • Una volta seduto a tavola, il bambino deve aspettare che i genitori e gli altri invitati inizino a mangiare prima di cominciare.
  • Chiedere il cibo dicendo per favore e grazie.
  • Non si devono mettere i gomiti sul tavolo.
  • Quando si masticano gli alimenti, si deve tenere la bocca chiusa e masticare lentamente.
  • Si deve utilizzare spesso il tovagliolo.
  • Non bisogna bere la zuppa risucchiandola.
  • Il bambino non deve giocare con le posate, le deve utilizzare solo per mangiare e, quando ha finito, deve lasciarle parallele al piatto.
  • Quando finisce di mangiare, il bambino non deve alzarsi da tavola se gli adulti non lo hanno ancora fatto, o senza chiedere il permesso.
  • Quando si alza, deve ringraziare per il cibo e offrire il suo aiuto per sparecchiare.
L'importanza di insegnare ai figli a comportarsi bene a tavola

Infine, ricordatevi che, nel momento del pasto, verrà alla luce il vero carattere del bambino. Se è sgarbato, scontroso o fa spesso i capricci perché i genitori gli diano quello che vuole, non servirà a molto fargli capire le regole dell’educazione a tavola. Di conseguenza, è fondamentale che la correzione dei comportamenti dei vostri figli sia costante e in ogni situazione.