La terapia dei succhi per le donne incinte

· 13 novembre 2018
La terapia dei succhi non si sostituisce alla medicina, ma è un modo gradevole e pratico per assumere vitamine sia in gravidanza che in qualunque altro periodo della vita.

La terapia dei succhi si è trasformata in una tendenza alimentare di moda negli ultimi anni. Una moda salutare che può essere adatta per le donne incinta. E in generale è utile per tutti quelli che faticano a consumare frutta e verdura abitualmente.

La terapia dei succhi si basa sulle proprietà che si possono assumere sotto forma di succhi di frutta e verdura, per prevenire problemi di salute e migliorare il nostro stile di vita. Le origini della terapia dei succhi risalgono alle culture orientali della Cina e dell’India, e dagli anni novanta conta un gran numero di seguaci nei paesi occidentali.

I benefici della terapia dei succhi

La terapia dei succhi si è rivelata un modo semplice e pratico di consumare frutta e verdura, per tutte le età e in qualunque momento dell’anno.

Si può utilizzare per la prevenzione delle malattie, anche se non può sostituire i consigli e le indicazioni del medico. La terapia dei succhi deve essere sempre un complemento ad una dieta equilibrata ed uno stile di vita salutare.

La terapia dei succhi

È importante sapere che i succhi non possono sostituire il consumo giornaliero di frutta e verdura, dato che queste forniscono un grande apporto di fibre. Se siete incinte dovete consultare il vostro medico perché vi dica se assumere succhi va bene o meno per voi. Comunque, la terapia dei succhi sarà sempre un complemento al trattamento medico e non un suo sostituto.

La terapia dei succhi è adatta soprattutto ai bambini, agli anziani e anche alle gestanti che, per il loro stato, hanno bisogno di un buon apporto di vitamine. Si tratta di un modo semplice, piacevole e benefico di consumare frutta e verdura, e non costa sicuramente troppo sforzo.

Una fonte di vitamine per la gravidanza

Nella maggior parte della frutta e verdura riscontriamo in maggiore proporzione, più che in altri alimenti, la vitamina A, il complesso B (B1, B2, B6, B12), la vitamina C ed E, perfetta per le nostre ossa. In minore proporzione si hanno anche le vitamine B3, B15, B17, H, l’acido folico o l’acido pantotenico.

Durante la gravidanza, e di più nel periodo estivo quando il caldo opprime, si raccomanda di bere molti liquidi, soprattutto acqua perché idrata il corpo. Si raccomandano inoltre, per idratarsi, il latte, brodo o minestra, i succhi di frutta e verdura, e le tisane. I succhi di frutta e verdura freschi sono una fonte di vitamine, minerali e fibre e possono rivelarsi una bevanda molto nutriente per l’organismo delle donne in gravidanza.

Tutta la frutta e verdura fresca si può mischiare senza problemi, tranne il melone e l’anguria che si devono consumare da sole. Qualsiasi succo consideriamo è sicuramente nutriente e salutare.

La scelta migliore è assumere i succhi di frutta o di verdura un’ora prima della colazione o diverse ore dopo i pasti e mai insieme ad altri alimenti. Il vantaggio è che i succhi hanno molte proprietà benefiche per tutti. Infatti, disintossicano, rigenerano, fortificano, depurano, aiutano a ricostruire le cellule e, soprattutto, forniscono energia al nostro corpo.

Aiutano anche a combattere disturbi come l’obesità, l’acidità di stomaco, l’acne, il mal di gola, la stipsi o l’insonnia. Per quanto, se la donna incinta ha una malattia come il diabete, deve evitare i succhi che contengono zucchero, che devono essere somministrati sotto il controllo del suo medico.

Come iniziare una terapia dei succhi

Per iniziare una terapia dei succhi il primo passo è acquistare o farsi prestare da qualcuno un frullatore. In questo modo riuscirete a fare succhi più facilmente e di qualità migliore rispetto al tipico spremiagrumi. Inoltre, frutti come la banana o la mela non si possono spremere.

Bisogna comunque tenere presente che il succo che si ottiene con un frullatore è molto diverso da quelli confezionati. Inoltre, occorre consumarlo subito perché molte delle proprietà nutritive più benefiche si perdono in breve tempo.

Uno dei grandi vantaggi di questi succhi rispetto a quelli confezionati è la mancanza di additivi e conservanti, per cui sono molto più salutari.

Possiamo iniziare con succhi molto salutari come quelli di albicocche, kiwi, prugne, melone, uva e limone. Anche quelli di carote, fragola e arancia sono una buona scelta per il loro apporto di vitamina C, molto utile con il freddo. Non esitate e seguite questa nuova tendenza che non può che farvi bene. Unitevi ai seguaci della terapia dei succhi.