Possiamo prepararci ad essere genitori?

· 20 aprile 2018

Ci sono persone che dicono che nessuno è preparato ad essere padre o madre, che i bambini non arrivano con il manuale di istruzioni e che l’educazione dei propri figli è il compito più importante che si sono dovute assumere. Ma se realmente vi chiedete “possiamo prepararci ad essere genitori?”, la risposta è sì.

Probabilmente non saprete tutto, ma almeno saprete qualcosa e questo è fondamentale. Attualmente, ci sono molti libri che possono aiutarvi a crescere i vostri figli, e potete prendervi questo compito come una professione per la quale è necessario studiare.

La conoscenza è potere, già lo sapete, e saprete anche che tra la teoria e la pratica ci sono alcune differenze. Dovrete quindi adattare i concetti alla realtà della vostra casa e alle esperienze di vostro figlio. Eppure vogliamo sottolineare che avere un’idea di quello che dovrete affrontare in certi casi vi dà un grande vantaggio.

In generale, quando pensiamo a prepararci per l’arrivo del bambino pensiamo al corredino del neonato, a far sì che la camera, la culla, i vestitini e gli altri oggetti materiali di cui può aver bisogno siano disponibili e che siano a portata di mano. Ma sono pochi quelli che si informano su come crescere un bambino sano e felice.

Come abbiamo già detto in precedenza, e come avrete sicuramente già sentito dire: i bambini sono il riflesso dei genitori. Per cui conviene che vi riesaminiate come persone, che cerchiate di migliorare i vostri difetti, che facciate tutto quello che potete per trovare un equilibrio emotivo e spirituale, non solo economico. Perché solo così potrete farlo crescere in pace e serenità.

Genitori regalano un fiore al loro bambino

Essere genitori che si impegnano

Gisela Medina Soto, consulente organizzativa di Perfil (www.perfil.com.pe), sottolinea che per prepararsi ad essere genitori è importante imparare a conoscersi.

“Se vogliamo formare una nuova persona, dobbiamo sapere in che situazione ci troviamo, in che fase del nostro processo di formazione e di sviluppo siamo e cosa ci manca per migliorare”, evidenzia Soto nell’articolo.

In questo tentativo di miglioramento, uno dei consigli e delle pratiche più positive è quella che invita a rispettare il bambino come un essere umano. Rispettare le sue emozioni, i suoi sentimenti e i suoi pensieri senza trascurarli a causa della sua età.

Vostro figlio ha delle opinioni e un modo tutto suo di vedere le cose, per cui la preparazione prevede anche di imparare a tollerare chi ha opinioni diverse dalle nostre.

Come genitori, il miglior regalo che possiamo fare a nostro figlio è condividere con lui il nostro benessere emotivo. Per questo motivo prima di iniziare ad occuparci di lui dovremo esserci occupati di noi stessi, consiglia un articolo della testata spagnola El País.

“Amare i nostri figli implica il mettere da parte i nostri desideri per occuparci delle loro necessità. E farlo ogni giorno per molti anni.”

-Erich Fromm-

Neonato che dorme sul padre

Rispetto e amore

Lo psicologo David Cortejoso ha elencato i dieci errori più comuni che i genitori commettono nell’educare i propri figli. Il primo tra questi è non ascoltare il bambino. “È abbastanza comune che non gli diamo il tempo necessario per spiegarsi o per esprimersi, interrompendoli, con atteggiamento autoritario o dando per scontato quello che ci diranno senza dar loro l’opportunità di farlo. Lasciatelo parlare, abbiate pazienza“, consiglia.

Un articolo della rivista El País in Spagna propone quanto segue: dobbiamo rivedere le nostre priorità e le aspirazioni della nostra vita, adattandole agli orari del nostro piccolo. Dato che qualcuno deve rimanere con lui sempre nelle 24 ore del giorno, prima o poi bisognerà prendere delle decisioni.

“Possiamo permetterci che uno dei due componenti della coppia smetta di lavorare? Possiamo contare su un aiuto quotidiano da parte dei nonni? Assumiamo in modo permanente una baby sitter? Lo portiamo all’asilo nido?”, si chiedono nel brano.

Questo articolo spiega anche che essere genitori comporta l’iscrizione a un master in amore incondizionato.

Può essere che non ci siano voti, ma gli esami ci saranno ogni giorno. Per superare e adempiere ai compiti che ci presenta l’avere un figlio, dobbiamo capire che ciò che è importante è quello che facciamo noi al servizio del bambino. Così, le sue necessità saranno le nostre priorità.