Paura del parto: consigli per aiutarvi ad affrontarlo

11 settembre, 2020
Bando ai sensi di colpa: avere paura del parto è normale. Vi daremo qualche consiglio per affrontare i vostri timori ed avvicinarvi al grande evento più serene.

In molti casi la paura del parto produce dei livelli di ansia che possono avere delle conseguenze negative sulle donne. Il fatto che si abbiano delle conoscenze sul parto non impedisce di avere paura. Paura che compare soprattutto nelle donne che stanno diventando madri per la prima volta.

Con l’avvicinarsi della data del parto è normale avvertire una certa ansia. Avere paura dell’ignoto è un sentimento comune e legittimo. Il problema sorge quando questa paura è sproporzionata e la donna è totalmente terrorizzata.

Parlare con qualcuno e esternare questa sensazione di angoscia è una delle soluzioni per affrontare la paura del parto. È anche importante essere adeguatamente informate sulle varie fasi del parto in modo da non avere idee erronee o dei preconcetti che potrebbero far aumentare la vostra angoscia.

Il falso allarme

Una delle paure più comuni delle donne quando si avvicina la data del parto è quella dei falsi allarmi. Cosa succede se si va in ospedale e poi è un falso allarme? Non succede nulla!

Nessun medico rimprovererà una donna incinta per aver creduto di essere giunta al momento del parto. Anzi, accade sempre il contrario. Quando compaiono i sintomi che potrebbero indicare l’inizio del travaglio, quello che si deve fare e andare subito in ospedale o in clinica.

Donna che sta per partorire.

La conoscenza e la fiducia

Gli esperti consigliano alle donne incinte e ai loro partner di visitare il reparto di maternità dell’ospedale o della clinica. Lì potranno vedere come è organizzata la sala parto, le camere per la degenza, ecc. In questo modo i futuri genitori potranno anche conoscere il personale medico e sanitario riducendo la loro ansia e acquisendo fiducia nella struttura.

Non dobbiamo dimenticare che la paura del parto, se molto intensa ed elevata, può influenzare seriamente il funzionamento del corpo di una donna. Ad esempio, può produrre tensione nei muscoli e provocare delle risposte fisiologiche come palpitazioni, sudorazioni, ecc. Per evitare questi sintomi, esistono dei rimedi naturali.

Man mano che la paura si attenua, il corpo funzionerà meglio e sarà preparato per il parto. Ad esempio, l’utero riprenderà a funzionare correttamente e i dolori diminuiranno.

Consigli per superare la paura del parto

È fondamentale informarsi bene, soprattutto sui tempi relativi alla nascita. Qualsiasi dubbio abbiate, non esitate a consultare il medico che vi sta seguendo.

  • Quando scoprite di essere incinte, può essere molto utile frequentare dei corsi di preparazione al parto. Vi aiuteranno a capire che la gravidanza, e in seguito il parto, sono dei processi naturali. Seguendo questi corsi la donna imparerà a rilassarsi e a respirare correttamente, riducendo così la paura del parto.
  • Esistono diverse tecniche di rilassamento che aiutano a diminuire l’ansia. Inoltre, utilizzando queste tecniche potrete controllare le emozione negative.
  • In molti casi l’esperienza di altre donne può aiutarvi. Ovviamente, non dobbiamo dimenticare che ogni donna e ogni gravidanza è diversa. Le cosa da evitare è ascoltare storie di parti con esiti negativi. Questo non vi fa bene.
  • Anche il supporto del partner è essenziale. Il padre svolge un ruolo fondamentale durante la gravidanza. Condividere le vostre paure con lui vi permetterà di sfogarvi ed avere una prospettiva diversa.
  • Quando la paura del parto è molto intensa e influenza il vostro riposo o le attività quotidiane, si consiglia di parlare con un medico. È possibile che questo professionista vi dia delle indicazioni su altri servizi sanitari che forniscono un’assistenza più specifica.
Genitori che stanno per avere un bambino.

Preparazione fisica e mentale

Non c’è nessun motivo per essere pessimisti. Esistono diversi test diagnostici prenatali per assicurarsi che tutto stia andando bene (ad esempio, gli ultrasuoni). Non dimenticate che i problemi che si verificano durante il parto non raggiungono nemmeno il 3% delle nascite.

Le donne che hanno una visione negativa del parto possono avere un travaglio più doloroso. Se invece si pensa in maniera positiva, si rilascia più ossitocina, un ormone che aiuta molto ad alleviare il dolore.

Ovviamente, è importante prepararsi fisicamente al parto. La preparazione fisica include degli esercizi che riguardano le gambe e i glutei.

La paura del parto: il parto prematuro

Nel caso in cui il parto avviene oltre i tempi previsti, non dovete preoccuparvi. La fiducia nei professionisti deve essere totale. Queste situazioni richiedono calma e serenità, soprattutto da parte della madre.

Se invece vi trovate ad affrontare un parto prematuro, non fate congetture e non angustiatevi. Il medico farà tutto il possibile affinché il parto sia sicuro sia per la madre che per il bambino. Esistono diverse opzioni: somministrare ossitocina per stimolare le contrazioni, eseguire un taglio cesareo, ecc.

Dopo la nascita è importante monitorare le condizioni fisiche del bambino. Pertanto, è necessario che trascorra del tempo nell’incubatrice in modo da evitare rischi per la sua salute. Sebbene non sia facile lasciare il bambino in ospedale, ogni madre dovrebbe capire che queste precauzioni sono necessarie e che il suo bambino è in buone mani.

  • De Molina-Fernández, I. Rubio-Rico, L., Roca-Biosca, A., Jimenez-Herrera, M., De la Flor-Lopez, M., & Sirgo, A. (2015). Ansiedad y miedos de las gestantes ante el parto: La importancia de su detección. Revista Portuguesa de Enfermagem de Saúde Mental (13), 17-32.
  • Sadler, Michelle & Rivera, Magdalena. (2015). El temor al parto: Yo no me imagino el parto ideal, yo me imagino el peor de los partos. Revista Contenido. Cultura y Ciencias Sociales. 6
  • Vinacur, J. (2016). El libro del embarazo: guía práctica desde la concepción hasta el parto. Creative Andina Corp. Página 104.