Maternità dopo il cancro alle ovaie: sì, si può

Il cancro ovarico non è più né una condanna per la vita di una donna e né la fine delle sue possibilità di diventare madre. Ecco una straordinaria storica di progresso medico che viene dalla Spagna.
Maternità dopo il cancro alle ovaie: sì, si può

Ultimo aggiornamento: 16 marzo, 2021

Nell’epoca attuale molti dei limiti che ci impediscono di diventare madri possono essere superati. I progressi nel campo della riproduzione hanno portato speranza a migliaia di donne che per qualche motivo hanno delle difficoltà a realizzare il sogno di essere madri. Ad esempio, oggi anche le donne che hanno avuto un cancro alle ovaie possono sperimentare la maternità.

Poche notizie possono essere terribili come un cancro alle ovaie per coloro che vogliono diventare madri. Tuttavia, gli scienziati sono riusciti a migliorare di molto la situazione. In questo caso, non si tratta solo di combattere il cancro, ma una volta superato è necessario ottenere una gravidanza.

La maternità dopo il cancro alle ovaie è possibile?

Le ovaie sono gli organi responsabili della produzione degli ovuli, esattamente ciò di cui le donne hanno bisogno per concepire. Tuttavia, quando esse sono affette da una malattia come il cancro, la loro capacità può essere ridotta. Nella maggior parte dei casi, la donna finisce per perdere almeno una delle sue ovaie.

Se la malattia colpisce solo una delle ovaie, potrebbero non esserci grossi problemi nell’ottenere una gravidanza con l’organo sano. Le probabilità sono dimezzate, ma la speranza è alta.

cancro ovarico 2

Tuttavia, alcuni medici sono scettici su questi tipi di prognosi. Anche così, recentemente i ricercatori dell’Istituto universitario Dexeus di Barcellona sono riusciti a replicare tecniche innovative sul campo. In Spagna, un bambino è già nato da una madre che ha superato il cancro alle ovaie.

Come in altri trattamenti, la procedura consiste nel prevenire una possibile affezione del tessuto ovarico, e quindi della sua funzione ovulatoria. Per ottenere ciò, viene eseguita quella che viene chiamata vetrificazione degli ovociti.

Esempi di maternità dopo il cancro alle ovaie

Vanesa è sopravvissuta al cancro e una madre felice

Pedro Barri, presidente della Dexeus Women’s Health Foundation, spiega che l’unico modo per preservare le chance di maternità di una paziente affetta da cancro ovarico è la vetrificazione degli ovociti. Questa tecnica viene eseguita attraverso la stimolazione ovarica per due cicli mestruali. Questo porta all’iperovulazione, il cui scopo è avere più ovuli da estrarre.

Gli ovociti vengono congelati in attesa che ci servano in futuro. Tuttavia, il cancro deve prima essere sconfitto. A volte questo tipo di cancro richiede la rimozione dell’utero, ma questo non era il caso.

La paziente che si è sottoposta a questa procedura è stata Vanesa Pastor, a cui nel 2009 è stato diagnosticato un tumore all’ovaio sinistro. Dopo la diagnosi, i medici hanno deciso di rimuovere l’organo.

Dopo l’intervento chirurgico, una biopsia ha rivelato che era necessario rimuovere anche l’altra ovaia, il che avrebbe definitivamente posto fine alla sua capacità riproduttiva. Dopo la notizia devastante, Vanessa ha deciso di rivolgersi a Dexeus per avere una seconda opinione.

Questa volta, i medici le hanno dato speranza: avrebbero congelato i suoi ovuli per garantire migliori possibilità. Dopo averla sottoposta a stimolazione e aver raccolto gli ovuli, nel 2010 le è stata asportata l’ultima ovaia.

Prima del previsto, un anno dopo il trattamento, la donna aveva superato il cancro e si stava preparando a rimanere incinta. A 18 mesi il risultato è stato positivo; dopo aver impiantato un embrione fecondato con gli ovociti congelati, ha ottenuto una gravidanza.

Ed è arrivato Mario

cancro ovarico 3

Il risultato di questa dura procedura è molto più di un miracolo per questa madre. Dopo aver subito questo estenuante trattamento ed essere diventata una sopravvissuta al cancro, ora è una madre. Trentanove settimane dopo il concepimento, è nato suo figlio Mario.

Vanesa dice che il suo desiderio di essere madre era più forte di qualsiasi ostacolo. Quando hanno annunciato che avrebbe perso entrambe le ovaie, si era sentita crollare. La speranza che ha ricevuto dalla Dexeus Women’s Health Foundation è stata sufficiente per darle la forza di continuare a credere.

La fondazione ha pagato un conto di oltre 15mila euro per le cure, una cifra che appare piccola di fronte alla gioia di Vanesa di essere diventata madre. Questa storia ha avuto un lieto fine, ma purtroppo il trattamento non si applica a tutte le donne che soffrono di questa condizione. Tuttavia, coloro che vogliono preservare la loro fertilità non dovrebbero perdere la speranza.

Potrebbe interessarti ...
I miomi uterini e l’infertilità
Siamo MammeRead it in Siamo Mamme
I miomi uterini e l’infertilità

Una delle tante complicazioni di cui può soffrire l'apparato riproduttore della donna è rappresentato dai miomi uterini. Anche se si tratta di una malattia benigna, può causare conseguenze negative. Ecco qual è il suo rapporto con l'infertilità.



  • Ramírez, P. Cáncer de ovario. Manual MSD (Versión para profesionales). [En línea].
  • E. Álvarez, M. Vilouta, D. Gómez-Sánchez, J. Liceras, J.L. Doval. Cáncer de ovario y gestación. Clínica e investigación en ginecología y obstetricia. Vol. 37. Núm. 3. páginas 89-132 (Mayo – Junio 2010). DOI: 10.1016/j.gine.2008.12.003.