I principi della teoria pedagogica di Pestalozzi

14 Settembre 2019
La teoria pedagogica di Pestallozzi è caratterizzata dalla promozione della necessità di un'educazione al servizio delle persone.

La teoria pedagogica di Pestalozzi è considerata un riferimento nella pedagogia moderna. Nato a Zurigo il 12 gennaio 1746, Johann Heinrich Pestalozzi fu un influente educatore e pedagogo che credeva che le contraddizioni e la povertà della società moderna potessero essere affrontate e risolte con una buona educazione.

In questo articolo parleremo dei principi della teoria pedagogica di Pestallozzi, caratterizzata dalla promozione della necessità di un’educazione al servizio delle persone come meccanismo per la trasformazione delle condizioni di vita dei meno fortunati.

La teoria pedagogica di Pestalozzi

Il pensiero pedagogico di Pestalozzi si è sviluppato nell’ambito di un movimento culturale e intellettuale del XVIII secolo, principalmente in Europa, noto come Illuminismo. L’Illuminismo intendeva dimostrare che la ragione e la conoscenza umana potevano combattere l’ignoranza e costruire un mondo migliore, ispirando così profondi cambiamenti sociali e culturali, come la Rivoluzione francese.

Il pensiero pedagogico di Pestalozzi: origini e prime esperienze

La prima esperienza pedagogica di Pestalozzi prende forma in una fattoria vicino al Canton Argovia (Svizzera), nel 1975, chiamata Neuhof (New Farm). In questa fattoria, in un contesto segnato dalla crisi economica e sociale in Europa, decide di insegnare ai bambini poveri e orfani a lavorare il cotone e gli altri tessuti.

Pestalozzi mette fine alla sua esperienza al Neuhof quando riconosce il suo errore: introdurre i bambini nella catena di produzione. Si dedica, quindi, al mondo letterario sotto l’influenza delle idee del movimento dell’Illuminismo. È ispirato a uno dei principali rappresentanti del movimento, Jean Jacques Rousseau, che pubblica una delle sue opere più importanti, Leonardo e Gertrude, libro per il popolo (1781).

Successivamente, si trasferisce a Stans (Svizzera) con l’obiettivo di prendersi cura dei bambini orfani di guerra, ed è qui che dà vita alla teoria educativa basata sull’intuizione, creando, in seguito, una scuola per la formazione degli educatori basata sui principi fondamentali del suo metodo.

Teoria pedagogica

Questo metodo viene teorizzato in alcuni dei suoi lavori seguenti, come nel Metodo Pestalozzi (1800), in Come Gertrude istruisce i suoi figli (1801), un’opera in cui esalta il lavoro educativo delle madri e in L’ABC dell’intuizione (1803).

Nel 1805, a Yverdon (Svizzera), istituisce un collegio per la preparazione all’insegnamento. Nel collegio, vengono applicati i principi del Metodo Pestalozzi, che promuovono uno spirito educativo rinnovatore e il cui successo attira studenti provenienti da diversi paesi.

I principi della teoria pedagogica di Pestalozzi

  • Pestalozzi sviluppa un metodo scientifico per l’educazione della prima infanzia che sostiene che l’educazione non avviene spontaneamente, ma richiede un aiuto esterno. Questo aiuto dovrebbe consentire ai bambini di usare i loro sensi e le facoltà intuitive per vedere il mondo. Per questo, bisogna procedere in modo naturale e intuitivo seguendo e rispettando il corso dello sviluppo del bambino.
  • Sostiene la necessità di un’educazione nell’ambiente familiare, affidando tale responsabilità alle madri. Inoltre, promuove la necessità dell’educazione di queste madri come strumento per migliorare l’educazione della prima infanzia. Per Pestalozzi, la madre rappresenta il primo contatto emotivo, che continua più tardi a scuola attraverso i legami emotivi dei bambini con i loro coetanei.
  • Promuove la co-educazione, cioè l’educazione mista. Inoltre, prevede l’insegnamento della morale e della religione, che dovrebbe iniziare nell’ambiente familiare e poi continuare a scuola.
  • Intende sviluppare un’educazione basata sull’acquisizione di conoscenze attraverso una costante interazione con l’ambiente. Ciò indica che considera la pratica e l’esperienza più importanti rispetto ad un’educazione teorica basata solo su libri.
  • Difende l’esistenza e la necessità di creare istituzioni per bambini anche in caso di carenza delle risorse finanziarie.

Padre e figlia che leggono
Principi didattici del metodo Pestalozzi

  • Insegnare i numeri e i calcoli in base alla precedente conoscenza dei bambini e a partire dal più semplice al più complesso.
  • Uso di materiali concreti in modo che possano praticare gli esercizi, come tavolette con i numeri.
  • Insegnamento delle lingue imparando prima il suono delle parole e poi la loro unione in frasi. Più tardi, a poco a poco, promuovere l’introduzione di un nuovo vocabolario e l’esercizio dei bambini con semplici conversazioni.
  • Rafforzamento del linguaggio attraverso la lettura e la scrittura.
  • Sviluppo della memoria dei bambini attraverso semplici spiegazioni di oggetti e materiali, dando la priorità alle descrizioni per lavorare sulla loro percezione.
  • Esercizi attraverso il disegno per imparare a misurare e riprodurre gli oggetti reali. Pestalozzi sostiene che il disegno esercita il movimento della mano e getta le basi per la scrittura.
  • Promozione dell’educazione fisica per stimolare la resistenza del corpo.

Considerazioni finali

Come altri grandi pedagoghi e pensatori del suo tempo, la teoria pedagogica di Pestalozzi ha favorito un grande progresso in relazione al concetto di educazione durante l’infanzia. Pestalozzi riteneva che l’infanzia fosse un palcoscenico con una propria identità, in cui il bambino non è un soggetto passivo a cui dovrebbero essere fornite le conoscenze.

Pestalozzi ha contribuito a rafforzare l’idea che i bambini, con la mediazione degli adulti, possono essere in grado, da soli, di scoprire il mondo e quindi di imparare a pensare.