Questa casa è un disastro!

· 24 ottobre 2016

È risaputo che gran parte delle persone impiega male il proprio tempo e non ricorda neanche in che modo; ciò equivale spesso ad avere una casa disordinata e un’interminabile lista di cose da fare. Questo tipo di situazione si amplifica quando si è madri, dato che, alla presenza di bambini in casa, le cose da fare si moltiplicano. 

Se anche voi fate parte dell’elevata percentuale di persone che non sa più che ne è stato delle loro giornate, desideriamo comunicarvi che avete la nostra comprensione.  In pochi riescono a dare sfoggio del proprio ordine, ma chi lo fa può fornirci dei buoni suggerimenti  su come iniziare a organizzare il nostro tempo.

Organizzazione efficace del tempo

Il tempo non dovrebbe mancare o avanzare a nessuno, perché  tutti abbiamo quelle stesse dodici ore (più o meno) di veglia al giorno, quindi come mai è così comune affermare di non avere il tempo per le faccende di casa?

Organizzare la nostra giornata in maniera adeguata rappresenta il primo passo affinché ciascuna ora che passa abbia il suo significato. Certo, è bello sapere di non essere le sole a sprecare il proprio tempo, ma non è consigliabile per noi che desideriamo una maggiore produttività come madri.

Il nemico principale dell’organizzazione del tempo è la quantità di occupazioni che, sebbene ci sembrino ben distribuite, finiscono sempre col togliere qualche millesimo di secondo alle altre cose da fare.

L’altro nemico è il disordine, il quale, nonostante sia giustificato dalla mancanza di tempo, rappresenta spesso una limitazione affinché si riescano a svolgere le faccende in maniera effettiva. Se, ad esempio, quando arriva l’ora di cucinare la tavola è un disastro, perdiamo dei minuti preziosi per dedicarci alla sistemazione della zona in cui dovremo apparecchiare.

Certo, non dobbiamo tralasciare pigrizia e stanchezza, che non esitano a contribuire alla confusione. A volte è una questione di necessità o di personalità quella di voler avere ogni cosa al suo posto, ma se ci lasciamo influenzare dalla pigrizia o dalla stanchezza che si fanno sentire, allora avremo sempre una scusa per giustificare il disordine onnipresente in casa.

“L’unica cosa che ci appartiene davvero è il tempo; anche chi non possiede nulla, ha per lo meno la stessa quantità di tempo di qualunque altra  persona”.

-Baltasar Gracián

ragazza in ritardo

Che ne è stato della mia giornata?

Ogni giorno è composto da 24 ore, la maggior parte delle quali svaniscono senza che ce ne accorgiamo. Forse la giornata ci sfugge quando abbiamo molto da fare?

Ma no, quando siamo occupate in faccende previdentemente organizzate, le ore passano più in fretta, è vero, ma sono anche più produttive. In effetti diciamo di aver perso la giornata proprio quando nulla va come lo avevamo pianificato.

Certo, a volte le giornate ci sfuggono anche perché seguiamo i ritmi o le esigenze di altre persone, che a volte sono molto più impegnative e complesse delle nostre occupazioni abituali: ad ogni modo, per un motivo o per un altro, c’è sempre qualcosa che ci fa perdere tempo.

Nonostante tutto, però, è nostro dovere riprendere il ritmo prestabilito, per muoverci in funzione dell’orologio.

Non serve accusare qualcun’altro della nostra mancanza di organizzazione, soprattutto quando la causa sono i nostri figli. Di certo, avere la casa in disordine è uno dei prezzi più bassi da pagare in cambio della soddisfazione che ci danno i nostri ragazzi.

donna che passa aspirapolvere

Ad ogni modo, se ritenete che questa situazione sia troppo per voi, vi proponiamo di seguire questi consigli per limitare i danni:

  • Mantenete la calma e siate pazienti.
  • Organizzate le vostre faccende per ordine di priorità (riflettete su ciò che è davvero importante).
  • Fate in modo che ogni cosa abbia un posto preciso, fisso e accessibile.
  • Delegate le faccende agli altri componenti della famiglia (i ragazzi devono aiutare, soprattutto quando sono loro stessi a causare il disordine).
  • Fate in modo di avere il controllo delle vostre occupazioni e impedite che succeda il contrario.
  • Fate attenzione ai cambiamenti del vostro stato d’animo e della vostra salute fisica, in modo che la stanchezza non vi colga di sorpresa.
  • Dedicate le prime ore del giorno alle faccende più semplici, in modo da non stancarvi subito (ricordate di stabilire le priorità in base a ciò che avete fatto in precedenza).
  • Pianificate un orario da dedicare esclusivamente alle faccende, in modo tale da non diventare schiave dell’ordine.
  • Scegliete una parte della casa e fate in modo che questa resti “incolume” al disordine: può servirvi per ispirarvi e motivarvi nei momenti di sconforto.