Quali complicanze si possono presentare nel post-parto?

· 20 novembre 2018
Anche se non tutti lo sanno, durante il post-parto la nuova mamma rischia alcune complicanze. Scopriamo insieme quali sono le più comuni.

Il post-parto è una fase molto delicata; anche se tutto è andato bene durante il momento del parto, sono necessari un’attenzione e un riposo particolari. Nonostante non sia spesso riconosciuta l’importanza di avere delle particolari attenzioni dopo aver dato alla luce, alcune madri possono avere delle complicanze. Magari sono poco frequenti, ma sono comunque possibili.

Piccoli sintomi che non sono attesi o diagnosticati possono diventare più complessi. Per questo è bene controllare che tutto nel nostro corpo sia a posto nei giorni seguenti al parto. Tra le complicanze più comuni ci sono le infezioni e le emorragie. La gravità degli inconvenienti può variare a seconda del modo in cui è avvenuto il parto, perché possono essere molto diversi nel caso di un cesareo rispetto a un parto naturale.

Dopo un intervento di chirurgia ci possono essere molti rischi. Per questo si dice che la fase più difficile di ogni intervento è la convalescenza. Nel caso del cesareo non c’è molta differenza rispetto a tutti gli altri interventi, perché esiste lo stesso rischio di anestesia, ci saranno tagli e una perdita di sangue.

Però, anche nel caso di un parto naturale ci possono essere dei rischi, tra cui la stipsi, le emorroidi e l’incontinenza sono i più comuni. Altre complicanze legate alla fase post-natale sono la depressione e la paura di riprendere le nostre normali attività.

Dolore

Complicanze più comuni nel post-parto

Non tutto può essere previsto, per questo non possiamo elencare tutte le complicazioni possibili nella fase del post-parto. In questo senso, a seguito della maggior parte delle esperienze e delle ricerche a riguardo, possiamo citare alcune difficoltà che più spesso colpiscono le donne dopo aver partorito.

Errori medici o imprevisti a seguito di problemi precedenti durante la gravidanza vanno oltre quello che vi raccontiamo oggi. Tuttavia, è importante sottolineare il fatto che il momento del parto è molto difficile per il corpo della donna. Per questo, possono esserci un’infinità di imprevisti nei giorni successivi.

Tra le complicanze più comuni che si possono presentare nel post-parto, abbiamo:

  • I processi infettivi tendono a presentarsi nel post-parto, e anche se non accade a tutte, esiste un grande rischio che si presentino nei primi due giorni dopo il parto. La famosa infezione post-parto, che colpisce l’apparato genitale, può mostrarsi per la comparsa di febbre, tachicardia, mal di testa e sensibilità intima.
  • Nel caso di un cesareo o di episiotomia, è possibile che si presenti un’infezione nella zona del taglio. Questa complicanza potrebbe aggravarsi con la comparsa di ecchimosi, secrezioni di pus, edemi e dolore intenso.
  • Dopo 3 settimane o anche prima, potrebbe comparire una fastidiosa mastite, che è un’infezione del seno. Questa infezione può essere molto dolorosa e inoltre può causare infiammazione e febbre. Si tratta con antibiotici, ma che sono scelti tra quelli sicuri per l’allattamento. Questo infatti non deve essere interrotto, perché aiuta il processo di guarigione.
Post-parto

Altre complicanze importanti:

  • Una complicanza molto comune si può presentare oltre alla pura salute fisica della donna. Una volta passata la felicità del parto alcune donne possono cadere in depressione, tristezza, mancanza di motivazione, frustrazione o inappetenza. Questo inconveniente tende a scomparire in breve tempo, ma può trasformarsi in una malattia che deve essere affrontata con l’aiuto di uno specialista.
  • Un disturbo più grave può essere la tromboflebite. Si tratta di un disturbo abbastanza probabile dopo il parto perché avviene a causa dell’eccessiva coagulazione del sangue. Può trattarsi di una cosa superficiale se accade in una piccola vena, ma potrebbe anche trasformarsi in una trombosi pericolosa per il sistema circolatorio. Questa complicanza può causare molto dolore nella zona, infiammazione e febbre.
  • Già durante la gravidanza la donna può aver sofferto di incontinenza urinaria; questa potrebbe però aggravarsi nel post-parto. L’indebolimento e la dilatazione dei muscoli dell’addome e del pavimento pelvico tendono ad essere maggiori dopo il parto. Per questo tende a comparire una “incontinenza da sforzo”, che è quella causata dal tossire, starnutire o anche solo ridere.
  • L’infiammazione dell’endometrio o endometrite è molto comune nelle donne che hanno partorito tramite cesareo. In questo caso compare un gonfiore nella membrana interna che ricopre l’utero come conseguenza della manipolazione durante l’intervento; si presenta con febbre, dolore e malessere generale.