10 consigli per insegnare a parlare a vostro figlio

· 13 Febbraio 2018

Mamma, papà… Di certo saranno queste le prime parole che escono dalla bocca dei nostri piccoli. Mano a mano che crescono, però, sorge una domanda: come possiamo insegnare a parlare ai nostri figli?

Consigli per insegnare a parlare

Leggere con loro fin da quando sono molto piccoli

È dimostrato che, quando i genitori rendono la lettura un’abitudine normale e leggono ai bambini fin da quando sono piccoli, insegnare a parlare ai nostri figli diventa più facile. In questo modo considerano la comunicazione verbale come un fatto naturale e prestano attenzione alla composizione delle frasi, trasformandosi in spugne che assorbono le parole con facilità.

Cantare con loro li fa imparare a parlare

Esistono numerose canzoncine create specificamente per l’apprendimento del bambino. Grazie alla loro ripetizione, cattureranno e incideranno nella sua mente delle frasi che, poco a poco, gli saranno d’aiuto e gli insegneranno a parlare.

Non è raro, infatti, incontrare bebè che sanno a malapena parlare, ma che già canticchiano le canzoni infantili, provocando negli adulti un gran sorriso e destando la loro ammirazione per l’impressionante capacità di memorizzazione che dimostrano fin da piccoli.

La parola è la rappresentazione della mente, e la scrittura è la rappresentazione della parola

-Aristotele-

Fare domande

Anche l’uso delle domande aiuta i nostri figli a imparare a parlare e ad ampliare il loro vocabolario. In particolar modo, le domande che implicano una scelta: “Vuoi mangiare una banana o una mela?”.

Lasciargli il tempo di esprimersi con parole sue

Mano a mano che il bambino desidera iniziare a parlare e comunicare con gli altri, inizierà a indicare gli oggetti perché possiamo avvicinarglieli. Per esempio, potrebbe chiederci un giocattolo usando le mani e cercando di pronunciarne il nome con parole sue. In quel momento, soffochiamo la tentazione di avvicinargli l’oggetto prima che ne abbia detto il nome, in modo che possa mettere in relazione la parola con il premio.

Neonato che prova a parlare

Non parlare troppo

Se vogliamo insegnare a parlare a nostro figlio e, come abbiamo già visto, utilizziamo le domande, dovremo attendere con pazienza che il bambino risponda, senza che siamo noi a farlo al suo posto. Per esempio: “Che cosa ti hanno regalato i nonni?”. Se il bambino non risponde subito, aspettate, senza affrettare la risposta.

D’altra parte, se parliamo al piccolo senza interruzioni o se non lo facciamo con calma, otterremo solo di stancarlo e fargli decidere di non dire nemmeno una parola.

Utilizzare un linguaggio corretto

Non è cosa buona né utile insegnare a parlare al bambino impiegando un vocabolario povero o pronunciando le parole in maniera scorretta, perché lui le imparerà come gli è stato insegnato. Ciò non significa parlare in un linguaggio particolarmente complesso, ma esattamente il contrario: andranno utilizzate frasi semplici che il piccolo possa comprendere, che siano, allo stesso tempo, pronunciate correttamente.

Chi parla in modo da farsi capire sempre parla bene

-Molière-

Correggete in maniera indiretta

Quando nostro figlio pronuncia qualche parola isolata, ciò che possiamo fare è aggiungerne qualcun’altra alla frase, in modo che possa ampliare il suo vocabolario. Per esempio, se il bambino dice: “Mela“, possiamo aggiungere: “La mela è molto buona”.

Adattare il nostro vocabolario a ogni età

Anche se utilizziamo un linguaggio e un vocabolario comune, per insegnare a parlare a nostro figlio dobbiamo rivolgerci a lui in una forma molto semplice, impiegando frasi adatte per la sua età. Le frasi brevi, semplici e specifiche gli saranno di grande aiuto nello sviluppo del suo linguaggio.

Creare un ambiente adeguato per l’apprendimento

Riservare in casa uno spazio (per esempio, la stanza del bambino) per il suo sviluppo e apprendimento, che possa dare la massima libertà alla creatività e al movimento, lo aiuterà ad ampliare, poco a poco, il suo piccolo vocabolario.

Uno spazio adeguato è fondamentale per insegnare a parlare a vostro figlio

Valorizzare sempre le sue conquiste

Bisogna sempre ricordare di dare attenzione e valore ai risultati ottenuti dai nostri figli nel loro vocabolario, per quanto piccoli possano essere.

Mettendo in pratica tutti questi consigli e armandoci di pazienza, avremo la soddisfazione di insegnare a parlare ai nostri figli e vederne i risultati.