8 chiavi per generare spazi di comunicazione familiare

Non va sottovalutata l'importanza della comunicazione familiare, che rappresenta uno spazio di negoziazione, crescita e sviluppo.
8 chiavi per generare spazi di comunicazione familiare

Ultimo aggiornamento: 11 agosto, 2022

Come siamo noi? Come ci sentiamo? Cosa succede alla nostra famiglia? Molte volte viviamo sotto lo stesso tetto, ma non sappiamo cosa succede agli altri, cosa li preoccupa o cosa desiderano, senza poterlo realizzare. Il vortice della vita quotidiana ci porta a supporre che se succede qualcosa ai nostri conviventi ce lo diranno. O anche, siamo abituati a conversare in corridoio, o in macchina mentre andiamo al lavoro o a scuola, in mezzo al caos del traffico. In questo modo, sminuiamo l’importanza del dialogo e di tutto il supporto, il sollievo e persino la distrazione che potremmo trovarvi. Vediamo cosa ci manca e iniziamo a generare più spazi per la comunicazione familiare.

Perché incoraggiare il dialogo in famiglia?

Promuovere il dialogo è di enorme importanza per il benessere della famiglia e, inoltre, è la via principale per accedere alla vita degli altri. Soprattutto quella dei nostri figli.

Inoltre, le conversazioni sono l’antidoto a supposizioni, messaggi impliciti e distorsioni o confusione sulla realtà.

Il dialogo ci permette di crescere e pensare a noi stessi, poiché ascoltandoci a vicenda, finiamo di “chiudere” e di capire ciò che prima non eravamo stati in grado di fare.

Creare spazi per la comunicazione familiare

abitudini salutari condivise per la cena in famiglia
La famiglia è la prima scuola e i bambini imparano da essa attraverso l’osservazione e la routine quotidiana. Per questo incoraggiate spazi di dialogo per la condivisione reciproca delle esperienze.

1. Scegliere i momenti per parlare

Cercate di creare spazi in cui tutti possano parlare in modo rilassato, come la colazione, la cena o il fine settimana. Chiedetevi come è andata la vostra giornata, qual è stata la cosa più bella che vi è successa e cosa non è stato così bello.

Inoltre, create un clima di conversazione piacevole, non con toni dichiarativi, ed evitate di correre.

Una raccomandazione utile è quella di organizzare piani familiari che aiutino a condividere il tempo, a conoscersi e a rafforzare i legami.

2. Mantenere un ascolto attivo per creare spazi di comunicazione familiare 

Cercate di promuovere uno scambio fluido. Evitate di monopolizzare la conversazione e anche i sermoni o il “te l’avevo detto”. Il peggior nemico del dialogo e della fiducia è l’atteggiamento sapientone.

Bisogna saper individuare i momenti giusti per intervenire e differenziare quelli da quelli in cui si cerca di sapere come sta l’altra persona.

Ad esempio, quando pensate che potrebbe succedere qualcosa a vostro figlio o dopo un film rivelatore, usate una scena per introdurre una domanda o fare un esempio. Anche per aprire lo spazio a conversazioni casuali.

4. Evitare di invalidare le emozioni dei figli

Quando reprimete i sentimenti, lasciate ai vostri figli l’idea che non va bene esprimersi in modo naturale. In questo modo si chiude lo spazio al dialogo e alla conoscenza del proprio mondo interiore.

Se vostro figlio non è uno dei più espressivi, aiutatelo a connettersi con le sue emozioni e condividete le vostre con lui. Né è consigliabile forzare le conversazioni, perché bisogna saper dare spazi e lasciare la strada aperta per quando serve.

Un altro fatto importante è evitare di minimizzare ciò che ci dicono o prendere in giro i loro sentimenti.

5. Cercare soluzioni o dare suggerimenti insieme

La comunicazione è anche più fluida quando coloro che partecipano si sentono apprezzati e ascoltati. Pertanto, è importante che ci siano spazi di negoziazione in famiglia.

Ad esempio, che i bambini possano scegliere alcune attività del fine settimana, che abbiano delle responsabilità o che partecipino quando stabiliscono determinate regole.

6. Implementare un linguaggio comune per creare spazi di comunicazione familiare

Molte volte gli adulti stabiliscono una distanza con i figli della famiglia perché ci muoviamo nel “mondo dei grandi”. Ad esempio, usiamo parole “corsette” o rigide, invece di cercare di spostarci nel loro universo o di usare per loro espressioni più quotidiane e amichevoli.

Empatia e connessione con i nostri figli sono condizioni favorevoli per impegnarsi in un dialogo ricco. Ma questo richiede che li ascoltiamo ed entriamo nel loro mondo.

7. Incoraggiare l’onestà

Generare spazi di comunicazione familiare implica creare un’atmosfera sicura, in cui possiamo essere chi siamo e assolutamente genuini con gli altri. È anche accettare che non ascolteremo sempre ciò che vogliamo o ci aspettiamo, ma nonostante le differenze, il rispetto dovrebbe sempre prevalere.

Il padre chiede perdono a suo figlio per riparare i danni causati dopo avergli urlato contro.
Insegnate a vostro figlio ad essere sincero con l’esempio della tua onestà. Siate umili, riconoscete anche i vostri errori e scusatevi quando avete commesso un errore.

8. Non usare solo le parole per creare spazi di comunicazione familiare 

Infine, è necessario sottolineare che il dialogo non si limita allo scambio di parole. Molte volte non li abbiamo, ma possiamo accompagnarli con un gesto, con un abbraccio.

Inoltre, dobbiamo essere consapevoli che il nostro linguaggio non verbale comunica molto di più di quello che diciamo.

Pensare prima a sé stessi

Molte volte generiamo un dialogo o poniamo una domanda senza essere realmente disposti a conversare. Così, ci troviamo con un grido sconsolato dall’altra parte o con una pretesa per la quale non eravamo pronti, o per mancanza di tempo, voglia o enorme fatica.

Pertanto, prima di iniziare a parlare con vostro figlio, siate onesti con voi stessi, riconoscete come vi sentite in quel momento e scegliete se volete partecipare o meno allo scambio. È valido e salutare riconoscere la mancanza di intenzione, perché non c’è niente di peggio che forzare qualcosa solo perché.

Dobbiamo dare alla parola il posto e l’importanza che merita. Non si dovrebbe avviare una conversazione con il pilota automatico, poiché ciò può portare a un senso di falso interesse. Riconoscete le vostre emozioni e accettate che oggi non possiamo, è necessario. È prendersi cura di se stessi e prendersi cura di tutti gli altri.

Potrebbe interessarti ...
Le conseguenze di una scarsa comunicazione familiare
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Le conseguenze di una scarsa comunicazione familiare

Una cattiva comunicazione familiare può avere gravi conseguenze per tutti i suoi membri. Scoprite cosa sono e come migliorare.



  • Flores, José de Jesús Vargas, Reyes, Edilberta Joselina Ibáñez, & Lira, María Luisa Hernández. (2012). La familia como contexto en la construcción de las emociones. Alternativas en Psicología16(27), 54-66. Recuperado el 10 de mayo de 2022, de http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1405-339X2012000200005&lng=pt&tlng=es.
  • Techera, Deborah, & Modzelewski, Helena, & Fernández, Jacqueline (2016). Educar emociones desde la familia: un caso experimental en Uruguay. Revista Latinoamericana de Estudios Educativos (México), XLVI(1),95-118.[fecha de Consulta 10 de Mayo de 2022]. ISSN: 0185-1284. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=27044739005