Frustrazione e sviluppo del linguaggio dei bambini: come sono correlati?

Nelle situazioni di collasso emotivo, è importante aiutare i bambini a esprimere a parole ciò che accade loro.
Frustrazione e sviluppo del linguaggio dei bambini: come sono correlati?

Ultimo aggiornamento: 07 luglio, 2022

Oggi parleremo della correlazione tra frustrazione e sviluppo del linguaggio.

Nel suo sviluppo, il linguaggio attraversa diverse fasi: balbettio, suoni gutturali, le prime sillabe che si ripetono. A poco a poco, comincia ad assumere nuove forme. Ma perché ciò avvenga, i bambini devono essere esposti alla parola in tenera età e ricevere una stimolazione adeguata per farlo, anche se non comprendono appieno ciò che gli viene detto.

Il linguaggio è uno strumento chiave per esprimerci e la sua gestione diventa una risorsa necessaria per gestire le emozioni, il processo decisionale e altre importanti funzioni.

Lo sviluppo del linguaggio nei bambini: cosa dovremmo sapere

Quando pensiamo allo sviluppo del linguaggio, dobbiamo sapere che abbiamo a che fare con un processo complesso e graduale che coinvolge molto di più che combinare parole o produrre suoni.

La parola ci permette di condividere e comunicare con gli altri ed esprimere come ci sentiamo. Per questo lo sviluppo del linguaggio rappresenta una grande sfida, poiché è un veicolo che ci aiuta anche a organizzare il nostro universo emotivo.

Da un lato, è utile capire che nel momento in cui si impara a comunicare c’è un’intera base biologica che funge da supporto. Pertanto, è fondamentale determinare che tutto funzioni correttamente e che non vi sia alcun disturbo che impedisca il corso del suo sviluppo. E, se c’è, l’obiettivo dovrebbe essere quello di fornire gli strumenti necessari per adattare correttamente la comunicazione.

D’altra parte, dobbiamo sapere che la lingua si impara attraverso la pratica e quindi mantenere un ambiente ricco di parole serve come punto di partenza per il suo corretto sviluppo.

La frustrazione di non essere in grado di comunicare qualcosa porta i bambini ad esprimersi attraverso atti, come fare i capricci, urlare o piangere.

Frustrazione e sviluppo del linguaggio dei bambini: come sono correlati?

Quando siamo frustrati, ci troviamo di fronte a un imminente “scatto emotivo”: il cervello viene “hackerato” dalle nostre emozioni e questo rende difficile dare una risposta accettabile. In questo senso, da adulti, è importante essere in grado di identificare questi momenti e aiutare i bambini a capire cosa sta succedendo loro. Gestire le proprie emozioni è la chiave per essere in grado di superare la frustrazione e trovare i modi migliori di esprimersi.

Ad esempio, di fronte a una situazione scomoda, i bambini trovano piuttosto difficile riuscire a esprimere a parole ciò che sta loro accadendo e invece picchiano, urlano o piangono. Cioè, sostituiscono le parole con le azioni. Anche finché non si calmano, quando provano a dire qualcosa, forse è una frase che rafforza ulteriormente il loro problema: “Sono un pazzo a cadere dalla bici, sono inutile”.

Come possiamo vedere, la frustrazione può essere un ostacolo allo sviluppo del linguaggio e della comunicazione. Per questo è fondamentale accompagnare i bambini a calmarsi in modo che possano poi cedere il passo all’espressione.

Alcuni suggerimenti aggiuntivi

Gli adulti sono i principali riferimenti nello sviluppo dei bambini. Pertanto, tutto ciò che i piccoli vedono, percepiscono e ascoltano dagli anziani, è “a portata di mano” per ripeterlo quando ne hanno bisogno. In questo senso, è fondamentale essere i regolatori in un momento di crisi ed evitare di usare espressioni di minaccia o punizione, poiché queste tendono a renderli più nervosi.

D’altra parte, è anche importante parlare con loro in modo che acquisiscano familiarità con la lingua e il suo uso. Una delle misure consiste nel rendere gradualmente più complessa la comunicazione. Ad esempio, quando sono più giovani e indicano qualcosa -come essere un cane-, rinforzatelo con la parola e ditegli “è un cane, ti piace, vero? “. Man mano che crescono, questa idea può essere ampliata e arricchita.

Inoltre, dobbiamo dare ai bambini il tempo di esprimersi e dobbiamo tenere conto di alcuni suggerimenti:

  • Non completare le sue idee.
  • Non rispondere al posto loro.
  • Evitare di agire finché non hanno finito di chiedere ciò di cui hanno bisogno.
  • Rispettare i loro processi.
  • Sfidarli a essere in grado di comunicare qualcosa dall’inizio alla fine.

Potete anche leggere storie o cantare ai bambini. Questi sono modi divertenti per aiutarli a entrare in contatto con le parole e sviluppare la loro immaginazione.

Infine, quando si effettua una correzione, è meglio indicare il modo appropriato di esprimersi, invece di evidenziare l’errore. Vediamo un esempio: Juan dice a suo padre “La finestra è stata aperta dal vento”. In questo caso, l’ideale è che il padre gli dica “hai ragione, il forte vento ha aperto la finestra”.

frustrazione e sviluppo del linguaggio
Leggere ai bambini è una buona iniziativa per incoraggiare lo sviluppo del linguaggio e dell’immaginazione.

Lo sviluppo del linguaggio implica molto di più di quello che diciamo

Pensare allo sviluppo della lingua in tutta la sua complessità ci permette di adattare gli strumenti necessari per facilitarne l’apprendimento. Nella scelta delle parole che usiamo, nei toni o nei silenzi, c’è molta più informazione di quello che diciamo. Essere consapevoli della versatilità e della ricchezza del linguaggio ci renderà più facile comunicare ciò che vogliamo.

Potrebbe interessarti ...
7 esercizi per aiutare i bambini a tollerare la frustrazione
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
7 esercizi per aiutare i bambini a tollerare la frustrazione

I giochi e le storie possono essere alcune delle dinamiche per aiutare i bambini a tollerare meglio la frustrazione. Scoprite di più!



  • Bilbao, Alvaro (2015) El cerebro del niño explicado a los padres.Plataforma Actual.
  • Goleman, D. (1995). Inteligencia emocional. Barcelona: Kairós.
  • Gómez-Madrid, Marina; Aguirre Delgado, Triana; Borges del Rosal, María de África. Tolerancia a la frustración en niñez con altas capacidades. Diseño y evaluación de un programa de intervención. Revista Educación, vol. 46, núm. 1, 2022. Universidad de Costa Rica, Costa Rica