Amo mio figlio, ma voglio già che se ne vada di casa

Per motivi economici, materiali o psicologi, sono sempre più numerosi i giovani adulti che posticipiano l'abbandono del nido. Questo genera nei genitori frustrazione e disagio.
Amo mio figlio, ma voglio già che se ne vada di casa

Ultimo aggiornamento: 22 dicembre, 2022

La durata e il modo di vivere le diverse fasi vitali sono notevolmente cambiati negli ultimi tempi. In questo senso, non sorprende che molti giovani adulti siano ancora dipendenti dai genitori in senso simbolico ed economico. D’altra parte, non dimentichiamo che l’aspettativa di vita è aumentata notevolmente, poiché oggi non sorprende che una persona raggiunga i 90 o 95 anni. Questi cambiamenti favoriscono la sindrome del “nido pieno” e portano a pensare: “amo mio figlio, ma…”.

Questa situazione porta con sé scenari contrastanti in case dove tutti i conviventi sono già maggiorenni. Da ciò, nei genitori si rafforza una sensazione di disagio e frustrazione. È allora che si pongono la domanda inevitabile: quando usciranno di casa?

Ragioni del ritardo dell’emancipazione familiare: amo mio figlio, ma…

Sarebbe molto ingiusto incolpare i giovani adulti per questa situazione, dal momento che dobbiamo tenere presente che anche loro sono inseriti in una società con determinate caratteristiche e problemi. A volte non escono di casa perché non vogliono, ma altre volte le circostanze esterne non lo consentono. In questo senso, sia i genitori che i figli se la passano male e il sentimento di frustrazione è piuttosto condiviso.

Secondo uno studio che coinvolge i Paesi europei, sono i giovani spagnoli quelli che restano più a lungo nella casa materna e paterna. Inoltre, i motivi più comuni che spiegano questo comportamento sono menzionati qui:

  • Motivi materiali ed economici: vuoi per mancanza di lavoro stabile e ben retribuito, vuoi perché l’alloggio è molto caro e gli appartamenti in affitto sono pochi.
  • Istruzione prolungata: molti giovani adulti scelgono di lasciare la casa di famiglia una volta completati i loro studi universitari e post-laurea sempre più lunghi.
  • Adolescenza prolungata o sindrome di Peter Pan: il fatto di vivere nella casa di famiglia può anche rispondere al desiderio di mantenere i benefici dell’essere adolescenti accuditi dai genitori.
  • Iperprotezione: molti giovani ricevono mensilità economiche dai genitori pur avendo un lavoro stabile. Inoltre, frequentano gli appuntamenti medici dal medico di famiglia vostro. In questo caso sono i genitori ad avere difficoltà a farli volare.
Generalmente i figli adulti rimangono nella casa familiare per motivi economici o materiali, ma anche per la sindrome dell’adolescenza prolungata.

Nido vuoto, nido pieno…amo mio figlio, ma…

Sicuramente hai mai sentito il termine nido vuoto. Questo si riferisce alle sequele psicologiche ed emotive che sono presenti nei genitori una volta che i loro figli lasciano la casa di famiglia. Sebbene non tutte le persone lo vivano allo stesso modo, è ricorrente che compaiano sentimenti di tristezza e solitudine. Ad esempio, l’idea di non avere uno scopo di vita abbastanza chiaro e potente a cui aggrapparsi durante la terza o quarta età.

I cambiamenti nelle rappresentazioni sociali, le crisi economiche e le trasformazioni relazionali spiegano il ritardo nella realizzazione personale e professionale nei giovani adulti nelle culture occidentali. Costruire uno stile di vita più autonomo non sembra essere tra le sue priorità. Di conseguenza, provoca la sindrome del nido pieno nei suoi genitori.

Pertanto, i giovani preferiscono mantenere il più a lungo possibile uno stile di vita spensierato per viaggiare, risparmiare denaro o evitare i rischi e le responsabilità che la vita adulta comporta.

“Uno dei messaggi che ricevono i giovani è: approfittare del presente,
godere, essere felici […] Questi messaggi sono uno dei motivi per cui i giovani
Non puoi interessarti al consolidamento della tua indipendenza. Come lavorare
per pagare l’affitto, prendersi cura del cibo, dei vestiti e avere anche tempo e
soldi per uscire, bere, viaggiare e comprare articoli di marca? qualcosa dovrà
dimettersi e quel qualcosa è l’indipendenza”.

-Moreschi-

Il punto è che non sono più così sedotti dal volo dal nido, anche se sono in grado di prendere il volo. È allora che la convivenza inizia a rompersi ei genitori iniziano a sentirsi invasi, limitati o fastidiosi. E cosa succede quando diversi grandi uccelli vivono insieme in un nido che non è adatto a così tanto peso? Se il nido è pieno, rischia di sfaldarsi.

Un nido pieno spesso rende difficile la convivenza tra genitori e figli adulti. I genitori possono sentirsi invasi, sconvolti o frustrati, quindi aspettano il momento in cui il giovane esce di casa.

Amo mio figlio, ma è ora che se ne vada di casa

Quando i nostri figli sono piccoli, ci preoccupiamo per il giorno in cui non si lasceranno abbracciare così tanto o che sceglieranno di dormire tutta la notte nel loro letto. Allo stesso tempo, ci sentiamo a disagio sapendo che a un certo punto preferiranno uscire con i loro amici invece di stare a casa con noi.

Così, ci rende nostalgici scoprire che non hanno più tanto bisogno di noi. Ad esempio, la prima volta che entrano a scuola senza nemmeno salutare, ci lascia a bocca aperta. Quanta nostalgia ci fa vedere le loro foto di neonati quando già ci superano in altezza!

Tuttavia, questo non significa che vorremmo davvero averli intorno per sempre. Non perché non li amiamo o non siamo felici di condividere del tempo con loro, ma perché lasciarli volare di solito è associato al riconnettersi con la propria vita indipendente. È divertente, ma ora vogliamo che accada quello che tanto temevamo: che si allontanino un po’ da casa.

Potrebbe interessarti ...
Crescere un figlio da sola: un’esperienza dura ma meravigliosa
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Crescere un figlio da sola: un’esperienza dura ma meravigliosa

Crescere un figlio da sola è un'esperienza singolare ed è piuttosto complessa, ma può diventare la miglior cosa della nostra vita.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.