La cogenitorialità: scopriamo cos'è e in cosa consiste

Cos'è la cogenitorialità? Questo concetto vi è familiare? Quali vantaggi e svantaggi troviamo in questo nuovo modo di intendere la paternità?
La cogenitorialità: scopriamo cos'è e in cosa consiste

Ultimo aggiornamento: 06 marzo, 2022

Il fatto che la maternità e la paternità, i processi genitoriali e le relazioni di coppia -insieme a tutto il resto- si siano evoluti (e siano cambiati)  nel corso degli anni è innegabile. Oltretutto, Internet ha promosso nuovi modi di relazionarsi e persino di comprendere la genitorialità e le relazioni. Ecco cosa è la cogenitorialità, un nuovo modo di essere padri e madri.

Questo fenomeno definisce l’incontro di due persone che vogliono avere figli ma che, per una serie di motivi, non hanno avuto l’opportunità, non hanno trovato il tempo o la persona per farlo, ecc. Questo fa sì che alcuni di loro ricorrano alla cogenitorialità, fenomeno che consiste nell’avere un figlio con qualcuno con cui non si ha una relazione.

Sono sempre di più, infatti, i portali web dove è possibile essere padre o madre utilizzando questo nuovo concetto. In questo senso, ci sono delle pagine che ti permettono di incontrare quella persona che si trova nella tua stessa situazione e di “fare una partita ” per realizzare quel desiderio comune.

Non vogliamo affatto banalizzare questo tema perché è molto delicato, quindi stiamo per approfondire in cosa consiste la co-genitorialità e quali sono i requisiti necessari affinché questo processo si realizzi e vada a vantaggio di tutte le parti ( compreso il bambino in comune).

Cos’è la cogenitorialità?

La cogenitorialità è un fenomeno recente, un modo innovativo di essere genitore, che coinvolge due persone che si incontrano al solo scopo di avere un figlio insieme. In altre parole, sono persone che non mantengono un rapporto affettivo-sessuale (non sono una coppia), ma che condividono lo stesso desiderio: essere genitori.

Dunque, la co-genitorialità implica la condivisione dei diritti e delle responsabilità dei padri e della madre sui figli. Pertanto, questo concetto separa la relazione coniugale (o di coppia) dal concepimento e dall’educazione. Si tratta di uno stile genitoriale totalmente nuovo in cui i bambini non nascono come risultato di una relazione di coppia o matrimoniale.

Vantaggi e svantaggi

Come possibili vantaggi della co-genitorialità, scopriamo che hai, in un certo senso, più libertà, perché siete single (o no, ma è una possibilità), hai il 50% del tempo per te stesso (a seconda del accordi con l’altra persona), ecc Inoltre, crescere un figlio può essere molto flessibile, se c’è una buona intesa con l’altra persona.

Per quanto riguarda i disagi, devi coordinarti molto con qualcuno che potresti aver appena incontrato (può essere anche un amico, a seconda di come è iniziato questo processo), possono sorgere molti dubbi e paure, ecc. Inoltre, quel “legame” non si forma nella famiglia a un livello più tradizionale, cioè è una relazione alquanto peculiare in questo senso.

Il figlio di una relazione di co-genitorialità

Per molti, specialmente quelli con una mentalità più tradizionale o classica, questo nuovo concetto potrà risultare scioccante. Come avere un figlio con qualcuno con cui non si mantiene una relazione? Come sarà l’educazione e la vita di questo nuovo essere?

In linea di principio, secondo alcuni esperti, se c’è un buon clima tra i genitori ed entrambi assumono un reale impegno per la genitorialità, non dovrebbero insorgere nel bambino conflitti o problemi (al di là di quelli “normali” o abituali). In altre parole, è possibile crescere un bambino in modo sano attraverso la co-genitorialità, ma deve esserci molta comunicazione tra i tutori, oltre a un buon coordinamento.

“La maternità/paternità ha un effetto umanizzante. Tutto si riduce all’essenziale.”

-Meryl Streep-

Per quanto riguarda la cogenitorialità…

Il fenomeno della cogenitorialità nasce come risultato dei molteplici cambiamenti che la società sta affrontando: nello stile di vita, nella genitorialità, nel modo in cui percepiamo tanti aspetti, nelle relazioni, ecc.

La libertà sociale ha consentito questa nuova forma di genitorialità, ma anche altri fenomeni in relazione alla maternità e all’educazione dei figli, come avere figli fuori dal matrimonio, cosa che tanti anni fa, i nostri nonni, ad esempio, sarebbe sembrata impensabile.

Così, attraverso la cogenitorialità, due persone si uniscono per avere un figlio, ma senza essere una coppia. Perché questo funzioni, sì, ci deve essere molta maturità personale da entrambe le parti, oltre a un grande impegno e la possibilità di offrire stabilità a questa nuova creatura.

È chiaro che avere un figlio non è un capriccio e che per prendere questa decisione è opportuno riflettere molto prima sul futuro che si può dare a questo nuovo essere, al di là del desiderio di essere padre o madre.

Potrebbe interessarti ...
Parlare male del padre ai figli: perché è da evitare
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Parlare male del padre ai figli: perché è da evitare

Quando si hanno conflitti di coppia o si sceglie di separarsi, capita spesso di parlare male del padre ai figli, una cosa da evitare per il loro be...



  • Capdevila, C. (2016). La coordinación de coparentalidad. Una intervención especializada para familias en situación de alta conflictividad crónica post-ruptura de pareja. Anuario de Psicología, 46(1): 41-49.
  • Cuesta, H. (2010). El ejercicio de la paternidad biológica en solitario y la titularidad compartida de la maternidad. Aranzadi Socia, 6.
  • Grau Rubio, C., & Fernández Hawrylak, M. (2015). Relaciones de parentesco en las nuevas familias: disociación entre maternidad/paternidad biológica, genética y social. Gazeta de Antropología; 31 (1). https://digibug.ugr.es/bitstream/handle/10481/34248/GA%2031-1-02%20ClaudiaGrau_MariaFernandez.pdf?sequence=6&isAllowed=y
  • Páez, M. M., & Jiménez, M. G. (2020). La coparentalidad como sistema óptimo de crianza de los hijos frente a la crianza monoparental. Revista Conjeturas Sociológicas, 180-198. https://revistas.ues.edu.sv/index.php/conjsociologicas/article/view/1532/1469