Come essere un buon capofamiglia

Un buon leader di famiglia deve essere in grado di adeguare le aspettative alla realtà, per evitare pressioni esterne e la rottura della squadra.
Come essere un buon capofamiglia

Ultimo aggiornamento: 14 novembre, 2021

Quando le coppie prendono la decisione di mettere su famiglia, molte di esse immaginano solo i pranzi domenicali, le feste o gli eventi scolastici emotivi. Tuttavia, per godere di ciò, questo gruppo di persone prende ogni giorno infinite decisioni: dall’accettare un lavoro a tempo pieno, al trasferirsi in una città più piccola. Le famiglie si creano al volo, ma non sempre sappiamo come fare. Tuttavia, è importante fermarsi a pensare a cosa ci renderà un buon capofamiglia e mettere in pratica questa riflessione.

Le famiglie sono cambiate

Per molto tempo, il modello familiare “normale” è stato quello che concentrava l’autorità in una sola persona, che di solito era il padre. Ragazzi e ragazze dovevano limitarsi ad obbedire e seguire le regole, perché c’era poco spazio per il dialogo e per parlare di emozioni.

Ora, alla luce dei cambiamenti sociali e sulle indicazioni degli esperti, si cerca di trasformare questo modello genitoriale in uno più egualitario e simmetrico, dove si faccia sentire la voce di tutti i conviventi. L’obiettivo è quindi quello di valorizzare il contributo di ciascuno e promuovere la partecipazione di tutti.

Dall’educazione consapevole e rispettosa, spicca il ruolo degli adulti nello sviluppo dell’infanzia, ma non da una posizione autoritaria, quanto piuttosto come una figura empatica e rispettosa. 

famiglia padre figli pulire casa stanza condivisione del lavoro responsabilità

Caratteristiche di un buon capofamiglia

Non tutti nascono con le caratteristiche del buon capofamiglia cucite addosso, ma è qualcosa che si pratica e che si perfeziona nel tempo. Tuttavia, alcune caratteristiche personali aiutano a svolgere meglio quel ruolo, come quelle che condivideremo con voi di seguito.

Un buon capofamiglia è ricettivo

Ciò implica che è attento ai bisogni degli altri e, allo stesso tempo, ai cambiamenti sociali e al contesto che lo circonda. In questo modo può rendersi conto che le circostanze cambiano e che forse il modo in cui la famiglia è abituata a risolvere certe situazioni non è più funzionale e deve cambiare.

Mantiene una comunicazione aperta e fluida con tutti i membri della famiglia

La comunicazione è multidirezionale e propositiva, in modo tale da contribuire a rafforzare i legami familiari. Un buon leader non aspetta che si presentino le situazioni, ma le affronta prima e cerca di generare legami di fiducia e vicinanza. Non si basa sulla propria autorità o sulla gerarchia della famiglia, ma si preoccupa di creare un’atmosfera calda e confortevole per tutti i suoi membri.

Cerca di negoziare

Il leader positivo non vuole imporre le sue decisioni, ma piuttosto cerca di raggiungere degli accordi. Quando ciò non è possibile o quando la questione di interesse non è oggetto di negoziazione, prova a spiegare le sue ragioni.

Ad esempio, se i bambini più piccoli non vogliono mangiare le verdure, cerca di creare un clima di comprensione e insegnargli i benefici di farlo. Nonostante il rifiuto, mantiene le sue posizioni e cerca di trovare un modo per accontentare entrambe le parti. 

Conosce se stesso

Per essere una buona guida, è necessario conoscere i propri punti di forza e i propri limiti. In questo modo, è più facile identificare le circostanze in cui proiettiamo le nostre mancanze sugli altri ed evitiamo di farlo.

Inoltre, per accompagnare la genitorialità, è importante poter riflettere sulla propria educazione, quali erano i modelli genitoriali e scegliere cosa vorremmo mantenere e cosa vorremmo cambiare.

Alcuni consigli per essere un buon capofamiglia

capofamiglia

“Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” e le situazioni quotidiane spesso ci impediscono di mantenere la necessaria temperanza per avvicinarci a certe situazioni. Tuttavia, le buone relazioni vengono coltivate quotidianamente e questo richiede tempo e pratica.

Per diventare un buon leader di famiglia, potete seguire i seguenti suggerimenti:

  • Trascorrete del tempo con la vostra famiglia: condividere i programmi del tempo libero, al di là dei doveri, è essenziale affinché tutti possano essere parte della vita quotidiana degli altri. Ad esempio, raccontate ai vostri figli com’è stata la vostra giornata lavorativa o quali sono state le vostre difficoltà. Questo non solo rafforza i legami, ma “umanizza” le relazioni.
  • Conoscete voi stessi: le persone cambiano gusti, aspirazioni e interessi nel corso della vita. Molte volte ci rimane una vecchia immagine dei nostri partner, quindi è essenziale riconnettersi con loro per ottenere una buona convivenza e un’esperienza arricchente. Inoltre, questo ci permette di imparare gli uni dagli altri.
  • Gestite le vostre emozioni: questo trasforma l’ambiente familiare in uno spazio sicuro e affidabile, dove le persone possono esprimere le proprie emozioni e trovare sostegno. I genitori non devono incutere timore, ma rappresentano il rifugio incondizionato a cui rivolgersi di fronte a una difficoltà.
  • Dare spazio al dialogo, chiedere: è importante sviluppare l’abitudine di chiedere come sta l’altro, come vanno le cose, come si sente. Non è solo un modo per mostrare interesse, ma anche per generare lo spazio per parlare.

È importante adeguare le aspettative alla realtà

Infine, nel ruolo di guide familiari, è importante riconoscere e separare le aspettative dalla realtà. I bambini sono spesso spinti a essere quei modelli di ruolo che i genitori hanno in mente, a costo di rinunciare ai propri desideri. Questo provoca molto disagio e sofferenza nei minori.

Potrebbe interessarti ...
La famiglia è un lavoro di squadra
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La famiglia è un lavoro di squadra

Le madri hanno bisogno di appoggio incondizionato da parte dei propri compagni, per assumere il loro ruolo. La famiglia è un lavoro di squadra.



  • Siegel y Payne Bryson (2015), Disciplina sin lágrimas: una guía imprescindible para orientar y alimentar el desarrollo mental de tu hijo., Penguin Random House Grupo Editorial España.
  • Seitun, Maritchu (2013), Capacitación emocional para la familia, Grijalbo.