5 consigli per affrontare la sindrome del nido vuoto

31 Ottobre 2019
La sindrome del nido vuoto è un'esperienza che può diventare una vera sfida per alcuni genitori.

La sindrome del nido vuoto si riferisce ai sentimenti legati alla perdita che i genitori possono provare quando i figli lasciano la casa di famiglia. I ruoli cambiano e questo può generare un grande vuoto, soprattutto quando gran parte della vostra vita è stata dedicata ad essere madre o padre. In questo articolo vi daremo 5 consigli per affrontare la sindrome del nido vuoto.

La sindrome del nido vuoto

La sindrome del nido vuoto è un periodo o uno stadio della vita in cui i genitori avvertono una sensazione di perdita che provoca episodi di tristezza quando i figli lasciano la casa di famiglia e che può portare persino alla depressione.

La sindrome del nido vuoto è un disturbo clinico diagnosticato. Tuttavia, la maggior parte della ricerca medica concorda sul fatto che sono le donne a soffrire di più e che hanno più difficoltà ad affrontarla.

La psicoterapeuta e assistente sociale Amy Morin spiega che i genitori con sindrome del nido vuoto sperimentano un vuoto profondo nelle loro vite e spesso si sentono un po’ persi. La sindrome del nido vuoto può influenzare anche la vita dei figli, interferendo con la loro indipendenza e autodeterminazione.

Perdita nido vuoto

Sintomi e origine della sindrome del nido vuoto

Secondo l’American Psychiatric Association (APA), una delle cause più frequenti della sindrome del nido vuoto è una relazione conflittuale tra genitori e figli. Se i genitori mantengono con i figli una relazione di distacco e perfino di ostilità, entrambi potrebbero soffrire di più una volta che i figli lasciano la casa per andare a vivere da soli.

Per quanto riguarda i sintomi della sindrome del nido vuoto, l’APA individua:

  • Tristezza.
  • Perdita.
  • Depressione.
  • Angoscia.
  • Solitudine.
  • Sensazione di vuoto.

5 consigli per affrontare la sindrome del nido vuoto

1. Restare in contatto

Grazie alla grande rivoluzione dei social media, molte famiglie affrontano efficacemente la sindrome del nido vuoto. Oggi mantenere i contatti, anche quotidianamente, una volta che i figli hanno lasciato la casa, è molto più facile grazie alle applicazioni di messaggistica istantanea e alle videochiamate.

2. Stabilire una routine

Ogni famiglia e ogni membro ha i propri ritmi. Pertanto, è importante stabilire una routine, ad esempio, delle chiamate, prima della partenza del figlio da casa. In questo modo, si rispettano i ritmi di ciascuno, stabilendo al contempo un impegno periodico per mantenere i contatti.

3. Cercare nuove sfide

Chiaramente, essere genitori è una delle maggiori sfide che si possono affrontare, se non la maggiore. Per evitare la sensazione di vuoto dopo aver soddisfatto la grande sfida di crescere ed educare un figlio, è essenziale stabilire nuovi obiettivi. Ad esempio, iniziare la carriera universitaria che avete sempre sognato o imparare a suonare uno strumento.

4. Prendersi del tempo

Senza dubbio, i figli occupano gran parte del tempo dei genitori, determinando il loro stile di vita quotidiano e la loro routine. Una volta che i figli escono di casa, i genitori possono provare grandi episodi di solitudine e non sapere come affrontare la sindrome del nido vuoto.

In questo senso, sarà fondamentale conoscere se stessi in profondità, trovare nuovi interessi e riempire l’agenda con attività come andare in palestra o riprendere i contatti con i vecchi amici.

Nido vuoto genitori e figli

5. Tornare a godersi la vita di coppia

Secondo lo psicologo Morin, quando i figli escono di casa, i genitori possono sperimentare una nuova opportunità di ricongiungersi. Probabilmente, tutto il tempo libero che hanno condiviso è stato occupato dai figli, quindi, una volta usciti di casa, i genitori devono cercare nuovi interessi in comune e iniziare a godersi il tempo libero in coppia.

Per godersi di nuovo la vita di coppia, ad esempio, potreste organizzare appuntamenti romantici o viaggi spensierati, pensando solo l’uno all’altro.

Ridefinire il ruolo di genitori: la chiave per affrontare la sindrome del nido vuoto

Una volta che i figli “volano” via dal nido, il ruolo dei genitori rimane, ovviamente, insostituibile. I doveri dei genitori non si concentreranno tanto sull’assistenza e sulla protezione, ma sull’essere presenti quando i figli ne hanno bisogno. È importante che i figli abbiano la certezza che i genitori saranno sempre lì per loro.

“Dobbiamo continuare a guardare e dobbiamo essere pronti ad aiutarli quando hanno bisogno di noi. I nostri figli hanno ancora bisogno di noi in modi diversi e in momenti inaspettati ».

-Celia Dodd-