Disabilità e salute orale: come sono correlate?

Esiste una stretta relazione tra disabilità e salute orale. Ve lo spieghiamo in dettaglio.
Disabilità e salute orale: come sono correlate?

Ultimo aggiornamento: 26 luglio, 2022

Avere una disabilità colpisce tutti gli ambiti della vita di coloro che ne soffrono, compresa la salute orale. In questo articolo vi raccontiamo questa relazione.

Soffrire cronicamente di carenze fisiche, intellettuali, mentali o sensoriali predispone queste persone a sviluppare facilmente alcuni problemi alla bocca. Inoltre, è anche necessario considerare alcune cure speciali e offrirle loro.

Avere le giuste informazioni e conoscere in anticipo gli inconvenienti che possono presentarsi aiuta a prevenire complicazioni. Scoprite di più in questo articolo.

Il rapporto tra disabilità e salute orale

Ci sono diverse e diverse situazioni che possono portare una persona a soffrire di una disabilità. Condizioni dello sviluppo, come autismo, paralisi cerebrale, disabilità intellettiva, perdita della vista o dell’udito, ne sono alcuni esempi.

La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità li definisce come segue:

“Le persone con disabilità includono quelle con menomazioni fisiche, mentali, intellettive o sensoriali a lungo termine che, interagendo con varie barriere, possono impedire la loro piena ed effettiva partecipazione alla società, su base di uguaglianza con gli altri”.

Secondo i dati dell’indagine sulla disabilità, autonomia personale e situazioni di dipendenza, pubblicata nel 2008 dall’Istituto nazionale di statistica spagnolo, ci sono 3,8 milioni di persone con disabilità in quel paese. Ciò rappresenta l’8,5% della popolazione generale.

Questo segmento della società è più vulnerabile ai problemi di salute orale, poiché ci sono diversi fattori che favoriscono la comparsa di queste condizioni:

  • Alterazioni delle strutture orali.
  • L’incapacità di mantenere un’adeguata igiene orale.
  • Una dieta inadeguata.
  • L’uso di alcuni farmaci.
  • Abitudini nocive.
  • Meno accesso a cure odontoiatriche adeguate.
La carie dentaria è una delle condizioni più comuni in bocca. Possono comparire a causa di un’igiene orale inadeguata e dell’assunzione di zuccheri.

Problemi di salute orale nelle persone con disabilità

Come anticipato, la disabilità predispone ad un maggior rischio di soffrire di problemi di salute orale. Questi sono i più comuni:

  • Carie: igiene orale inadeguata, cibo, medicinali ricchi di zuccheri e minore secrezione salivare, ne favoriscono lo sviluppo. Hanno un ruolo anche i difetti dello smalto, l’uso prolungato del biberon, il reflusso gastroesofageo, le basse difese e le malocclusioni.
  • Iperplasia gengivale: l’abitudine di respirare attraverso la bocca o l’uso di alcuni farmaci, come gli anticonvulsivanti, provocano una crescita esagerata del tessuto gengivale. Questo trattiene la placca batterica e predispone a problemi parodontali.
  • Malattia parodontale: scarsa igiene orale, zucchero nella dieta e ridotta secrezione salivare portano all’accumulo di placca e alla formazione di tartaro. Questo genera l’infiammazione delle gengive e la distruzione dei tessuti di supporto.
  • Anomalie dentali: alcune disabilità sono legate a più o meno denti, problemi di eruzione cutanea o denti con alterazioni nella loro forma, dimensione o aspetto.
  • Abitudini orali disfunzionali: la pratica di determinate abitudini ripetitive può minacciare la salute orale. Bruxismo, respirare attraverso la bocca, tirare fuori la lingua, toccare le gengive o mordersi le labbra sono alcuni esempi.
  • Malocclusioni: in questi pazienti è comune lo sviluppo anomalo delle mascelle e dei muscoli facciali, che causa problemi di morso e malposizioni dentali.
  • Trauma: cadute e colpi alla bocca associati a convulsioni o mancanza di riflessi e coordinazione aumentano il rischio di fratture dei denti. Inoltre, alcune persone hanno l’abitudine di ferirsi in bocca.

Come prendersi cura della salute orale nelle persone con disabilità

A causa dell’alto rischio di soffrire di problemi di salute orale che hanno le persone con disabilità, l’attenzione all’igiene orale riceve un’attenzione speciale. E, il più delle volte, è un’altra persona che si occupa di queste pratiche. Pertanto, è importante che il tutore disponga di informazioni adeguate per sapere cosa fare e come.

Prendersi cura dell’igiene orale

Quando ci si prende cura della salute orale di una persona con disabilità, uno degli aspetti più importanti da considerare è la cura dell’igiene orale. Effettuare una corretta pulizia della bocca consentirà di rimuovere la placca batterica e prevenirne l’accumulo.

Per questo, è importante utilizzare uno spazzolino della giusta dimensione, forma e consistenza. Inoltre, gli integratori possono essere utilizzati per aiutare a pulire l’area tra i denti. Adattamenti nelle impugnature, filo interdentale, irrigatori, spazzolini interprossimali o con design speciali possono facilitare il compito.

Lo spazzolino dovrebbe iniziare non appena spunta il primo dente da latte. È importante pulire tutte le facce di tutti i pezzi dentali presenti in bocca, così come la lingua e le gengive. Questo dovrebbe essere fatto per almeno 2 minuti, 2-3 volte al giorno. Si consiglia inoltre l’uso di dentifrici al fluoro.

disabilità e salute orale
Una corretta igiene orale è essenziale per evitare complicazioni. La spazzolatura dovrebbe durare almeno due minuti e dovrebbe essere eseguita due o tre volte al giorno.

Prestare attenzione alla qualità della dieta

Prestare attenzione alla dieta è un altro fattore da considerare quando ci si prende cura della propria bocca. Il modo di alimentarsi dipende dalle condizioni di salute e dalle raccomandazioni mediche di ciascun paziente. In ogni caso, è sempre utile evitare prodotti ad alto contenuto di zuccheri, come caramelle, pasticcini, bibite e succhi di frutta.

Diminuendo la frequenza, evitando le bottiglie e offrendo cibi con consistenze diverse quando possibile, si stimola lo sviluppo delle mascelle.

Visitare regolarmente il dentista

Avere un dentista di fiducia e visitarlo regolarmente è essenziale per mantenere la salute orale nelle persone con disabilità. È l’ideale scegliere un dentista specializzato nella cura di persone con bisogni speciali. Hanno esperienza, conoscenza, attrezzature specifiche e gruppi di altri professionisti per fornire soluzioni complete ai loro pazienti.

Nelle consultazioni viene valutato lo sviluppo orale del paziente, quali sono le strutture orali interessate e, inoltre, vengono rilevati i fattori di rischio. Inoltre, se è necessario un trattamento, il professionista sceglie il modo migliore per affrontarlo in base alle condizioni e alla realtà di ciascun individuo.

Il primo consulto va effettuato prima del primo anno di vita. Successivamente, i controlli continueranno ogni 4 o 6 mesi, a seconda del rischio del bambino.

Mantenere la bocca sana è possibile

Avere una disabilità non porterà necessariamente a problemi di salute orale. Con la giusta conoscenza, la perseveranza nella pratica di sane routine e l’accompagnamento di un dentista impegnato, è possibile mantenere una bocca sana.

Potrebbe interessarti ...
4 tipi più comuni di chirurgia dentale nei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
4 tipi più comuni di chirurgia dentale nei bambini

La chirurgia dentale non è una pratica comune nei bambini, ma a volte è necessaria. Oggi vi diciamo le procedure più comuni.



  • Giraldo-Zuluaga, M. C., Martínez-Delgado, C. M., Cardona-Gómez, N., Gutiérrez-Pineda, J. L., Giraldo-Moncada, K. A., & Jiménez-Ruíz, P. M. (2017). Manejo de la salud bucal en discapacitados. Artículo de revisión. CES Odontología30(2), 23-36.
  • de los Milagros Alí, S., & Dho, M. S. (2022). Accesibilidad y salud bucal en personas con discapacidad que asisten al centro de atención al desarrollo de la infancia y adolescencia de la ciudad de Corrientes. Revista Digital FOUNNE5(1).
  • López Ortega, V., Prieto Ramírez, V. A., & Taylor Molina, S. J. (2021). Condiciones psicológicas de las personas con discapacidad psicosocial que afectan el cuidado de la salud bucal. Revisión temática.
  • Sánchez Castañeda, A. M., & Giraldo Zuluaga, M. C. (2018). Una herramienta facilitadora para la higiene bucal de personas con discapacidad.
  • Gómez-Bernal, G. M., Morales-Vadillo, R., & Romero-Velarde, M. R. (2020). Lesiones cariosas en niños con discapacidad de 0-12 años en una población peruana. Revista Cubana de Estomatología57(4).
  • Suárez Zafra, D., Villar Francois, G., Suárez Vázquez, B., Francois Ramírez, M. D. L. C., & Estrada Sánchez, G. G. (2018). Necesidad de tratamiento estomatológico en niños discapacitados de La Habana. Revista Información Científica97(4), 798-809.
  • Muñoz Blanco, L., & Mora Hernandez, M. A. (2021). Caries dental y enfermedad periodontal en personas con discapacidad visual. Revisión de literatura.
  • Vélez Astudillo, R. A., Alvear Córdova, M. C., & Villavicencio Caparó, E. (2020). Evaluación del riesgo de caries en escolares con discapacidad intelectual de 6-12 años. Revista Odontológica Mexicana24(4).