Anoressia infantile: cos'è e come combatterla

Anoressia infantile: cos'è e come combatterla
Elena Sanz Martín

Scritto e verificato da lo psicologo Elena Sanz Martín.

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre, 2022

Durante i primi anni di vita del bambino è possibile che, in certi momenti, mostri un rifiuto più o meno attivo di mangiare. Questa reazione di solito preoccupa i genitori che, di conseguenza, iniziano a commettere una serie di errori che ostacolano l’apprendimento del bambino a mangiare. Per evitare che ciò accada, è importante sapere cos’è l’anoressia infantile e perché si verifica.

In primo luogo, va sottolineato che non dovremmo guardare solo quanto mangia un bambino per determinare il suo benessere. Il fatto è che se mantiene un peso adeguato, è vitale e attivo giorno per giorno e si sviluppa secondo le aspettative, probabilmente non c’è nulla di cui preoccuparsi. Ci sono diversi motivi che possono causare questa mancanza di appetito e molti di essi sono naturali.

Cos’è l’anoressia infantile?

L’anoressia è chiamata la mancanza di appetito che genera un rifiuto del cibo. Quando si verifica questo fenomeno, il bambino si rifiuta attivamente o passivamente di mangiare. Cioè, può girare la testa quando gli viene offerto il cibo, piangere e cercare di allontanarsi o sputarlo una volta che lo ha in bocca.

Questo rifiuto di nutrirsi può verificarsi in qualsiasi momento, ma è particolarmente comune intorno a un anno di vita. In questo momento, un bambino che prima mangiava in modo adeguato può iniziare a rifiutare il cibo o mangiare di meno. Tuttavia, questo non è sempre un segnale di avvertimento, ma risponde a un processo naturale.

L’anoressia infantile inizia a essere preoccupante quando c’è un ritardo nella crescita o nello sviluppo e la salute del bambino ne risente. Inoltre, quando oltre alla mancanza di appetito, mostra altri segni come irritabilità o rifiuto della madre. Prestare attenzione a questi segnali ci aiuterà a capire cosa sta succedendo.

Perché si verifica l’anoressia infantile?

Le cause di questa mancanza di appetito possono essere molto varie e includono fattori fisici, emotivi, di apprendimento e comportamentali. Successivamente, ti diremo quali sono i motivi principali che possono portare all’anoressia nei neonati.

Cause organiche

La mancanza di appetito di un bambino è spesso causata da un’infezione sottostante. Questo è un segno precoce che appare anche giorni prima dei primi sintomi della malattia. Può verificarsi, ad esempio, nei processi influenzali o nella gastroenterite. Generalmente si risolve in breve tempo.

Molte volte, la mancanza di appetito del bambino porta alla comparsa dei primi sintomi di una malattia, come l’influenza.

Rallentamento della crescita

A volte il problema non è proprio che il bambino mangi di meno, ma piuttosto che i genitori si aspettano che il bambino mangi di più. Succede, ad esempio, se confrontiamo le loro porzioni con quelle di un adulto e ci aspettiamo che siano uguali. Ma può verificarsi anche quando si verifica un rallentamento della crescita. Ad esempio, intorno ai 14 o 16 mesi l’appetito si riduce notevolmente, ma questo perché il bambino non cresce più così velocemente e, quindi, il suo fabbisogno energetico è inferiore.

Progresso dello sviluppo

Se l’anoressia infantile si verifica intorno a un anno di vita, potrebbe essere correlata allo sviluppo del bambino stesso. A questa età il bambino impara a camminare e a muoversi, quindi il cibo passa in secondo piano nelle sue priorità. Questo lo renderà meno interessato all’alimentazione e potrebbe essere difficile farlo sedere per mangiare, ma è naturale.

Anoressia reattiva

È possibile che il bambino rifiuti certi cibi o che lo faccia solo in presenza di alcune persone. Questo è ciò che è noto come anoressia reattiva. Ad esempio, capita spesso che, dopo lo svezzamento, il lattante si rifiuti di mangiare in presenza della madre. Ciò è dovuto alla frustrazione che il bambino prova in questa fase di cambiamento.

Abitudini alimentari sbagliate

È importante iniziare l’alimentazione complementare in tempo e farlo in modo tempestivo. Altrimenti, il bambino può sviluppare la neofobia e rifiutarsi di tentare di introdurre nuovi alimenti nella sua dieta. Inoltre, è rilevante anche l’atteggiamento dei genitori nei confronti del cibo. Se danno eccessiva importanza, si preoccupano, o sono eccessivamente rigidi o permissivi, è più probabile che si verifichi questa mancanza di appetito.

Anoressia psicogena

Infine, alcuni fattori psicosociali legati all’ambiente familiare possono avere un’influenza. Ad esempio, un bambino maltrattato, trascurato, maltrattato o abbandonato può sviluppare anoressia infantile. Ma può verificarsi anche se il minore è iperprotetto, se i genitori hanno problemi psicologici o se ci sono continui conflitti nell’ambiente.

A volte il bambino si rifiuta di mangiare perché è già sazio o per qualche malessere. Quando ciò accade, non dovrebbe essere costretto a mangiare.

Come combattere l’anoressia infantile

Affrontando le cause di cui sopra potete avere un’idea di come prevenire e combattere l’anoressia nei neonati. Tuttavia, queste sono le raccomandazioni principali:

  • Non forzare il bambino a mangiare: cercate di rispettare i suoi segnali di fame e sazietà. È possibile che si rifiuti di nutrirsi a causa di una malattia o semplicemente perché al momento non ne ha bisogno.
  • Rimanere calmi e raccolti: ricordate che i bambini percepiscono e sono influenzati dall’umore dei loro genitori. Se siete turbati, ansiosi o irritabili, questo verrà trasmesso al bambino.
  • Instillare abitudini alimentari positive: evitate schermi e altre distrazioni per far mangiare vostro figlio. Inoltre, non commettete l’errore di offrirgli più cibi finché non ne accetta uno. Questo non farà che peggiorare la sua alimentazione e il suo rapporto con il cibo a lungo termine.
  • Rendere il cibo un’esperienza piacevole: provate a offrire il cibo in presentazioni attraenti e con la giusta consistenza e temperatura. Inoltre, evitate di caricare il momento del pasto con tensioni, richieste e conflitti.
  • Offrire un’educazione di qualità: si è visto che questi bambini hanno bisogno di interazioni di qualità superiore con i loro genitori. Questo dovrebbe essere compreso da questa maggiore dedizione, comprensione, pazienza e rispetto.

È importante consultare il proprio medico

Come abbiamo visto, l’anoressia infantile può manifestarsi per cause naturali o per disagi che possono insorgere. Se notate che la mancanza di appetito del vostro bambino influisce sulla sua salute, sviluppo o umore, non esitate a consultare il pediatra. Il rifiuto del cibo può essere causato da varie cause e un professionista è la persona migliore per guidare i genitori in questo senso.

Potrebbe interessarti ...
Anoressia e bulimia post-partum
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Anoressia e bulimia post-partum

L'anoressia e la bulimia post-partum possono mettere a rischio la salute e il benessere della madre e del bambino. Capiamo il perché.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.