Tecniche per incentivare lo svezzamento a partire dai 2 anni

Per favorire lo svezzamento a partire dai 2 anni di età è necessario avere tempo, dedizione e alcune tecniche che lo favoriscano. Così, un processo rispettato e amorevole può essere raggiunto. Ti diciamo come farlo.
Tecniche per incentivare lo svezzamento a partire dai 2 anni

Ultimo aggiornamento: 11 agosto, 2022

Alcuni bambini sono predisposti allo svezzamento naturale, che avviene gradualmente e prevede che il bambino decida da solo quando è il momento di interrompere l’allattamento. Sebbene questo sia il sogno di ogni madre, non è sempre così con tutti i bambini. Per questo motivo alcune donne devono ricorrere ad alcune tecniche per incentivare lo svezzamento dopo che il bambino compie 2 anni.

Questo vale soprattutto quando la madre decide di iniziare lo svezzamento, l’ideale è assicurarsi che avvenga in modo rispettoso, cioè che tenga conto dei bisogni del bambino e che lo si faccia in modo amorevole e graduale. Oggi vi spieghiamo come riuscirci.

Svezzamento guidato dai 2 anni

Per svezzamento intendiamo il processo mediante il quale il bambino smette di bere il latte materno e lo sostituisce con altre fonti di cibo. Questa tappa può essere avviata dalla decisione della madre o dalla decisione del bambino, anche se dopo 2 anni è probabile che sarà la madre a prendere le redini per procedere allo svezzamento diretto.

In questo senso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda che i bambini siano nutriti esclusivamente con latte materno per i primi 6 mesi di vita e che continuino ad allattare al seno per almeno due anni di età. Sebbene al sesto mese si possa iniziare con l’alimentazione complementare, questa non sostituisce il latte materno.

Alcuni bambini decidono di interrompere l’allattamento al seno prima dei 24 mesi, ma in altri casi lo svezzamento può essere prolungato tra 2 e 7 anni. Ecco perché, dopo il secondo compleanno, molte mamme decidono di interrompere l’allattamento e questo accade per molteplici ragioni, come impegni di lavoro, problemi di salute, pressioni sociali, o semplicemente di propria spontanea volontà.

L’importante è che il bambino non soffra durante lo svezzamento e per questo sono necessari tempo, pazienza e dedizione.

Parlare con il bambino e mostrare empatia è essenziale quando si decide di iniziare lo svezzamento. A 2 anni tuo figlio capisce cosa sta succedendo intorno a lui ed è per questo che è importante esprimere affetto e spiegare al piccolo il motivo della decisione.

Ora, per effettuare uno svezzamento diretto e rispettoso, bisogna partire dalla premessa “non offrire, non negare”. Cioè, non proporre al bambino di allattare, ma non proibirlo quando lo richiede.

Idealmente, questo processo dovrebbe essere graduale, con una riduzione giornaliera della durata delle poppate e quindi della frequenza. Dovresti sapere che lo svezzamento brusco aumenta la resistenza del bambino al cambiamento e favorisce la comparsa di problemi al seno, come ingorgo mammario e mastite.

Alcune tecniche per incentivare lo svezzamento

Allora come possiamo promuovere uno svezzamento rispettoso del bambino? Come dicevamo, passo dopo passo, con amore e rispetto per i bisogni del bambino e anche per i tuoi.

Ecco alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarvi.. non perdeteveli!

Tecniche per incentivare lo svezzamento.
Il vostro corpoe il corpo del vostro bambino sono stati una cosa sola per molto tempo. E l’allattamento al seno ha prolungato un po’ più a lungo questa connessione fisica. Pertanto, prima di iniziare lo svezzamento, entrate in sintonia con il vostro bambino e aiutatelo a dire addio a una tappa indimenticabile per entrambi.

1. Accompagnate il vostro bambino verso il cambiamenhto

Lo svezzamento può essere difficile per alcuni bambini, poiché il seno è un veicolo di amore e un elemento chiave per mantenere quel perfetto legame con la madre.

Pertanto, quando decidi di iniziare lo svezzamento, sii attento alle sue esigenze, abbraccialo, accarezzalo e coccolalo frequentemente. Pertanto, il tuo bambino sentirà che il tuo supporto e la tua sicurezza vanno oltre il seno.

2. Ridurre gradualmente la frequenza delle poppate

Come accennato in precedenza, la prima cosa da tenere a mente è che lo svezzamento dovrebbe essere fatto gradualmente. Vale a dire, è necessario ridurre le assunzioni giornaliere, sia diurne che notturne, fino ad eliminarle.

Per questo, si raccomanda di limitare prima il tempo dell’allattamento al seno e poi la frequenza dell’allattamento al seno. Ma non entrambi insieme! Provate ad eliminare un colpo ogni due o tre giorni, o comunque una volta alla settimana.

È meglio iniziare riducendo le assunzioni diurne (soprattutto a mezzogiorno) per poi passare a quelle notturne. Questo perché durante la giornata è più facile sostituire altri cibi o distrarre il bambino con altre attività.

3. Distraete il bambino con altri stimoli quando chiede il seno

Un’altra tecnica necessaria per favorire lo svezzamento è quella di distrarre il bambino, soprattutto quando si sa che chiederà il seno.

Cercate di reindirizzare l’attenzione del vostro bambino verso altre attività che gli sembrano divertenti al momento dell’allattamento, come cantare, raccontare storie o ballare.

Sarebbe l’ideale organizzare un’attività, un gioco divertente o un’uscita per quei momenti critici. A questo punto, il partner o altri caregiver possono intervenire e semplificare il lavoro.

4. Attivate il “piano padre”.

Non dovreste mettere da parte l’importanza del tuo partner nel processo di svezzamento, perché il papà può far addormentare il bambino, intrattenerlo, coccolarlo e prendersi cura di lui quando si sveglia e chiede il seno.

Il consiglio è che sia il padre a offrirgli latte o acqua quando si sveglia di notte per calmarlo, se necessario. Se questo non conforta il bambino, non lasciatelo piangere a lungo.

Tieni presente che questo potrebbe non essere il momento, ma con il passare dei giorni il bambino si abituerà alla presenza di suo padre di notte. Anche se all’inizio potrebbe essere un po’ scomodo per entrambi, vedrete che alla fine sarà stato un fattore chiave per riuscire nello svezzamento notturno.

5. Tecniche per incentivare lo svezzamento: smettete per un po’ di dormire con il piccolo

Se dormite nello stesso letto con vostro figlio, una buona opzione è girare il bambino su un fianco e metterlo più vicino al padre. Qualche tempo dopo lo svezzamento, potreste parlare con il bambino e suggerirgli di andare nella sua stanza.

Va detto che lo svezzamento e il cambio del letto non devono essere eseguiti contemporaneamente, poiché ciò aumenta l’impatto sul bambino. Infatti, se il bambino si sta adattando a un altro cambiamento nella routine, come l’inizio dell’asilo nido, il vasino o l’arrivo di un fratello, è consigliabile ritardare lo svezzamento per un po’.

6. Stabilite nuove abitudini

Questa tecnica è particolarmente consigliata, perché oltre a tenere un ordine durante i sonnellini, i giochi e il mangiare, stabilite delle linee guida quando si tratta di addormentarsi la notte. Soprattutto se volete eliminare le poppate notture con l’aiuto di papà.

Mettete in pratica una nuova routine rilassante che non includa il seno. Ad esempio, cena, bagno, storia e sonnellino.

Papà comunica con il suo bambino grazie alla firma del bambino.
La figura paterna è molto preziosa per la madre e il bambino per attraversare questa fase nel miglior modo possibile. Bene, entrambi devono imparare a connettersi in un modo nuovo e il padre contribuisce favorevolmente a questo processo.

8. Tecniche per incentivare lo svezzamento: offrite al piccolo liquidi o altri alimenti

Fortunatamente, in questa fase il bambino è in grado di mangiare quasi tutti gli alimenti della dieta. Questo ci permette di sostituire i pasti con altri alimenti a vostra scelta, come frutta, yogurt, zuppe e verdure durante il giorno, oppure un bicchiere di latte o acqua la sera.

Quando arriva il momento, dovete lasciare che l’istinto faccia da guida

Lo svezzamento è una fase ricca di emozioni, sia per la mamma che per il bambino. Tuttavia, è un processo necessario per lo sviluppo del bambino, così come per l’indipendenza della madre.

È importante conoscere il parere e le raccomandazioni del pediatra e del consulente per l’allattamento, che dal loro punto di vista professionale sapranno guidarvi nel migliore dei modi in questo rispettato svezzamento.

Potrebbe interessarti ...
Nessuno ci dice quant’è difficile lo svezzamento: scoprite tutto
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Nessuno ci dice quant’è difficile lo svezzamento: scoprite tutto

Lo svezzamento del nostro bebè è un processo delicato che deve essere realizzato progressivamente con molta pazienza e amore.