Come fare critiche costruttive ai bambini

La critica costruttiva mira a migliorare il comportamento dei bambini, ma non a ferirli. Scoprite come agire correttamente in questo articolo.
Come fare critiche costruttive ai bambini

Ultimo aggiornamento: 09 settembre, 2022

Come convincere i bambini a sviluppare i comportamenti auspicabili? Qual è il segreto dell’apprendimento? Queste sono alcune delle domande che si pongono tutti i genitori; ma sanno davvero muovere critiche costruttive ai figli?

Anche se sembra difficile, non lo è. Si tratta di raggiungere un equilibrio tra saper essere espliciti sul comportamento che vogliamo che sviluppino e non limitare il loro stile o danneggiare la loro autostima. Vediamo come possiamo riuscirci e aiutarli.

Che significa fare critiche costruttive e quali sono i vantaggi?

Come indica il nome, la critica costruttiva è quella che dà la spinta per promuovere il comportamento o il cambiamento e che motiva il miglioramento; è detta “costruttiva” perché orientata all’apprendimento e non  concentrata sul voler ferire o sminuire chi la riceve. L’opposto è la critica distruttiva, quella carica di negatività e aggressività. Questi mirano solo a ferire l’altra persona.

Tra i principali vantaggi della critica costruttiva nei confronti dei bambini, troviamo i seguenti:

  • Rafforza l’autostima e li sfida a migliorare se stessi.
  • Incoraggia la fiducia in se stessi, poiché grazie alle critiche i bambini capiscono che siamo certi possano fare meglio di così e che ne siano capaci.
  • Favoriscono una stretta relazione con i bambini e rafforzano l’interesse e l’affetto reciproci.
Fare critiche costruttive.
Il rimprovero aggressivo non è un metodo ottimale per l’apprendimento del bambino. È meglio indicare gli errori in modo corretto, quindi insegnargli e aiutarlo a farlo nel modo giusto.

Imparate a fare critiche costruttive ai bambini

Il tono che usiamo e il modo in cui parliamo con il bambino sono fondamentali per indicare gli errori che commettono. Quindi, sarà utile spiegare loro qual è il modo corretto di fare le cose e, se necessario, aiutarli a realizzarli.

A seguire,  condivideremo alcuni consigli utili quando si tratta di fare critiche costruttive ai propri figli. Non perdeteveli!

Dimoostrate ai bambini rispetto e assertività

Quando, cioè, farete un’osservazione, assicuratevi che il bambino capisca ciò che dite e non la prenda sul personale. Se il vostro commento suona aggressivo, è probabile che il bambino si metta sulla difensiva. In tal caso, il suo cervello smetterà di ascoltarvi e inizierà a pensare alla strategia per “combattere”. Devi anche guardare il tuo tono di voce e il linguaggio del corpo.

Non rendete le critiche personali

Quando si cercano critiche costruttive, l’ideale è evidenziare il comportamento o il compito che si desidera modificare e non fare riferimento alle qualità della persona. Quindi, invece di dire a vostro figlio “sei disordinato”, parlategli nel modo seguente: “Ho bisogno che collabori di più mettendo in ordine la tua stanza”.

Quando ci riferiamo a qualcosa di personale, corriamo due rischi: che i bambini la prendano male perché sembra un’aggressività o che mantengono un’etichetta e credono che sia un attributo della loro personalità e non qualcosa che possono cambiare.

rendere l’osservazione positiva

La nostra mente funziona meglio quando ascolta messaggi positivi e impara anche la giusta direzione, cosa seguire, come un’istruzione. Quindi, invece di dire “non lasciare tutte le briciole sulla tavola”, chiedi a tuo figlio cosa vuoi: “per favore, pulisci la tavola dopo colazione”.

Evidenziate qualcosa di positivo sul loro comportamento o atteggiamento

Evidenziare le buone intenzioni o valorizzare lo sforzo sono buone opzioni prima di evidenziare l’errore da correggere. Ad esempio, potreste dire a vostro figlio: “È stato fantastico che tu abbia raccolto i vestiti da terra. La prossima volta, però, invece di lasciarli sul letto, dovresti metterli nella cesta”.

Siate da esempio per fare critiche costruttive

Molti bambini imparano meglio quando sono in grado di vedere il comportamento desiderato, cioè come è meglio farlo. Potreste anche fare un passo avanti e farlo con loro. In questo modo, sarete in grado di guidarli nella pratica in modo che possano realizzarla da soli un’altra volta.

Parlate con loro chiaramente e siate concisi

Ciò significa cercare di essere più specifici, non tornare più e più volte su ciò che volete sottolineare. Inoltre, è importante che parliate con i vostri figli e mostri loro i vantaggi di fare le cose bene, in modo che non credano che sia solo un tuo capriccio.

Trovate un momento opportuno

Per quanto la critica sia positiva, fa comodo trovare un momento in cui il bambino non si sente esposto davanti agli altri. Inoltre, dovrebbe essere creata una situazione che consenta di parlare dell’argomento e che consenta a entrambi di esprimere le proprie emozioni. Quindi, per farlo funzionare, non è una buona idea comunicare critiche costruttive come se fosse una “conversazione in corridoio”.

Offrite loro aiuto

Una volta che hai indicato al bambino cosa vuoi ottenere da lui, offrite loro la vostra collaborazione e chiedetegli se ha delle domande. Se creerete questo spazio di scambio, potreste scoprire che non potrebbe svolgere un determinato compito per qualche motivo esterno o non correlato. Ad esempio, che non ha tenuto i bicchieri al loro posto perché la credenza si trova a una certa altezza.

Collaborate con vostro figlio.
Offrite il vostro aiuto o collaborate con vostro figlio per portare a termine il compito; sarà per lui un’esperienza di apprendimento.

Insegnate a costruire, non a distruggere

Imparare a insegnare è anche un’arte in cui i genitori devono dilettarsi. Si tratta di mettere in pratica, osservare, migliorare e correggere.

È fondamentale trovare i modi più appropriati per accompagnare l’educazione dei bambini. Dobbiamo sapere che nell’infanzia si pongono le basi dello sviluppo socio-emotivo, dell’autostima, dei modelli relazionali e dell’identità.

Quei piccoli che sono stati criticati o che hanno avuto un’educazione autoritaria o rigida hanno maggiori probabilità di soffrire di ansia, depressione o avere difficoltà interpersonali.

Per questo motivo, è importante che i genitori riflettano e capiscano se stanno facendo un’osservazione che aiuterà i propri figli a migliorare o se è una critica dettata dal fatto di volere che facciano ciò che i genitori vogliono. In questo senso, dobbiamo anche imparare a lasciare che siano se stessi e fare le loro cose.

Infine, educare dall’empatia e stare con gli altri come vorremmo che fossero con noi è la chiave per crescere esseri umani più felici.

Potrebbe interessarti ...
5 segni che stiamo iperproteggendo i nostri figli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
5 segni che stiamo iperproteggendo i nostri figli

L'iperprotezione porta i bambini alla dipendenza e alla frustrazione. Scoprite se state iperproteggendo vostro figlio e come cambiare.



  • Rodríguez-Garcés, Carlos René, Gallegos Fuentes, Marcelo, & Padilla Fuentes, Geraldo. (2021). Autoestima en Niños, Niñas y Adolescentes chilenos: análisis con árboles de clasificación. Revista Reflexiones100(1), 19-37. https://dx.doi.org/10.15517/rr.v100i1.43342
  • Vargas Rubilar, J. A., & Oros, L. B. (2011). Parentalidad y autoestima de los hijos: una revisión sobre la importancia del fortalecimiento familiar para el desarrollo infantil positivo.