Gli effetti della dissincronia nei bambini dotati

La mancanza di sincronia (o dissincronia) tra età biologica, intellettuale, emotiva e sociale ostacola la vita quotidiana dei bambini dotati. Scoprite perché si verifica e come gestirla.
Gli effetti della dissincronia nei bambini dotati
Elena Sanz Martín

Scritto e verificato da lo psicologo Elena Sanz Martín.

Ultimo aggiornamento: 10 dicembre, 2022

I bambini dotati mostrano prestazioni elevate nelle aree intellettuali, creative e artistiche. Hanno un buon ragionamento astratto, fanno domande che non sono tipiche degli altri bambini della loro età e nutrono preoccupazioni e interessi profondi. Tuttavia, questo non li rende adulti in miniatura. Il loro sviluppo in altri ambiti, come quello affettivo e quello sociale, non seguono lo stesso ritmo e, se questo non viene compreso e affrontato, possono sorgere importanti conseguenze. Pertanto, è importante sapere cos’è e quali sono gli effetti della dissincronia.

Quando si tratta di questi bambini, spesso commettiamo l’errore di concentrarci esclusivamente sulle loro capacità intellettive. Pertanto, offriamo supporto e programmi di arricchimento cognitivo e scolastico e cerchiamo di fornire loro conoscenze e strumenti che nutrano la loro mente e il loro potenziale.

Ma dimentichiamo che sono esseri umani complessi e che il loro sviluppo deve essere completo. Per questo vanno rispettati i diversi ritmi.

Dissincronia nei bambini dotati

La sindrome della dissincronia è stata descritta dallo psicologo francese Jean-Charles Terrassier. Si riferisce alla mancanza di sincronia che si verifica in questi bambini in termini di diverse età: cronologica, intellettuale, emotiva, sociale e motoria, tra le altre. In altre parole, un bambino di 7 anni può avere un’età intellettuale di 12 anni e uno sviluppo emotivo equivalente a 5 anni.

Questa dissincronia può interessare molte aree, poichéabilità diverse si sviluppano a velocità diverse. Il fatto che un bambino sia intellettualmente avanzato non implica che il suo linguaggio, le capacità motorie, le emozioni o le abilità sociali siano allo stesso livello. E, quando questo squilibrio o dissincronia non viene preso in considerazione, possono sorgere diverse difficoltà.

Gli effetti della dissincronia

Gli effetti della dissincronia sono visibili in molteplici contesti: a casa, a scuola, nei rapporti con i coetanei e persino nel mondo interno del bambino. E questo perché si tende a pensare che, essendo così apparentemente maturo, questo bambino sia preparato a gestire situazioni che, in realtà, non gli competono ancora. Successivamente, vedremo alcuni dei principali effetti del non tenere conto di questa mancanza di concordanza tra le diverse età.

Molte volte, i bambini dotati sanno leggere fluentemente e hanno forti capacità di ragionamento, ma non sono in grado di scrivere facilmente o spiegare i concetti che hanno appreso.

Richieste irrealistiche

Se guardiamo solo all’età intellettuale, possiamo pretendere dal bambino compiti per i quali non è preparato. Ad esempio, è comune che l’intelletto e la psicomotricità non si sviluppino contemporaneamente. Pertanto, il bambino può leggere con grande facilità ma non essere in grado di scrivere con la stessa facilità.

Allo stesso modo, possono essere in grado di ragionare e comprendere concetti complessi, ma non saper verbalizzarli. È possibile che tu abbia capito una lezione molto facilmente, ma quando si tratta di spiegarla in un esame non puoi. E questo è dovuto a una dissincronia tra ragionamento e linguaggio.

Insuccesso scolastico e dissincronia

Questa è una delle realtà più sorprendenti, ma che si verifica molto frequentemente. E si stima che il 70% degli studenti dotati abbia scarsi risultati scolastici, mentre circa il 40% subisca un fallimento scolastico. Quello che succede è che c’è una discrepanza tra ciò che la scuola offre e ciò di cui ha bisogno il minore.

Molti bambini dotati non sono motivati in classe perché il contenuto non è al loro livello. Così, perdono interesse e non provano come farebbe qualsiasi altro bambino.

Inoltre, per la loro grande capacità di comprensione, non sviluppano abitudini di studio o strategie di memorizzazione, poiché si può ritenere che non sia necessario, quando lo è.

D’altra parte, le emozioni giocano un ruolo fondamentale nell’apprendimento e normalmente non vengono prese in considerazione nell’ambiente educativo. Alcuni studi hanno scoperto che l’intelligenza emotiva favorisce un buon rendimento scolastico. Per questo, se questo aspetto viene tralasciato, questi bambini possono essere portati verso il fallimento scolastico.

Gli effetti della dissincronia: turbamento emotivo

La dissincronia tra intelletto e affetto è una delle cause delle maggiori conseguenze in questi bambini. Ed è che, nonostante siano così capaci di ragionare, interrogare e comprendere il mondo, potrebbero non avere la stessa facilità di comprendere le proprie emozioni.

In genere, hanno difficoltà a interpretare il loro ricco mondo interiore, a gestire i propri sentimenti e ad affrontare quella sensazione di essere diversi. Ed è che le loro emozioni sono solitamente intense, profonde e traboccanti.

Questo può portare a bassa autostima, disturbi d’ansia, tristezza e persino depressione. Naturalmente, queste condizioni possono verificarsi se non hanno un adeguato sostegno e accompagnamento da parte degli adulti.

I bambini dotati possono avere problemi a relazionarsi con altri bambini, poiché hanno interessi diversi e si sentono rifiutati o incompresi.

Gli effetti della dissincronia e l’isolamento sociale

Proprio a causa delle loro differenze, i bambini dotati possono avere difficoltà ad adattarsi a scuola e a relazionarsi con i loro coetanei.

Pertanto, potrebbero non condividere gli stessi interessi e le stesse prospettive degli altri bambini della loro età, sentirsi incompresi e rifiutati e vivere l’isolamento.

Genitorialità impropria

Infine, la dissincronia colpisce anche la famiglia, che potrebbe non prendere le migliori decisioni genitoriali. Percependo questi bambini come maturi, possiamo lasciare che prendano decisioni che non corrispondono a loro e cadano nella permissività e nella mancanza di limiti.

Ricordiamoci che hanno ancora bisogno di aiuto per comprendere le proprie emozioni, per sviluppare le proprie abilità sociali e per acquisire buone abitudini. Dovrebbero essere i genitori a stabilire le regole, guidare e insegnare ai minori.

Comprendere e gestire la dissincronia per migliorare la qualità della vita

In sintesi, i genitori, gli educatori e qualsiasi adulto che lavora con bambini dotati devono comprendere la dissincronia e i suoi effetti. È necessario prestare attenzione al grado di sviluppo in ciascuna area per offrire l’aiuto e gli adeguamenti necessari. Non dobbiamo limitarci a giudicare il ragazzo dalle sue capacità intellettuali.

Sì, è necessario arricchire e nutrire la mente e la curiosità, ma è altrettanto importante fare molto lavoro emotivo, monitorare la situazione e porre dei limiti. Ricordiamoci che non sono adulti in miniatura e che hanno il diritto di vivere e godersi la loro infanzia.

Potrebbe interessarti ...
Bambini plusdotati: come riconoscerli?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Bambini plusdotati: come riconoscerli?

Come facciamo a sapere quando ci troviamo di fronte a bambini plusdotati? Come possiamo riconoscerli? Ecco qualche consiglio.



  • García-Rona, A., & Sierra-Vázquezb, J. (2011). Niños con altas capacidades intelectuales. Signos de alarma, perfil neuropsicológico y sus dificultades académicas. Anales de Pediatría Continuada9(1), 69-72.
  • Palomera Martín, R., Gil-Olarte Márquez, P., & Brackett, M. A. (2006). ¿ Se perciben con inteligencia emocional los docentes?: posibles consecuencias sobre la calidad educativa.
  • Terrassier, J. C. (1994). El síndrome de la disincronía. En Y. Benito (Coord.), Intervención e investigación psicoeducativas en alumnos superdotados. Salamanca: Amarú.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.