I 7 miti educativi più comuni: è ora di sfatarli!

Sfatiamo alcune credenze comuni sulla scuola e il mondo dell'educazione in generale.
I 7 miti educativi più comuni: è ora di sfatarli!

Ultimo aggiornamento: 17 aprile, 2021

Spesso si pensa che l"educazione sia qualcosa di semplice e che ci sia una formula perfetta che porta direttamente al successo. Ecco perché un buon numero di miti educativi sono sorti intorno al processo di insegnamento. E secondo noi è giunto il momento di sfatarli una volta per tutte.

È risaputo che il compito di educare è arduo, complicato. Ha i suoi alti e bassi e il progresso dipende dalla volontà e dalla motivazione dello studente.

Non tutto è responsabilità dell"insegnante in classe; i genitori hanno il dovere di insegnare ai propri figli le abitudini e le norme necessarie per un comportamento e prestazioni ottimali a scuola.

Un sistema educativo di successo è quello che include la scuola, la casa e la comunità nel suo insieme. In questo modo, si ottiene un equilibrio coerente e stabile per lo studente.

Andiamo ora a parlare ei 7 miti educativi più duri a morire. Vi spiegheremo perché sono falsi.

I 7 miti educativi più comuni

1. Gli studenti che vivono in famiglie a basso reddito avranno prestazioni peggiori

Ogni studente si evolve secondo i suoi mezzi e le sue possibilità. Tutti abbiamo abilità e abilità che sviluppiamo al nostro proprio ritmo. Il conto in banca dei genitori, in linea di principio, non ha nulla a che fare con l"apprendimento.

In molti casi, gli studenti a basso reddito sono più diligenti dei più ricchi. Il motivo è che desiderano una condizione di vita migliore che possono ottenere acquisendo una buona professione.

Naturalmente, il luogo di studio, la cultura familiare o l"esempio dei genitori possono influenzarli. Tuttavia, è sbagliato pensare che siano destinati ad avere risultati scolastici peggiori, perché spesso è vero il contrario.

2. Meno studenti in una classe, prestazioni più elevate

Ciò che conta davvero è la qualità dell"insegnante, non il numero di studenti. Naturalmente, con meno studenti l"istruzione è più personalizzata; ma se l"insegnante semplicemente non si preoccupa dei suoi studenti, il loro numero in classe potrebbe non avere molta importanza.

Che la scuola secondaria sia più difficile dell'istruzione primaria è uno dei miti educativi più comuni.

Occorre investire nella ricerca di professionisti dell"educazione che, oltre ad essere laureati, abbiano una vocazione all"insegnamento. Un bravo insegnante servirà un gruppo, grande o piccolo che sia. Educherà e amerà i suoi studenti con determinazione e dedizione, come va fatto.

3. Lo studente di maggior talento avrà più successo

Anche se c"è chi afferma che il rendimento scolastico di un bambino dipende dalle sue capacità intrinseche e non dallo sforzo che esercita nello studio, è risaputo che non è del tutto vero. Tutti gli studenti sono in grado di ottenere buoni risultati mettendo impegno e dedizione in quello che fanno.

Il loro talento innato in qualsiasi campo può aiutarli nei loro studi, ma questo non garantisce il successo. Molto dipende dalla dedizione e dalla volontà di ottenere conoscenze e risultati in classe, nonché dalla bravura dell"insegnante, dalle politiche della scuola e dalla famiglia.

“La scuola deve costruire nello spirito dello studioso, su fondamenta di verità e sulla base del bene, la colonna portante di tutta la società: l"individuo"

–Eugenio María de Hostos–

4. Gli studenti con una grande padronanza della tecnologia sono più intelligenti

Non poteva mancare nell"elenco dei miti educativi più diffusi. La globalizzazione e la modernità coinvolgono tutti allo stesso modo, che sappiano come gestirli o meno. Tuttavia, sapere come difendersi da queste nuove tecnologie è di grande aiuto per chiunque.

Sebbene sia vero che più velocemente acquisirai questo tipo di conoscenza, più avrai padronanza del futuro, padroneggiare con successo la tecnologia ei suoi progressi non presuppone necessariamente l"intelligenza dello studente.

Alcuni possono eccellere in diverse aree, come la letteratura, le lingue e la scienza; ciò non significa che non maneggiando la tecnologia manchino di intelligenza. Tutti possono mostrare quanto sono intelligenti nel loro campo di elezione.

Si raccomanda ai ragazzi che sono fanatici della tecnologia di sfruttare le proprie capacità con questo strumento per imparare i linguaggi specifici della tecnologia, come la programmazione.

5. L"educazione fisica non è importante nell"insegnamento

L"attività fisica ha molti vantaggi a livello neurologico. Ad esempio, la generazione di neurotrasmettitori come la dopamina e la serotonina, che aiutano a sviluppare l"attenzione e la motivazione dello studente.

È anche uno strumento molto utile con quegli studenti che soffrono di ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività) in quanto li mantiene attivi e attenti negli esercizi. L"esercizio fisico, oltre a rafforzare il corpo, è in grado di nutrire la mente.

6. L"istruzione privata è molto meglio dell"istruzione pubblica

Tutte le istituzioni educative insegnano lo stesso contenuto, ciò che cambia è l"ambiente. La qualità dell"istruzione non dipende dalle infrastrutture.

La verità è che la vocazione dell"insegnante e la voglia di imparare dello studente sono ciò che fa la differenza. Se il bambino vuole imparare, lo farà in un"aula dotata di ogni comfort o sotto un albero.

Ci sono molti miti educativi che sono tutt'altro che veri.

7. La scuola secondaria è più difficile della primaria

Questo potrebbe essere uno dei miti educativi che si sente più spesso. Tutti i livelli di istruzione hanno le loro difficoltà. Come queste vengono affrontate dipende dal grado di maturità dello studente.

La primaria è solitamente quella che ha l"impatto più grande per alcuni bambini, poiché sono abituati a stare a casa con i genitori. Lo shock di uscire, essere circondati da altri bambini ed essere guidati da qualcuno di diverso dai genitori è di solito traumatico all"inizio.

Allo stesso modo, la scuola secondaria tende ad essere complicata, poiché lo studente presenta cambiamenti fisiologici e di identità. Inoltre, i programmi diventano più difficili, gli insegnanti diventano professori – quindi figure più distanti e meno genitoriali – ed è richiesto un maggior grado di lavoro in autonomia.

L"ambiente scolastico è circondato da frasi fatte che si ripetono senza essere necessariamente vere. Conoscere veramente quali fattori sono rilevanti per il processo educativo è molto utile per sfatarle.

Potrebbe interessarti ...
Routine mattutine per una buona giornata di scuola
Siamo MammeRead it in Siamo Mamme
Routine mattutine per una buona giornata di scuola

Seguire regolarmente delle routine mattutine è il modo migliore per riuscire a trascorrere una buona giornata a scuola. Quali sono le più importanti?