Il bambino ha il naso che cola e ha difficoltà a respirare: cosa fare?

Ci sono diversi modi per dare sollievo al tuo bambino quando ha il naso che cola. Scopri cosa fare se sei colpito da un raffreddore e quali sintomi prestare attenzione.
Il bambino ha il naso che cola e ha difficoltà a respirare: cosa fare?
Leidy Mora Molina

Scritto e verificato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 03 novembre, 2022

Una delle condizioni che causa maggiore preoccupazione nei genitori è quando il bambino ha il naso che cola e ha difficoltà a respirare, perché piange, si irrita e quindi aumenta il suo disagio. Ma cosa fare in questa situazione, riesci a soffocare le tue stesse secrezioni? Continua a leggere per imparare come alleviare questo sintomo nel tuo piccolo.

Anche i bambini sani si ammalano

Durante l’infanzia, è normale che i bambini soffrano da 10 a 12 raffreddori all’anno, anche il più sano di tutti. Questa è una conseguenza dell’immaturità del sistema immunitario e, in qualche modo, favorisce lo sviluppo delle difese naturali di cui hanno bisogno per sopravvivere.

Di conseguenza, non dovresti allarmarti se tuo figlio trascorre gran parte della sua infanzia con il moccio che gli gocciola dal naso, poiché questo fa parte del suo processo di crescita. Successivamente, ti diremo perché si verificano queste secrezioni e in quali circostanze aumentano un po’ di più.

Perché viene prodotto il muco?

La produzione di muco nasale nasce come meccanismo di difesa dell’organismo, per pulire le vie aeree da virus, batteri o agenti esterni che tentano di entrare.

Nonostante ciò, è importante notare che nei bambini piccoli, un’eccessiva produzione di muco può ostruire significativamente le loro vie aeree e rendere difficile la respirazione. Questo perché i diametri di questi dotti sono ancora molto stretti e, in generale, i meccanismi naturali di eliminazione (come la tosse) non sono così efficaci a queste età.

In aggiunta a ciò, durante i primi mesi di vita il bambino non ha sviluppato il riflesso necessario per respirare attraverso la bocca quando il naso è coperto. Pertanto, è difficile per te ottenere ossigeno quando sei molto congestionato.

Di conseguenza, il muco genera nei bambini una certa irrequietezza, perdita di appetito e disagio, che si manifestano attraverso il pianto. Questa inquietante sensazione di soffocamento quasi permanente li rende molto irritabili e genera grande angoscia nei genitori.

concetto freddo ragazzo freddo con moccio

Cause più comuni di aumento della produzione di muco

Il moccio dei bambini può essere prodotto da diverse cause, tra le quali si segnalano le seguenti:

  • Allergie.
  • raffreddori
  • Sbalzi di temperatura improvvisi.
  • Inalazione di sostanze irritanti.
  • Pianto continuo.
  • Ambienti molto secchi.

È importante osservare le caratteristiche del muco del bambino, per avvicinarsi alla causa che le produce. In generale, quando sono limpidi, bianchi e fluidi, tendono a rispondere agli sbalzi di temperatura o alle allergie. Al contrario, quando sono gialli, verdi e spessi, di solito indicano un’infezione respiratoria.

La cosa più consigliabile è che, in presenza di muco nel bambino piccolo, si vada dal pediatra per valutarlo e indicargli la strategia più idonea per alleviare la congestione.

Cosa fare se il bambino ha il naso che cola e ha difficoltà a respirare?

Se il bambino ha il naso che cola, dovete rimanere calmi e trovare un modo per aiutarlo a espellerlo. Esistono diverse tecniche per farlo, quindi condivideremo le più consigliate dagli specialisti.

1. Lavaggi nasali

I lavaggi nasali sono la prima opzione per sbloccare le narici del bambino con il muco. Per mezzo di essi, le mucose vengono umidificate, il muco viene sciolto e quindi possono essere rimossi molto più facilmente dal naso.

Per eseguire i lavaggi nasali, dovresti trovare un momento in cui il bambino è calmo, ad esempio dopo il bagnetto e prima di allattare o dormire.

Se il bambino ha il naso che cola: passaggi utili

È necessario utilizzare una soluzione fisiologica sterile allo 0,9% a temperatura ambiente e aiutarsi con una piccola siringa per introdurre questo liquido nel naso del bambino. Prendere nota dei seguenti passaggi:

  • Posizionate il bambino con la testa di lato sul fasciatoio e metti un asciugamano sotto la testa.
  • Tenetelo stretto per evitare che si muova.
  • Spruzzate delicatamente 2 cc di soluzione fisiologica in fondo alla narice: questo la fa entrare da una narice ed uscire dall’altra, senza passare nell’orecchio o nella faringe.
  • Asciugate il naso del bambino affinché espella le secrezioni.
  • Quindi giratelo sull’altro lato e ripetete questa procedura sull’altra narice.
  • Potete eseguire questi lavaggi tutte le volte che è necessario, se il bambino ha ancora il naso chiuso.

In commercio ci sono anche speciali spray per l’acqua di mare per neonati o siero fisiologico in monodose per ogni lavaggio. Questi rendono la procedura ancora più semplice.

È importante ricordare che l’uso di antistaminici e altri farmaci deve essere somministrato solo sotto indicazione medica.

baby sitter nella vasca da bagno vasca da bagno soluzione fisiologica lavaggio nasale

2. I bagni di vapore e l’uso dell’umidificatore

Se l’ambiente della casa è asciutto, è meglio avere un umidificatore d’aria. Questo evita che le mucose si secchino e, a sua volta, favorisce la produzione delle secrezioni necessarie per combattere i germi. Non è consigliabile lasciare questo dispositivo acceso nella cameretta del bambino tutta la notte e durante il giorno è necessario ventilare bene gli ambienti.

Allo stesso modo, i bagni di vapore sono ideali per fluidificare il muco e calmare il bambino. Ma questi dovrebbero essere riservati ai bambini più grandi, in quanto l’eccesso di acqua nelle vie respiratorie dei più piccoli può essere controproducente.

Idealmente, dovresti sfruttare l’ora del bagnetto in modo che il tuo bambino inspiri la piccola quantità di vapore contenuta nel bagno.

3. Uso dell’aspiratore nasale

L’aspiratore nasale è un tubo con un bulbo che aiuta a aspirare il muco per liberare le narici. Per usarlo, devi premere la pera, inserire il beccuccio nella narice del bambino e inalare delicatamente.

Non è conveniente utilizzarlo in eccesso, perché oltre ad essere una pratica sgradevole per i bambini, può causare lesioni alla mucosa respiratoria. Con 2 aspirazioni al giorno, è più che sufficiente.

4. Idratazione: quando il bambino ha il naso che cola

Mantenere il bambino idratato è fondamentale per aiutarlo ad eliminare il muco, poiché l’acqua favorisce la fluidificazione delle secrezioni e ne facilita l’espulsione.

Per questo motivo si consiglia di offrire al bambino l’allattamento al seno a richiesta e se ha più di 6 mesi, oltre al latte, offrigli brodi senza sale, zuppe e molta acqua.

Quando andare dal pediatra?

Si consiglia di rivolgersi al pediatra ogni volta che il bambino accompagna il muco con uno qualsiasi dei seguenti sintomi o segni:

  • Febbre (temperatura superiore a 38ºC).
  • Tosse costante, secca o produttiva.
  • Difficoltà a respirare, tremore e affondamento nelle costole o nell’incavo dietro le clavicole durante la respirazione.
  • Estrema perdita di appetito, che non consente di bere abbastanza liquidi.
  • Cattive condizioni generali e degrado.

Finché il bambino ha del muco, l’ideale è implementare alcuni dei suggerimenti sopra menzionati. Sebbene non curino patologie né accelerino la loro risoluzione, forniscono sollievo e conforto ai più piccoli. Ciò consente loro di affrontare l’immagine in modo più calmo, ben nutrito e idratato e con un riposo migliore.

Potrebbe interessarti ...
Raffreddore: come fare per evitarlo
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Raffreddore: come fare per evitarlo

L'autunno annuncia l'arrivo del freddo e delle correnti d'aria. Con questi cambiamenti, il raffreddore si diffonde a macchia d'olio.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.