Deprivazione affettiva: cause e conseguenze

La mancanza di affetto da parte degli adulti verso i bambini gioca un ruolo importante nel loro sviluppo.
Deprivazione affettiva: cause e conseguenze

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio, 2022

La deprivazione affettiva è una condizione che nessun bambino dovrebbe sperimentare nel corso di tutta la vita. Fin dalla nascita, i bambini hanno bisogno di sentire l’affetto dei loro genitori. È il modo in cui devono acquisire l’autostima e la sicurezza necessaria per raggiungere la propria autonomia personale.

Tuttavia, ci sono momenti in cui bambini e adolescenti vivono situazioni di deprivazione affettiva. E questa mancanza influenzerà diverse aree del loro sviluppo.

Deprivazione affettiva e sviluppo

Situazioni ripetute di deprivazione affettiva durante l’infanzia possono creare diversi disturbi psicologici e psicopatologici nel bambino. Questi si manifestano durante l’infanzia e, a volte, possono interessare l’adolescenza e persino l’età adulta. Per questo è fondamentale che, fin dai primi mesi di vita, il bambino sviluppi una figura di attaccamento sicura e senta l’affetto dei genitori.

Che cos’è la privazione affettiva?

La deprivazione affettiva indica la situazione in cui si trova un bambino che ha subito o subisce la privazione del rapporto con la madre o con un sostituto materno, e che soffre della mancanza di attenzione affettiva necessaria in tenera età. Tuttavia, ciò non significa che la privazione affettiva ed emotiva del bambino sia del tutto nulla. Questo sarebbe impossibile.

Significa che il bambino non ha abbastanza esperienze, né in quantità né in qualità, di amore, affetto o emozioni piacevoli. In questa situazione, il piccolo si sente indesiderato, non accettato e insicuro. Questa mancanza affettiva influenzerà il suo sviluppo emotivo, fisico e psicologico. Di conseguenza, il suo comportamento si tramuterà in atteggiamenti sociali ed emotivi inappropriati e contrastanti.

Ragazza che abbraccia un orsacchiotto come segno della depravazione affettiva di cui soffre.

Pertanto, è di vitale importanza che il piccolo senta l’affetto e l’amore dei suoi genitori. È il modo per acquisire l’autostima e la sicurezza necessaria che gli permetterà di raggiungere la sua autonomia personale. Ma non sempre questo accade.

Quali sono le cause?

La privazione o la mancanza emotiva possono essere causate da varie situazioni nell’ambiente familiare del bambino. I più frequenti sono:

  • Abbandono per negligenza.
  • Ospedalizzazione.
  • Genitori che divorziano e si uniscono ad altri partner in occasioni ripetute e transitorie.
  • Gravidanze indesiderate.
  • Famiglie disfunzionali in cui ci sono problemi di abuso, gelosia, tossicodipendenza, prostituzione.
  • Aggressione fisica ed emotiva ai bambini.
  • Ambiente familiare deteriorato, con frequenti liti tra genitori davanti ai figli.
  • Genitori severi o moralisti che provocano nel bambino continue crisi o continui stati di ansia.
  • Genitori molto tolleranti i cui figli non sono soggetti a regole.

Un’altra causa di deprivazione affettiva, anche se può non sembrare, è la mancanza di tempo che i genitori hanno oggi per motivi di lavoro. Per molti genitori è più importante che i propri figli siano materialmente soddisfatti piuttosto che dedicare del tempo a donare loro amore e affetto.

In ogni caso, qualunque sia la causa della deprivazione affettiva, essa arrecherà al bambino un danno che avrà ripercussioni sul suo sviluppo, sulla sua personalità e sulle sue relazioni sociali.

Quali conseguenze può avere sui bambini?

La mancanza di affetto da parte dei genitori o dei tutori può causare nei bambini diversi problemi, tra i quali possiamo trovare ritardi di crescita e disturbi dello sviluppo motorio, cognitivo e sociale.

Questi disturbi saranno più o meno gravi nei bambini a seconda di diversi fattori. Tra i più significativi vi sono l’età del bambino, la durata della privazione emotiva e il tipo di emozione di cui è privato.

Ragazzo triste e premuroso che si appoggia sul tavolo.

Pertanto, facendo un’analisi di più autori, si distinguono tre tipi di conseguenze:

Affettivo

  • Ansia di separazione o abbandono: il bambino teme che gli altri ritirino il loro affetto. Ha l’impressione che manchi qualcosa di fondamentale. In generale, non vuole instaurare legami affettivi per paura di perdere nuovamente l’affetto dell’altro.
  • Avidità affettiva: il bambino esige l’affetto degli altri senza limiti. Dubita delle intenzioni degli altri e comprende sempre i fatti in modo ambiguo.
  • Aggressività reattiva: l’ambizione e la paura di perdere l’affetto degli altri è così intensa che tutto sembra una minaccia di frustrazione. Il bambino fa pagare agli altri le proprie sofferenze passate (reali o immaginarie) in mille modi. Inoltre, mette costantemente alla prova l’affetto degli altri.
  • Atteggiamento passivo: il piccolo si lascia amare, ma lui non ama. È egocentrico e vuole essere amato. A sua volta, è passivo e dipendente, e si aspetta continuamente di ricevere dagli altri.
  • Sentimenti di inutilità o scarsa autostima: di solito il bambino si considera un fallito e si disprezza. Dubita persino di suscitare affetto o simpatia negli altri. Per questo sente in sé una grande insicurezza.
  • Intolleranza alla frustrazione: i divieti o i limiti imposti dagli altri sono vissuti come aggressioni o ingiustizie. Ha anche difficoltà ad accettare i limiti.

Somatico

  • Ritardo della crescita: il bambino può avere un ritardo nella crescita fisica. Potrebbe anche essere al di sotto della media per la sua età. La sensazione di abbandono e tristezza spiega perché il bambino ha meno interesse per il cibo e viene nutrito male.
  • Propensione alle malattie e agli infortuni: il bambino può avere una minore resistenza alle infezioni. I suoi meccanismi di difesa immunologica sono meno sviluppati a causa della debole pulsione vitale.
  • Alterazione dello schema corporeo: la mancanza affettiva non permette al bambino di sviluppare un’immagine corporea armonicamente organizzata. Si osservano difficoltà nella coordinazione motoria (ad esempio negli sport) e, in alcune occasioni, anche sintomi di iperattività.
    deprivazione affettiva

Cognitivo

  • Ritardo intellettuale: questo ritardo è dovuto alla mancanza di stimoli socio-culturali durante la prima infanzia. Il bambino affettivamente privato di solito ha un QI inferiore alla media. A sua volta, presenterà difficoltà di apprendimento e scarso rendimento scolastico.
  • Disturbi del linguaggio: normalmente, il bambino mostra un certo ritardo nello sviluppo del linguaggio. Ha anche problemi alle articolazioni. Il suo vocabolario e la sua comunicazione sono scarsi.
  • Disorientamento temporale: il bambino non sa valutare oggettivamente il tempo. Tratta i momenti piacevoli come troppo brevi e quelli spiacevoli come troppo lunghi.

Altre cause di deprivazione emotiva

Attualmente ci sono conflitti di guerra, conflitti migratori e quelli derivati dalla pandemia che complicano gli scenari affettivi. I bambini e gli adolescenti si trovano così in una condizione di estrema vulnerabilità, di fronte a:

Conflitti di guerra

Ci sono centinaia di conflitti che scuotono il pianeta e in tutti ci sono minori indifesi che subiscono privazioni affettive. O perché gli adulti partecipano direttamente al campo di battaglia, o perché come civili fanno parte degli obiettivi territoriali in discussione.

La migrazione e lo sfollamento riempiono di problemi la vita quotidiana della famiglia e diventa molto difficile creare le condizioni per dare affetto e speranza in modo duraturo. Bambini e adolescenti sono i primi ad essere colpiti da un conflitto armato, direttamente o indirettamente, mettendo a repentaglio la loro salute generale e la loro vita.

La migrazione

L’emigrazione dei genitori risveglia in coloro che rimangono o lasciano sentimenti di colpa, paura della perdita o incertezza e profonda angoscia. I bambini sperimentano le tracce emotive lasciate dalla migrazione dei genitori, che incidono principalmente sulla loro salute mentale. La migrazione forzata scuote le basi affettive dello sviluppo e influenzerà il loro futuro scolastico e le loro prestazioni sociali.

La pandemia

La casa è fondamentale nella difesa e protezione del bambino. Tuttavia, i fattori di stress legati al confinamento minacciano tale difesa. Le restrizioni alla circolazione, ai viaggi e al lavoro sono complicate dalle preoccupazioni per la propria salute, sicurezza alimentare, difficoltà economiche.

A tutto questo si aggiunge il fatto che molti bambini sono intrappolati nelle loro case, con parenti violenti e in qualche modo lontani dalla vista delle persone o delle istituzioni che potrebbero aiutarli.

Sulla deprivazione affettiva nei bambini

Secondo Vargas (2002), dal punto di vista sociale i bambini hanno difficoltà a relazionarsi con gli altri. Sviluppano poche abilità sociali, sono dipendenti, hanno bisogno di riconoscimento e approvazione costanti delle loro azioni. Allo stesso modo, introiettano e proiettano qualità che sono loro estranee e assumono come proprie, manifestano estrema compiacenza, sottomissione, ostilità e aggressività.

In breve, come abbiamo visto, ci sono diverse cause che provocano la deprivazione affettiva. Pertanto, è molto importante prendersi cura dell’affetto che diamo ai nostri figli. Le conseguenze non sono tutte temporanee. Alcune di esse accompagneranno il bambino durante la sua adolescenza e le subiranno anche in età adulta.

This might interest you...
Conseguenze di una mancanza di affetto nell’infanzia
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Conseguenze di una mancanza di affetto nell’infanzia

Nel seguente articolo, vi parleremo delle conseguenze di una mancanza di affetto durante l'infanzia. Tutti i bambini hanno bisogno di ricevere atte...