Il primo bagnetto in piscina del bambino

Se avete dei dubbi sul primo bagnetto in piscina del vostro bambino, questo articolo potrebbe interessarvi. Seguite i nostri consigli per trasformarla in un'avventura!
Il primo bagnetto in piscina del bambino

Ultimo aggiornamento: 21 agosto, 2022

Sebbene il primo bagnetto del bambino in piscina sia spesso molto atteso dai genitori, solleva anche diverse preoccupazioni. Sappiamo di certo che il primo contatto del neonato con l’acqua apporta benefici ai suoi sensi e al suo sviluppo.

Siete interessati a saperne di più? Vediamo in dettaglio tutto ciò di cui dovreste tenere conto in modo che questa esperienza non sia piacevole solo per lui, ma anche per voi.

A che età è consigliato il primo bagnetto in piscina del bambino?

In generale, l’età consigliata al bambino per fare il suo primo bagno in piscina è legata al programma di vaccinazione. Intorno ai 4 mesi, il bambino è già immunizzato con una protezione accettabile per il suo primo contatto con l’acqua in piscina. Allo stesso modo, questa attività migliorerà lo sviluppo motorio, poiché i riflessi del nuoto non sono ancora stati persi.

Naturalmente, tieni presente che solo le persone di età superiore ai 6 mesi sono in grado di utilizzare la protezione solare sulla pelle. Tuttavia, le lezioni di nuoto sono consigliate a partire dai 4 anni.

Precauzioni da adottare quando si porta il bambino in piscina

Godersi una giornata di sole in piscina è un bel progetto familiare, ma i rischi che questo comporta devono essere conosciuti per prevenirli in anticipo. Te lo diciamo allora.

Indossare indumenti adatti per proteggerlo dal sole

il bambino nuota in piscina in un galleggiante con cappello e maglietta filtro uv fps
È ideale che i vestiti del bambino siano realizzati con tessuti dotati di filtri solari. Inoltre è consigliato l’uso di cappelli che coprano testa, orecchie e collo.

L’ideale è optare per abiti larghi e, preferibilmente, che i loro tessuti siano dotati di filtri solari. Secondo una pubblicazione dell’American Academy of Dermatology Association, i calzini di cotone forniscono anche una protezione solare naturale. Cioè, se riesci a vedere attraverso l’indumento, anche i raggi ultravioletti possono attraversarlo.

Oltretutto, i cappelli larghi sono da preferire ai berretti con visiera, poiché questi non coprono le orecchie o la nuca.

Nonostante si indossino i costumi da bagno, la protezione solare deve essere applicata sul fondo dell’indumento per proteggere le aree sensibili. Anche la nuca, le orecchie, la parte posteriore delle ginocchia e la parte superiore dei piedi non vanno dimenticate.

Prendere in considerazione la temperatura e le sostanze chimiche dell’acqua

La temperatura è una delle variabili da tenere in considerazione nel primo bagnetto in piscina del bambino, poiché ha la pelle più delicata. Infatti, i neonati prematuri non hanno ancora sviluppato completamente il loro sistema di termoregolazione. Per questo motivo la temperatura dell’acqua non deve essere inferiore a 30 gradi.

D’altra parte, le sostanze chimiche vengono utilizzate per mantenere l’acqua conforme alle norme sanitarie e per prevenire la proliferazione di microrganismi batterici. Di conseguenza, ci sono studi pubblicati da Allergy che mettono in relazione l’esposizione prematura dei bambini con la comparsa di patologie respiratorie.

Dopo aver lasciato la piscina, l’ideale è sciacquare il piccolo con l’acqua fresca della doccia per rimuovere i resti di cloro dalla pelle. Successivamente, è bene applicarvi sopra una crema emolliente. Questo è indicato, poiché il cloro ha la capacità di seccare la superficie della pelle e generare dermatiti irritanti a causa del suo pH superiore a quello della pelle.

Evitare l’esposizione diretta al sole

La cosa corretta è che il bambino non è esposto direttamente ai raggi ultravioletti del sole. Pertanto, si consiglia di coprire l’area con un ombrellone e di vestire il bambino con un cappello e indumenti con filtri solari.

In ogni caso la permanenza in piscina non deve protrarsi per più di 10 minuti per evitare reazioni cutanee.

Anche un’altra precauzione da considerare è quella di evitare che il bambino ingerisca acqua o, se succede, è la minor quantità possibile. Secondo uno studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la maggior parte degli annegamenti si verifica nei bambini di età inferiore ai 5 anni per non saper nuotare o per negligenza.

Usare correttamente la protezione solare per il primo bagnetto

La protezione solare deve essere applicata almeno 30 minuti prima dell’esposizione al sole. Si prega di notare che i bambini sotto i 6 mesi non devono essere indossati.

Per quanto riguarda i filtri solari, si consiglia di applicarlo 30 minuti prima dell’esposizione in modo che la superficie della pelle lo assorba correttamente. Trascorse le due ore, il prodotto deve essere applicato nuovamente su tutta la superficie, anche se destinata a rimanere in ombra.

Le creme solari, come vari prodotti cosmetici, hanno una durata di conservazione limitata e la loro efficacia inizia a diminuire nel tempo. Pertanto, controlla sempre la data di scadenza sui vecchi contenitori per la protezione solare.

Prestare attenzione quando si applica la crema vicino agli occhi, poiché può essere irritante. Quindi, è meglio evitare di applicarlo sulle palpebre inferiori e superiori del piccolo.

Rendete il primo bagnetto in piscina un’avventura

Scegliete piscine pulite e poco affollate per ridurre al minimo la probabilità di generare reazioni cutanee in futuro è l’ideale. Inoltre, assicuratevi che il primo bagnetto del bambino in piscina avvenga dopo aver completato il ciclo di vaccinazione, garantirà una maggiore sicurezza.

Attraverso la prevenzione è possibile garantire la sicurezza del bambino senza per questo mettere da parte divertimento e intrattenimento.

Potrebbe interessarti ...
Il bagno dei bambini: importanza e consigli pratici
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il bagno dei bambini: importanza e consigli pratici

Fin da piccoli, è fondamentale avere delle buone abitudini igieniche. Ecco alcuni consigli pratici per rendere il bagno dei bambini un momento piac...