9 benefici del nuoto per i bambini

· 24 Dicembre 2018
Vi spieghiamo quali sono i tantissimi benefici del nuoto per i bambini.

Il nuoto ha la fama, nonché il pregio, di essere lo sport più completo. È una cosa che si sente dire in continuazione. I benefici del nuoto non conoscono limiti di età: nuotare fa bene a tutti, grandi ma sopratutto piccoli.

Questo sport permette di sviluppare e rinforzare i muscoli, attiva la coordinazione motoria e il sistema circolatorio e respiratorio. Inoltre, il nuoto aiuta il bambino a diventare più indipendente e essere più sicuro di sé.

Il luogo più piacevole in cui siamo stati nella nostra vita è senz’altro il ventre materno. Lì tutti gli esseri umani si sentono al sicuro, contenti, nutriti, in compagnia e uniti a qualcuno.

Nel ventre materno fluttuiamo. Qualcuno dice che i neonati sanno nuotare perché nella pancia della mamma erano immersi in un liquido. Tuttavia, per sperimentare quella cosa chiamata vita bisogna uscire da quel luogo tanto sicuro e confortevole. Ciò non significa che non si possano trovare altri ambienti piacevoli: uno di questi è sicuramente l’acqua.

La sensazione di scivolare dentro all’acqua è al contempo rilassante e stimolante . Il nuoto è uno sport eccezionale perché richiede coordinazione motoria – e praticandolo la si sviluppa – e insegna ai bambini ad avere la nozione dello spazio dentro e fuori dalle corsie della piscina. Inoltre, favorisce l’equilibrio.

Sono solo tre dei benefici del nuoto, che però serviranno a vostro figlio per tutta la vita. E la cosa bella è che queste capacità si possono sviluppare già a partire da quando il bambino ha pochi mesi di età. Continuate a leggere e scoprite quali sono gli altri benefici del nuoto!

I corsi di acquaticità

Oggigiorno sono molte le piscine che organizzano corsi di acquaticità in cui i bambini molto piccoli possono sperimentare il contatto con l’acqua insieme ai propri genitori.

E questo oltre a essere importante per tutto quanto detto prima, lo è anche perché aiuta a rafforzare il legame emotivo che unisce genitori e figli.

Anche se all’età di pochi mesi il bambino vi può sembrare ancora troppo piccolo per un’esperienza simile, sappiate che in realtà non è così.

Gli istruttori di acquaticità sanno che i bambini imparano giocando e trasformano questo momento in acqua in un’esperienza di gioco in cui il bambino ascolta musica e interagisce con dei giocattoli. È proprio così che sboccia il suo amore per l’acqua.

Benefici sì, lesioni no

L’esperienza dei neonati nell’acqua è meravigliosa. Tuttavia il nuoto si può imparare a qualunque età (anche la terza) perché è uno sport che non usura né danneggia le articolazioni.

Il nuoto, a differenza di altri sport, riduce al minimo il rischio di procurarsi delle lesioni. Inoltre è una disciplina divertente che aiuta a rinforzare tutto il corpo. Come non farlo! Siete nell’acqua!

Nuotare previene le malattie respiratorie e, se il bambino ne soffre, le allevia, poiché nuotando impara a respirare nel modo corretto aumentando così la propria capacità polmonare.

Praticare il nuoto giova anche all’apparato cardiovascolare, migliora la resistenza fisico e tutto il sistema circolatorio.

Un altro dei benefici del nuoto è la diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue, dovuta all’esercizio aerobico che provoca una maggiore sensibilità all’insulina. Nei bambini che soffrono di diabete, quindi, la necessità di insulina è più bassa.

Consigli per godere dei benefici del nuoto

È opportuno che il bambino cominci a nuotare gradualmente e che la durata delle lezioni aumenti a poco a poco, per evitare di sovraccaricare troppo i muscoli.

Una volta passata la fase iniziale, è consigliabile che il bambino faccia lezione di nuoto almeno tre volte alla settimana e che ogni lezioni duri almeno 30 minuti.

È consigliabile inoltre che il bambino si faccia la doccia prima e dopo essere stato in piscina e che utilizzi delle ciabatte per prevenire le infezioni micotiche ai piedi.

Altri consigli che desideriamo darvi è di utilizzare una crema solare nel caso in cui il nuoto venisse praticato all’aperto, di usare la cuffia quando si è in acqua e gli occhialini per evitare che gli occhi si irritino a causa del cloro.

9 buoni motivi per nuotare

I benefici del nuoto sono molteplici. Tra essi figura sicuramente il fatto di non correre pericoli quando si è in acqua. Tuttavia, questo non è l’unico. Di seguito vi elenchiamo nove buoni motivi per cui il nuoto fa bene:

  • Aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo, cosa che a sua volta previene l’obesità infantile (l’80 per cento dei bambini obesi lo saranno anche da adulti)
  • Aiuta a mantenere la pressione arteriosa più bassa
  • Abbassa il livello di colesterolo nel sangue: riduce il rischio di arteriosclerosi fin dall’infanzia
  • Diminuisce i livelli di glucosio nel sangue poiché l’esercizio aerobico provoca una maggiore sensibilità all’insulina. Per questo riduce il fabbisogno di insulina nei bambini diabetici.
  • Contribuisce a migliorare qualitativamente la capacità di sforzo fisico nei bambini, provocando una migliore risposta cardiovascolare.
  • Essere capaci di nuotare favorisce la socializzazione e la solidarietà. Avere delle nozioni di salvataggio e poter aiutare in una situazione reale è un valore aggiunto nell’educazione di una persona.
  • L’uso del costume ci mostra la nostra immagine reale. Questo permette di conoscersi e di rispettare gli altri. Inoltre, il contatto con gli altri favorisce i rapporti interpersonali e aiuta a superare le paure.
  • In bambini con problemi neurologici e paralisi cerebrale l’acqua a una temperatura di 28 gradi fa sì che i muscoli e il sistema nervoso passino da uno stato di tensione a uno di rilassamento.