Cheratosi pilare nei bambini: sintomi, cause e trattamento

La cheratosi pilare è una manifestazione cutanea innocua con pochi sintomi. Tuttavia, spesso preoccupa i genitori.
Cheratosi pilare nei bambini: sintomi, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 17 febbraio, 2022

La cheratosi pilare nei bambini è uno dei disturbi della pelle più diffusi e può anche essere considerata una normale condizione della pelle. Infatti, è la cheratosi follicolare più comune.

È una manifestazione dermatologica benigna che di solito provoca preoccupazione nei genitori e li porta a consultare un medico.

Cos’è la cheratosi pilare e come si manifesta nei bambini?

Secondo una ricerca pubblicata sul British Journal of Dermatology, la cheratosi pilare compare per la prima volta durante l’infanzia, si evolve e si estende nell’età adulta.

Conosciuto anche come “pelle di pollo”, è spesso un disturbo associato ad altre sindromi come la sindrome di Noonan e la sindrome di Down. A sua volta, è associato ad altre patologie, come la dermatite atopica, l’ittiosi volgare, il diabete mellito, l’obesità e la malnutrizione.

Cheratosi e follicolite.

Perché si sviluppa la cheratosi pilare?

Questa manifestazione cutanea ha un’eredità autosomica dominante in cui si verifica una mutazione della filaggrina, come nella dermatite atopica.

Entrambe le patologie cutanee si presentano con una perdita della funzione di barriera epiteliale. Pertanto, l’origine risiede nella cheratinizzazione anormale dell’apertura del follicolo, che porta allo sviluppo di un tappo nell’infundibolo.

La formazione di questi tappi di cheratina provoca eritema sulla superficie della pelle e una leggera desquamazione attorno a ciascun follicolo.

Sintomi e segni della cheratosi pilare

Si presenta come tappi di cheratina negli orifizi follicolari insieme a vari gradi di eritema perifollicolare. Inoltre, è evidente in qualsiasi regione della pelle che contiene follicoli piliferi, quindi non sarà mai sui palmi delle mani e sulla pianta dei piedi.

Questa manifestazione asintomatica si verifica sulle superfici estensori degli arti prossimali superiori e inferiori, nonché sui glutei. All’interno delle lesioni si possono osservare peli arrotolati, responsabili dello sviluppo dell’infiammazione e della cheratinizzazione.

L’area della pelle interessata risulta ruvida e secca alla palpazione, come se fosse carta vetrata. C’è una grande predisposizione in quelle persone con pelle secca, eczema, raffreddore da fieno o ittiosi.

Opzioni terapeutiche per la cheratosi pilare

La diagnosi delle lesioni è clinica, basata sui reperti dermatologici al momento dell’esame obiettivo. Sebbene la cheratosi pilaris nei bambini sia una condizione asintomatica che tende a migliorare nel tempo, esistono opzioni terapeutiche per gestirla e migliorarla.

Attuare una corretta igiene

L’uso di saponi ipoallergenici e spugne vegetali al momento del bagno è un’opzione consigliata. Non dovrebbe essere generato troppo attrito con loro, ma solo una leggera esfoliazione per rimuovere le cellule morte.

La durata del bagno va limitata perché tempi prolungati tendono ad eliminare gli acidi grassi propri della pelle, benefici per il corretto funzionamento della barriera cutanea.

Allo stesso modo, le papule sulla superficie della pelle non devono essere manipolate, poiché aumenta la probabilità di generare altre lesioni.

Mantenete l’idratazione della pelle

Dopo ogni bagno, quando la pelle ha un maggiore potere di assorbimento, va applicata sul corpo una crema idratante. Nella scelta di un emolliente devono essere presi in considerazione i suoi componenti e la sua presentazione.

Le emulsioni con vitamina A, acido lattico, vitamina E o allantoina sono ideali per idratare la pelle secca e favorire il rinnovamento della superficie cutanea. Sebbene l’applicazione di un emolliente possa prevenire la comparsa della cheratosi pilaris nei bambini, in chi già ne soffre le lesioni tendono a gonfiarsi quando la pelle è secca.

Cheratosi pilare nei bambini.

Prodotti specifici

Le lozioni all’acido salicilico o le creme a base di urea sono indicate per migliorare la grana della pelle. In questo modo, la cheratosi pilare nei bambini tende a svanire dopo alcune settimane. Entrambi i componenti aiutano a sciogliere e rimuovere le cellule morte dalla superficie della pelle e, quindi, ammorbidire la pelle.

Esistono altri tipi di trattamenti estetici più invasivi per questo tipo di patologia. Anche i peeling chimici, le creme al retinolo e le microdermoabrasione con punta di diamante sono opzioni per migliorare l’aspetto.

Cheratosi pilare, più che un problema di pelle

La cheratosi pilare nei bambini di solito si sviluppa durante l’infanzia e migliora nel tempo. Inoltre, è una manifestazione che non provoca sintomi importanti, ma solo disagio estetico. Inoltre non è contagioso e peggiora nei mesi invernali quando la pelle tende a seccarsi.

Sebbene sia una condizione genetica della pelle innocua, l’angoscia dei pazienti per l’aspetto estetico li porta a cercare di migliorarla.

Potrebbe interessarti ...
Dermatite atopica nei bebè: 15 consigli per curare la pelle
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Dermatite atopica nei bebè: 15 consigli per curare la pelle

La dermatite atopica nei bebè provoca alla pelle una secchezza evidente che può infastidire molto. I piccoli sono i soggetti più colpiti.



  • Clinica Mayo. Queratosis pilaris. Julio 2021.
  • Fenner J, Silverberg NB. Skin diseases associated with atopic dermatitis. Clin Dermatol. 2018 Sep-Oct;36(5):631-640. doi: 10.1016/j.clindermatol.2018.05.004. Epub 2018 Jun 1. PMID: 30217275.
  • Gerbig AW. Treating keratosis pilaris. J Am Acad Dermatol. 2002 Sep;47(3):457. doi: 10.1067/mjd.2002.122733. PMID: 12196765.
  • Hwang S, Schwartz RA. Keratosis pilaris: a common follicular hyperkeratosis. Cutis. 2008 Sep;82(3):177-80. PMID: 18856156.
  • Poskitt L, Wilkinson JD. Natural history of keratosis pilaris. Br J Dermatol. 1994 Jun;130(6):711-3. doi: 10.1111/j.1365-2133.1994.tb03406.x. PMID: 8011494.
  • Society for Pediatric Dermatology. ¿Qué es la queratosis pilaris? 2019.