Le carie nei denti da latte e nei denti permanenti

Le carie nei bambini richiedono un trattamento, indipendentemente dal fatto che colpiscano i denti da latte o i denti permanenti. Ti diciamo le diverse opzioni per risolvere questo problema in base alla dentizione.
Le carie nei denti da latte e nei denti permanenti
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da la dentista Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 18 ottobre, 2022

La carie nei denti da latte e nei denti permanenti è un problema abbastanza comune durante l’infanzia. La ricerca di una soluzione tempestiva è fondamentale per evitare disagi e complicazioni. Continuate a leggere per scoprire come trattarli.

Possiamo quindi dire che le cavità nella bocca dei bambini interferiscono con la loro qualità di vita, quindi è fondamentale prevenirle. Tuttavia, se la malattia si sviluppa, il trattamento deve essere individuati in tempo. In questo articolo vi diremo quali sono le terapie più utilizzate per invertire questa patologia e in che tipo di dentizione vengono utilizzate.

Carie nei denti da latte e nei denti permanenti

La carie si verifica quando i batteri nella bocca sfruttano gli zuccheri della dieta e producono acidi che distruggono i tessuti dentali.

La demineralizzazione delle parti dure dei denti può interessare sia i frammenti di latte che quelli definitivi. Inoltre, i germi possono influenzare la polpa dentale e causare dolore e infezione.

Nel caso dei pezzi di latte, nonostante durino poco in bocca, svolgono funzioni molto importanti. Perderli prima del tempo non pregiudica solo le funzioni quotidiane, come parlare, mangiare e sorridere, ma può anche causare problemi nell’eruzione dei pezzi definitivi, nella crescita delle mascelle e causare malocclusioni in futuro.

I denti da latte e i denti permanenti sono diversi l’uno dall’altro, quindi le carie non vengono trattate allo stesso modo in entrambe le dentature. Sebbene ci siano terapie che vengono applicate in comune, ve ne sono altre che vengono preferite solo a una certa età. Ve ne diciamo di più.

Trattamenti contro la carie nei denti da latte e nei denti permanenti

La carie dentale, sia nei denti da latte che nei denti permanenti, non sempre causa dolore. Se sono già avanzati, saranno più evidenti e il bambino inizierà a presentare qualche disagio, come dolore o sensibilità. Inoltre, nei denti si noteranno macchie scure o buchi. In questi casi, è importante andare dal dentista il prima possibile per interrompere il processo ed evitare complicazioni.

Il tipo di procedura scelta per il trattamento delle carie non dipende solo dal tipo di dentatura. Influiscono anche le dimensioni della lesione, i tessuti colpiti, l’età del paziente e la loro collaborazione durante il trattamento.

Sulla base di questi fattori, il dentista pediatrico determinerà l’opzione migliore per interrompere il processo e ripristinare la salute orale del bambino. Vi raccontiamo le terapie più frequenti e quando vengono utilizzate.

Il trattamento al fluoro aiuta a fermare la carie grazie al fatto che permette una remineralizzazione dello smalto dei denti. Per questo, puoi usare vernice al fluoro o fluoruro di diammina d’argento.

Arresto del processo con fluoro

La carie può essere fermata o invertita usando il fluoro localmente. L’applicazione di elevate concentrazioni di questo elemento sulle superfici dentali permette la remineralizzazione dello smalto.

Quando le lesioni cariose sono incipienti, sia nei denti da latte che nei denti permanenti, è possibile utilizzare la vernice al fluoro per invertirle.

Un’altra opzione per trattare le cavità con il fluoro è l’applicazione del diamminofluoruro d’argento. Questo liquido è facile da posizionare e permette di fermare il deterioramento dentale. Sebbene, a causa dell’oscuramento dei pezzi dentali che produce, sia solitamente più utilizzato negli elementi temporanei.

Entrambe le tecniche sono indolori, non invasive, rapide e facili da posizionare, il che le rende ideali per i trattamenti della carie nei bambini.

Otturazioni o otturazioni dentali

Le otturazioni dentali sono il trattamento più utilizzato contro la carie, sia nei denti da latte che nei denti permanenti. Si tratta della pulizia e rimozione dei tessuti malati e del loro successivo riempimento per recuperare l’anatomia perduta.

Nei pezzi di latte di minori molto piccoli o paurosi si può applicare il metodo restaurativo atraumatico. Consiste nel rimuovere le cavità con l’uso di strumenti manuali, senza applicare l’anestesia e nel riempire i pezzi con ionomeri vitrei che rilasciano fluoro.

Nei denti definitivi e nei denti da latte, quando il bambino lo permette, si preferisce rimuovere le carie utilizzando strumenti rotanti e riempiendo con resine dello stesso colore del dente, che induriscono con apposite luci. Molte volte, a seconda delle dimensioni della lesione, è necessario utilizzare l’anestesia.

Infine, quando la carie ha causato una grande distruzione dei denti da latte, è possibile posizionare corone metalliche o preformate per ripristinare la forma e la funzione.

Il trattamento da eseguire per combattere la carie dipenderà dal tipo di dentizione, dalle dimensioni della lesione, dai tessuti interessati e dall’età del paziente, tra gli altri fattori.

Trattamento della polpa

Se le carie non vengono trattate in tempo, la distruzione progredisce e colpisce la polpa dentale. In questi casi sarà necessario effettuare trattamenti che puliscano la zona e ripristinino l’anatomia dentale con otturazioni o corone. Possono essere i seguenti:

  • Incappucciamento della polpa: paste speciali vengono poste sul fondo delle cavità quando le cavità sono profonde o gravi e sono arrivate in prossimità del nervo, prima di inserire un’otturazione.
  • Pulpotomia: quando la polpa dentale è infiammata o esposta a causa di un trauma, si rimuove un frammento di tessuto e si posizionano paste medicate per favorirne il recupero.
  • Pulpectomia: è un’endodonzia che viene eseguita sui denti provvisori quando la carie raggiunge la polpa. L’intero nervo viene rimosso e riempito di sostanze medicinali che possono essere riassorbite al momento della sostituzione del dente.
  • Endodonzia: si usa nelle carie gravi che colpiscono il nervo di un dente permanente e ne provocano l’infiammazione o la necrosi. Il tessuto pulpare viene asportato e riempito di diverse sostanze, a seconda che il dente abbia completato o meno la formazione della sua radice.

Estrazione di un dente

Nei casi più gravi, quando le cavità hanno distrutto gran parte del dente o coinvolgono altri tessuti vicini, può essere necessaria l’estrazione del dente.

Estraendo un dente da latte, sarà necessario posizionare un mantenitore di spazio che salva il posto per la corretta eruzione del pezzo definitivo. Se invece si effettua l’estrazione su un elemento definitivo, il dentista valuterà le alternative riabilitative in base all’età del bambino.

Prevenire la carie nei denti da latte e nei denti permanenti

La carie nei bambini è una patologia molto frequente che può interessare sia i denti da latte che i denti permanenti. Se la malattia non viene curata, può causare seri problemi alla salute e alla qualità della vita dei bambini.

L’ideale è prevenire la patologia ed evitare le disavventure che essa produce. Questi possono essere raggiunti con l’applicazione di buone abitudini di igiene orale, una dieta sana e controlli dentistici regolari. Anche le visite regolari dal dentista pediatrico sono essenziali.

Come hai visto, prima viene rilevato il problema, più facile e confortevole sarà il trattamento.

Potrebbe interessarti ...
Che cosa sono le carie dentali e come è possibile prevenirle?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Che cosa sono le carie dentali e come è possibile prevenirle?

Un'alimentazione sana e una buona igiene, se apprese fin da piccoli, possono prevenire molte infezioni e complicazioni più gravi delle carie dental...



  • Ramirez Vargas, R. A., & Vera Jauregui, S. A. (2019). Perdida prematura de dientes temporales en niños de 4 a 12 años (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Vinueza Cusme, C. F. (2022). Influencia de la pérdida prematura de molares en el desarrollo de la maloclusión dental (Bachelor’s thesis, Riobamba, Universidad Nacional de Chimborazo).
  • Valdivieso, B., & Stalin, D. (2021). Factores de riesgo de maloclusiones en la primera infancia, Revisión de la literatura.
  • Sánchez, J. A. A., Sánchez, C. C. A., Rodríguez, S. B. V., Franco, M. C., & González, I. D. C. M. Manejo de caries temprana de la infancia con fluoruro diamino de plata al 30%.
  • Herrera De la Rosa, J. D. R. (2020). Eficacia de los barnices fluorados en la inactivación de caries (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Marquez Mayta, K. N. Uso del fluoruro diamino de Plata en Odontopediatría. Mínima intervención pacientes de 0 a 8 años dentición temporal (Doctoral dissertation).
  • Oliva Delgado, C. R. (2021). Tratamiento restaurador atraumático en odontopediatría.
  • Meireles, S. D. S. (2022). Tratamento restaurador atraumático: revisão de literatura.
  • García Arellano, M. Á. (2022). Manejo clínico para la extracción de piezas temporarias en la consulta odontológica (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).