Quanto è importante l’attaccamento emotivo della famiglia?

13 Aprile 2019
L'attaccamento emotivo è il vincolo affettivo che si stabilisce tra un bambino ed i suoi genitori i primi anni della sua vita. Li aiuta a sviluppare la loro personalità e la capacità di formare legami.

Prima dei 5 anni, i bambini formano una relazione affettiva con una figura sensibile e ricettiva. Questo è quello che si conosce come attaccamento emotivo. Questa figura permette uno sviluppo adeguato in quello che è l’ambito sociale ed emotivo.

Con il passare del tempo questo vincolo genera abilità che permettono al bambino di essere sicuro di sé e capace di creare relazioni interpersonali. Si sviluppano così esperienze che determinano come sarà la relazione con gli altri. Questo può avvenire nell’ambito familiare e con gli amici, quando al piccolo vengono dati gli strumenti per essere felice.

In cosa consiste l’attaccamento emotivo?

Nella psicologia, l’attaccamento emotivo è il vincolo affettivo che si stabilisce tra un bambino ed i suoi genitori i primi anni della sua vita. Questo, oltre a farli sentire protetti e sicuri, li aiuta a sviluppare la loro personalità e la capacità di formare legami. Allo stesso tempo inizia un processo di convivenza con altre persone nel suo ambiente. Qualcosa di necessario per imparare, lavorare, amare e creare una famiglia propria.

Tutto dipenderà dalla figura di attaccamento, cioè dalla persona con cui il bambino stabilisce un vincolo. Per questo, quando non si sviluppa in modo corretto non avrà gli stessi risultati.

Secondo lo psicologo John Bowlby, il bambino è capace di alimentare la relazione con la sua figura di attaccamento. Questo, con il proposito di sentirsi sicuro e poter continuare ad imparare da lei. Bowlby afferma che per poter iniziare questo processo di attaccamento positivo ci sono tre elementi essenziali:

  • Sintonia. È la connessione tra genitori e figli, c’è comprensione senza bisogno di parlare.
  • Attraverso la sintonia le famiglie possono riequilibrare i propri stati mentali, fisici ed emotivi.
  • L’integrazione della relazione dei bambini con gli adulti, forma in vincolo interpersonale e con se stesso.

Perché è tanto importante per la famiglia?

Come genitori è importante che ci apriamo emotivamente con i nostri figli. Loro, quando vedono che esprimiamo i nostri sentimenti, non si sentono intimiditi. I vantaggi di questo è che i figli possono mostrare vicinanza nella loro relazione con gli altri. Si mostrano più comprensivi nei momenti difficili e soprattutto più sicuri.

l'importanza dell'attaccamento emotivo con la famiglia

Passare il tempo che abbiamo con i nostri figli è indispensabile, questo gli dimostrerà che sono la priorità. Inoltre capiranno che essere parte di una famiglia significa condividere i momenti belli e quelli brutti. È anche importante cercare il modo di educare in modo positivo, così il bambino impara senza subire traumi.

L’attaccamento è una relazione di affetto profonda e importante per lo sviluppo di un bambino. Permette di relazionarsi con chi gli sta accanto. Come sentiamo la necessità di mangiare e respirare, sia grandi che piccoli, così abbiamo bisogno di affezionarci ad altre persone. È importante che questi amano e proteggono i bambini per infondergli sicurezza, fiducia ed autostima. Questo influenzerà fortemente il suo comportamento futuro.

Modi in cui si presenta l’attaccamento emotivo

I modi di attaccamento che vi presenteremo in questo articolo dimostrano che lo sviluppo emotivo può essere buono o cattivo. Dipende molto dalle caratteristiche dell’attaccamento: il bambino può essere molto sicuro o avere effetti negativi nella sua personalità.

l'affetto ed il contatto tra genitori e figli

  • Un bambino sicuro. Se i genitori o chi si occupa di piccolo creano un vincolo che reagisce in modo appropriato secondo le necessità del bambino, avrà come risultato una preferenza ed una ricerca di vicinanza. Questo può farlo protestare per l’assenza della persona alla quale si sente attaccato. Però, quando è sicuro di sé, può essere consolato da persone che si trovano nella cerchia familiare.
  • Un bambino ansioso. È un risultato molto comune perché alcuni genitori per proteggere eccessivamente il bambino lo danneggiano. Non permettergli di superare sfide ed ostacoli che lo portano all’indipendenza, gli impedisce di sviluppare sicurezza. È possibile che non si senta capace di affrontare rischi in assenza dei genitori.
  • Un bambino disorganizzato. Questo comportamento è molto negativo, è una forma di abuso infantile che si produce quando non c’è attaccamento emotivo. È il prodotto del bisogno di attaccamento con la persona che desidera. Questo accade quando ci sono maltrattamenti e porta a confondere il bambino. Frequentemente si osservano comportamenti contraddittori e di insicurezza quando si relaziona con le persone che gli stanno accanto.
  • Carpena, A. (2008). Emociones y salud. Aula de Innovación Educativa, 173-174 (pp. 61-64).
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Navas, M. D. C. O. (2010). La educación emocional y sus implicaciones en la salud. Revista Española de orientación y psicopedagogía, 21(2), 462-470. https://www.redalyc.org/pdf/3382/338230785025.pdf