Come responsabilizzare un bambino per farlo crescere meglio

· 23 Settembre 2017

Non è mai troppo presto per insegnare ad un bambino i privilegi che si ottengono dai meriti, le conseguenze positive dopo l’adempimento dei compiti che ognuno ha in famiglia. Responsabilizzare un bambino lo farà crescere meglio e lo renderà consapevole che diritti e doveri vanno di pari passo nella vita.

Tecniche per responsabilizzare un bambino

  • Cominciare dalla giovane età. Non potete aspettarvi che un adolescente agisca con responsabilità se non ha imparato da piccolo a compiere i propri doveri adatti alla sua età. La responsabilità è un valore che si comincia ad insegnare quando i bambini iniziano a camminare. 
  • Lasciate che vi aiutino. Molti genitori non lasciano che i figli intervengano nelle loro attività. Se volete avere un bimbo responsabile, permettetegli di partecipare alle attività quotidiane come la pulizia. Assegnategli piccoli compiti che siano facili e gradevoli per loro.
  • Mostrate loro come essere responsabili. Date loro gli strumenti per fare ogni cosa. Se volete che raccolgano i loro vestiti, mettete un cesto a disposizione. Aiutateli con pazienza e spesso a fare tutti i loro compiti ed in seguito lo faranno da sé.
  • Siate un modello da imitare. Fate capire che la famiglia è una squadra e ognuno dei suoi membri ha funzioni importanti da realizzare affinché ne traggano tutti beneficio.

Passare l'aspirapolvere è una delle attività che si possono permettere per responsabilizzare un bambino.

  • Abbiate un comportamento positivo. Specialmente da piccoli i bambini vogliono sempre aiutarvi. Dite sempre parole positive quando fanno qualcosa che avete chiesto: rafforzerà la comunicazione e trasformerà la loro azione in un’abitudine per la vita.
  • Controllate le vostre aspettative. Ogni compito deve essere adatto all’età e alle possibilità del piccolo. È un processo che si verifica poco a poco e non vedrete i risultati da un giorno all’altro. Riconoscete i passi avanti dei vostri figli e aumentate gradualmente il loro impegno in ogni attività. 

A cosa servono le routine?

Gestite le ricompense materiali adeguatamente. Almeno all’inizio, non premiateli ogni volta che compiono una buona azione. Le continue ricompense possono far sì che agiscano solo per un premio, e non è una buona idea. Incoraggiateli affettuosamente e quando già ci sarà una routine di responsabilità, potrete dare ricompense tangibili.

Abbiate routine definite. L’ordine è una delle chiavi per far responsabilizzare un bambino. Se ognuno sa cosa bisogna fare in un determinato momento della giornata, i risultati saranno maggiori ed evidenti. 

Insegnate loro che ad ogni azione corrisponde una conseguenza. Che possa essere positiva o negativa dipende da quello che si fa. Se non si compie uno dei compiti assegnati, evitate che ne traggano vantaggio sul momento. Col tempo impareranno che le buone azioni portano vantaggi e che quelle poco adeguate generano conseguenze poco piacevoli.Responsabilizzare un bambino significa anche farlo scegliere.

Quanto conta l’indipendenza?

Incoraggiate la loro indipendenza. L’unico modo per perfezionare un’abilità, è attraverso la pratica. Se lasciate che svolga da solo i suoi compiti alle vostre condizioni, imparerà a fidarsi delle sue capacità e ad avere uno stile di vita più indipendente.

Lasciate che prendano delle decisioni. Anche questo è importante per responsabilizzare un bambino. Quando lasciate che vostro figlio decida qualcosa di importante per lui, insegnategli a valutarne le conseguenze e a scegliere quello che più è giusto. Per i più piccoli, fornite delle opzioni adeguate e permettete che scelgano tra le possibilità che presentate.

Il valore della responsabilità è uno dei più importanti e va insegnato in tenera età. I bambini devono imparare a far parte di una comunità in cui i diritti ed i doveri di tutti sono necessari per una sana convivenza.