Supplementi nutrizionali per donne incinte

13 Luglio 2019
Andiamo a scoprire i segreti dell'integrazione nutrizionale durante la gravidanza.

Se avete intenzione di avere un bambino e siete preoccupate per la vostra dieta durante la gravidanza, abbiamo preparato per voi una lista di supplementi nutrizionali adatti per donne incinte.

In una fase importante come la gravidanza, il cibo ha un ruolo fondamentale. A partire dal momento stesso del concepimento, il corpo della donna subisce una serie di cambiamenti fisiologici per ospitare e fornire al futuro bambino un ambiente dotato di tutto il necessario per il suo corretto sviluppo.

È una fase in cui si ha bisogno di maggiore energia, e nella quale aumenta da parte del corpo la richiesta dei vari micronutrienti.

Vogliamo ricordarvi l’importanza di adeguare ed adattare questi nutrienti alle esigenze specifiche di questa fase e alle caratteristiche individuali di ogni donna. La mancanza o gli eccessi di uno di essi possono causare, tra le varie conseguenze, la preeclampsia, anomalie congenite e aborti.

Dato che a volte la normale dieta non è sufficiente per coprire tutti bisogni nutrizionali, è necessario ricorrere a dei supplementi nutrizionali. Ovviamente, questo deve essere fatto sotto la supervisione di un medico professionista.

Andiamo a scoprire quali sono i micronutrienti necessari durante la gravidanza:

Acido folico o vitamina B9

La sua carenza durante lo sviluppo dell’embrione, oltre ad altre complicazioni, è correlata ai difetti del tubo neurale, alle cardiopatie congenite e agli aborti.

Se la gravidanza è programmata, dovreste iniziare l’integrazione un mese prima del concepimento e continuare l’assunzione fino alla fine del primo trimestre.

dieta durante la gravidanza supplementi nutrizionali

La dose raccomandata nelle gravidanze senza rischio è di 0,4 milligrammi al giorno, una misura che viene aumentata fino a 5 milligrammi al giorno nelle pazienti a rischio.

Dovete sapere che l’acido folico non si accumula nel corpo. Quindi, se volete beneficiare del suo effetto protettivo, dovete assumerlo ogni giorno.

Inoltre, indipendentemente dall’integrazione, si raccomanda a tutte le donne in gravidanza di consumare alimenti ricchi di acido folico, come ad esempio:

  • Verdure a foglia verde (spinaci e bietole).
  • Legumi.
  • Frutta fresca.
  • Lievito.
  • Frutta secca.

Dato che l’acido folico risente molto dell’effetto del calore durante la cottura, per evitare di perderlo, si raccomanda il consumo di frutta e verdure crude.

Supplementi nutrizionali: iodio

È un micronutriente indispensabile nella sintesi degli ormoni tiroidei. Inoltre, è necessario per il corretto sviluppo cerebrale e mentale, nonché per lo sviluppo delle ossa, dei polmoni e del cuore durante la vita fetale e neonatale.

La carenza di iodio è la principale (ma prevenibile) causa delle lesioni cerebrali del feto e nei lattanti, e del ritardo dello sviluppo psicomotorio nei bambini piccoli.

Durante la gravidanza, la sua richiesta aumenta del 20%, motivo per cui si raccomanda l’integrazione di 200 microgrammi al giorno, oltre al consumo del normale sale iodato.

Il ferro

Il ferro ha a che fare con l’emoglobina, quindi, tra le altre cose, è essenziale per il trasporto dell’ossigeno.

Durante la gravidanza si verificano dei cambiamenti nel sangue. Senza una sufficiente scorta di ferro, si può incorrere in una delle più frequenti patologie delle donne in gravidanza: l’anemia da carenza di ferro.

La mancanza di ferro è collegata ad un parto prematuro e ad un ridotto sviluppo fisico e neurologico dei neonati. Inoltre, si è più esposti a malattie infettive e alla possibilità di mortalità perinatale.

Pertanto, per evitare di esaurire le riserve di ferro della madre, l’integrazione di questo micronutriente deve essere considerata una misura di prevenzione a partire dal secondo trimestre. Tuttavia, la valutazione deve essere personalizzata perché l’integrazione in donne che hanno già delle riserve di ferro adeguate potrebbe comportare dei rischi.

Il calcio, un altro dei supplementi nutrizionali

È l’elemento più abbondante nell’organismo. La sua carenza è associata a parti prematuri, alla demineralizzazione delle ossa e alla preeclampsia.

Durante la gravidanza l’esigenza di questo minerale aumenta, ma è anche vero che il corpo della donna è capace di assorbirne il 40% in più rispetto alle condizioni normali. Per questo motivo, l’integrazione è raccomandata solo a quelle donne in gravidanza che hanno un’assunzione di calcio insufficiente.

uomo abbraccia donna in gravidanza supplementi nutrizionali

Multivitaminici

Per quanto riguarda l’uso di integratori multivitaminici, non sono attualmente raccomandati. Non ci sono prove che apportino maggiori benefici rispetto alla normale assunzione di frutta e verdura. Inoltre, alcuni nutrienti interagiscono tra loro interferendo col processo di assorbimento.

Altri supplementi nutrizionali

Esistono altri micronutrienti (vitamina A, D, C, E …) le cui richieste aumentano durante la gravidanza. Come regola generale, possiamo dire che la loro integrazione non è raccomandata. Attraverso il cibo che mangiate, potete coprire tranquillamente il vostro fabbisogno giornaliero.

Infine, bisogna sottolineare che alcune vitamine – come la A e la D – in eccesso hanno effetti tossici sia per la madre che per il bambino. Quindi, non dovrebbero mai essere integrate senza la supervisione di un medico.

  • Zhou SJ, Gibson RA, Crowther CA, Baghurst P, Makrides M. (2006). Effect of iron supplementation during pregnancy on the intelligence quotient and behavior of children at 4 y of age: long-term follow-up of a randomized controlled trial.Am J Clin Nutr 2006 ;83(5):1112-7
  • Martínez García RM. (2016). Supplements in pregnancy: the latest recommendations. Nutr Hosp. 2016 Jul 12;33(Suppl 4):336. doi: 10.20960/nh.336. Review. Spanish. PubMed PMID: 27571855
  • López MJ, Sánchez JI, Sánchez MC, Calderay M. (2010). Suplementos en embarazadas: controversias, evidencias y recomendaciones. Inf Ter Sist Nac Salud 2010; 34: 117-128.