Non saltate le tappe dello sviluppo

· 24 settembre 2017

Lo sviluppo infantile richiede molte attenzioni. È composto da una serie di fasi di vitale importanza per la crescita sana del bambino. Assicuratevi di non saltare nessuna delle tappe dello sviluppo di vostro figlio.

Secondo gli esperti la prima tappa è fondamentale per far raggiungere al piccolo la piena costituzione psicologica, fisica ed emotiva.

Il promotore di quest’idea fu lo psicologo svizzero Jean Piaget. Secondo lui, la struttura che supporta il pensiero umano dipende dall’ambiente in cui si sviluppa una persona sin dall’infanzia. In questo senso ogni capacità cognitiva è propria di una determinata età del bambino. Quindi problemi e circostanze diverse possono generare conseguenze differenti a seconda della tappa in cui il bimbo si trova. Per provare tale teoria, Piaget rese pubblici i risultati di test effettuati su alcuni bambini suddivisi in gruppi di età.

I cambiamenti a breve termine variano a seconda di statura, peso ed evoluzione cognitiva. Non saltare le tappe in cui il bambino modella la sua personalità, è quindi incredibilmente importante.

Le tappe dello sviluppo non vanno sottovalutate

Da 12 a 24 mesi

È il momento in cui i tratti della personalità del bimbo si consolidano. Il piccolo passa da un neonato totalmente indifeso a una persona indipendente che esprime sentimenti ed emozioni autonomamente. Ha la capacità di opporsi o mostrare interesse di fronte a varie circostanze.

Dopo i 24 mesi il piccolo è una persona dalle qualità definite. Il periodo dei primi 24 mesi si sviluppa attraverso processi differenti. Essi si basano sull’apprendimento di elementi fondamentali dell’esistenza e della convivenza. Tali elementi diverranno le basi della tappa successiva.
Per questo è importante che ogni avanzamento della prima fase venga osservato con attenzione. Bisogna evitare che il bimbo passi alla tappa successiva senza aver portato a termine correttamente la prima. Ciò rafforza l’adulto che diverrà in futuro.

Le tappe dello sviluppo, mese per mese senza pausa

Dire che la prima tappa sia la più importante, non implica che le altre siano meno significative. Dato che i bambini cambiano un giorno dopo l’altro le attenzioni da dedicare a ogni tappa saranno differenti.

Bimbo attaccato alla gamba

Altro aspetto da tenere in considerazione è che non tutte le personalità sono uguali. Spesso bisognerà improvvisare per non saltare tappe dello sviluppo integrale dei bambini.

Questa situazione richiede attenzioni da parte dei genitori, e non è meno importante dell’educazione. Non occorre affrettare il completamento di una tappa, né prolungarne la durata. Ogni bambino ha un proprio ritmo un tipo di intelligenza diversa. Se stiamo all’erta e osserviamo con la giusta attenzione, possiamo creare un processo armonico.

Cercate di soddisfare le necessità di ogni periodo informandovi bene e seguendo il vostro cuore. Imparate ad ascoltare e a capire il vostro bimbo per fornire gli stimoli adeguati. Soprattutto ricordate che molte volte bisogna dire di no per il bene di tutti.

In quanto madri responsabili dobbiamo portare a compimento tutte le tappe dello sviluppo di nostro figlio. Metteremo così le basi dell’uomo o della donna che vogliamo formare, un essere umano cosciente, sano e sociale.