Domande e risposte sul parto: tutto quello che dovreste sapere

Quando si avvicina il momento della nascita è normale che sorgano dubbi in relazione al parto. In questo spazio, affrontiamo alcune domande e risposte sul parto tra le più frequenti.
Domande e risposte sul parto: tutto quello che dovreste sapere

Ultimo aggiornamento: 04 ottobre, 2021

Nonostante una preparazione che dura mesi, quando si avvicina il momento del parto, iniziano a emergere alcune preoccupazioni: Farà molto male? Quando devo iniziare a spingere? Avrò bisogno di un’episiotomia? Questi dubbi sono più frequenti di quanto pensiamo, soprattutto quando stiamo per partorire per la prima volta. State per scoprire alcune tra le più comuni domande e risposte sul parto.

Certo, è normale provare paura e volere più informazioni per sentirsi più preparate. Pertanto, in questo articolo risponderemo ad alcune domande relative a dolore, anestesia, episiotomia e molto altro!

Domande e risposte sul parto: il travaglio fa molto male?

Sì, il travaglio è doloroso. Tuttavia, la soglia del dolore di ogni donna è diversa e ogni madre vive la propria esperienza.

Ad ogni modo, dovreste sapere che durante il travaglio ci sono anche momenti di calma. In generale, le contrazioni esercitano una tensione intensa sull’addome per 90 secondi; dopo di che l’utero si rilassa per alcuni minuti prima di contrarsi di nuovo.

Nei momenti di relax, il corpo della madre rilascia endorfine ed encefaline in reazione al dolore. Nello specifico, si tratta di sostanze secrete dal cervello, capaci di alleviare il dolore e generare una sensazione di benessere.

Va detto che la percezione del dolore dipende, in larga misura, dalla preparazione fisica e psicologica della donna. Alcune madri praticano yoga o altri esercizi prenatali per attenuare e gestire lo stress durante questo processo.

Il momento del parto.

 

Domande e risposte sul parto: riuscirò a sopportarlo?

Il parto è un processo naturale praticamente perfetto e per questo potrete sicuramente sopportarlo. Il vostro corpo si prepara per 9 mesi ad affrontare questa fase, grazie all’azione degli ormoni della gravidanza.

Inoltre, durante la nascita del bambino sarete costantemente accompagnati da professionisti preparati per darvi tutto il supporto di cui avrete bisogno.

Si possono prevenire le lacrime?

Le lacrime sono complicazioni del parto molto comuni nelle neomamme, soprattutto durante la seconda fase. Tuttavia, potete prevenirle attraverso una serie di esercizi speciali, come i massaggi perineali.

Inoltre, potete adottare alcune posizioni durante il travaglio che riducono il rischio di subirle, come la posizione verticale o lo squat. Discutetene con la vostra ostetrica, che saprà consigliarvi meglio.

Come faccio a sapere se ho bisogno di un taglio cesareo?

La necessità di un taglio cesareo dipende, in parte, dal corso del travaglio. Nel caso in cui sorgano complicazioni durante il processo, si potrebbe optare per questa via.

In alcuni casi, gli ostetrici indicano questa procedura in anticipo, che sia a causa di complicazioni sorte durante la gravidanza o perché si sospetta che il bambino sia più grande di quello del bacino della madre (sproporzione cefalo-pelvica).

L’anestesia epidurale è pericolosa?

L’anestesia epidurale è sicura sia per la madre che per il bambino. Tuttavia, può condizionare alcuni processi di travaglio se viene somministrato al di fuori del tempo ottimale.

Questi farmaci offrono sollievo dal dolore da contrazione, ma possono causare una diminuzione della forza muscolare della madre e limitare la sua risposta alla spinta.

Idealmente, prima della nascita, dovresti parlarne con il tuo medico o l’ostetrica in modo che possano informarti meglio sul suo utilizzo durante il travaglio.

Quanti centimetri mi dilaterò?

Affinché il bambino passi attraverso il canale del parto, è necessario dilatare 10 centimetri. Se il bambino è più piccolo, potrebbe bastare un po’ di meno, ma in generale questo è l’obiettivo che stai cercando di raggiungere.

Come faccio a sapere quando devo iniziare a spingere?

Le spinte sono sforzi muscolari che si fanno durante le contrazioni uterine, con lo scopo di aiutare il bambino ad uscire attraverso il canale vaginale. Non dovresti preoccuparti di loro, poiché sorgono spontaneamente nella seconda fase del travaglio.

Qual è la posizione migliore durante il parto?

La raccomandazione degli specialisti è quella di offrire alla madre la massima libertà di movimento possibile e consentirle di assumere la posizione che preferisce. Una delle più appropriate è la posizione accovacciata, poiché le ossa pelviche sono separate e ciò favorisce l’espulsione del bambino.

In caso di necessità di anestesia epidurale, la madre dovrebbe adottare la posizione sdraiata sulla schiena (posizione litotomica) o su un fianco.

Domande e risposte sul parto.

 

A cosa serve l’ossitocina?

L’ossitocina è un ormone secreto dall’ipotalamo, che svolge diverse funzioni durante la gravidanza, il parto e il post-partum.

Durante il travaglio, è responsabile della stimolazione delle fibre muscolari uterine necessarie a migliorare l’intensità, la durata e la frequenza delle contrazioni.

Quando il rilascio di ossitocina è influenzato dallo stress e dai nervi del parto, il medico può indicare una formulazione artificiale. Questo farmaco svolge la stessa funzione dell’ossitocina naturale e aiuta a riprendere l’attività uterina.

L’episiotomia è indispensabile?

Non in tutti i casi. In effetti, l’ episiotomia non è una pratica raccomandata quando il bambino ha abbastanza spazio per uscire attraverso il canale del parto.

Per questo motivo, l’OMS e fonti autorevoli di Ginecologia e Ostetricia raccomandano di praticarlo solo in quelle circostanze che lo giustificano.

Domande e risposte sul parto: parlate con la vostra ostetrica

Idealmente, tutte queste domande relative al parto dovrebbero ricevere una risposta anche dal medico o dall’ostetrica, in particolare quelle che vi preoccupano maggiormente.

Ricordate di cercare di mantenere la calma durante il parto e di affidarvi alla guida dei professionisti che si prenderanno cura di voi e del vostro bambino in ogni momento.

Potrebbe interessarti ...
Paura del parto: consigli per aiutarvi ad affrontarlo
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Paura del parto: consigli per aiutarvi ad affrontarlo

In molti casi le donne che stanno per diventare madri per la prima volta hanno paura del parto. Vi daremo dei consigli per affrontare questo evento...