Atteggiamenti da evitare con vostro figlio

L'adolescenza, di per sé, è una fase complicata per tutti, ma se riesci a evitare certi atteggiamenti con tuo figlio, questo periodo potrebbe non essere così difficile come sembra. Qui discutiamo alcuni di quegli atteggiamenti che dovresti evitare.
Atteggiamenti da evitare con vostro figlio

Scritto da Mara Amor López

Ultimo aggiornamento: 13 novembre, 2022

L’adolescenza è una fase complicata nell’educazione dei nostri figli. Questi hanno già smesso di essere bambini e avanzano verso l’età adulta. Durante questo percorso, ci saranno ostacoli e difficoltà che dovranno superare e ci saranno i loro genitori, che devono essere le loro guide. Per questo, è importante tenere a mente che ci sono atteggiamenti da evitare con vostro figlio adolescente.

Gli adolescenti subiscono molti cambiamenti durante questa fase, sia fisici che emotivi, che rendono questo periodo una sfida per loro e per i loro genitori.

I genitori cercano sempre di fare ciò che è meglio per i nostri figli, ma a volte sbagliano. Dunque, vogliamo proporvi una serie di suggerimenti per affrontare questo processo nel miglior modo possibile. Non perdeteveli!

Scoprite quali sono gli atteggiamenti da evitare con vostro figlio

Nello spazio che segue vedremo alcuni degli atteggiamenti da evitare con vostro figlio se volete che questo periodo non sia così difficile per voi. Continuate a leggere.. non perdeteveli!

1. Criticare gli amici di tuo figlio

Molte volte i genitori criticano gli amici dei figli. Questo accade semplicemente perché non soddisfano le loro aspettative riguardo alle amicizie che i ragazzi dovrebbero avere. Tendono persino a giudicarli senza che ci sia nulla che lo giustifichi. Pertanto, dovreste cercare di capire cosa portano queste amicizie a vostro figlio e rispettare le sue scelte. Naturalmente, a patto che non vi siano motivi importanti per vietarli.

2. Siate genitori

Se provate a essere suo amico, finirete per confondere vostro figlio sul vostro ruolo nella sua vita. Il minore ha bisogno di disciplina e regole che diano struttura alla sua vita. Queste lo aiuteranno a sapere che direzione prendere per andare avanti in questa fase di crescita verso l’età adulta.

I genitori devono guidare i propri figli nel percorso della vita in modo che possano riuscire a funzionare nel migliore dei modi man mano che crescono. Quando invece il rapporto assomiglia a quello di un’amicizia, il ruolo dell’adulto diventa confuso per il minore.

3. Non dare importanza ai tuoi risultati

A tutti piace quando facciamo qualcosa, anche se è un obbligo, come cucinare, sentirsi dire come è andata a finire. I nostri figli si sentono allo stesso modo. Pertanto, anche se fanno qualcosa che è loro dovere, è importante lodarli per la loro crescita personale. Inoltre, questo è anche positivo in modo che sappiano cosa è corretto e quali atti devono ripetere. Questo atteggiamento ti aiuterà a sentirti amato e apprezzato in quello che spesso è un momento difficile.

4. Aspettarsi che accada il peggio

Questa difficile fase dell’adolescenza può far pensare al peggio ai genitori. Tuttavia, questo atteggiamento farà solo capire a vostro figlio o a vostra figlia che non vi fidate di lui o di lei e che non cretede possa prendere le decisioni giuste. È importante che diate loro fiducia e che manteniate sempre un atteggiamento positivo.

5. Non accettare vostro figlio così com’è

È importante che accettiate e amiate vostro figlio così com’è, poiché è ciò di cui ha più bisogno. Non giudicatelo e non criticatelo per il modo in cui si veste, la sua pettinatura o il modo in cui parla.

Inoltre, non cercate di cambiare chi è perché avevi semplicemente altre aspettative su come sarebbe stato in futuro. Mostrategli il vostro amore e la vostra accettazione incondizionati, date valore alle sue emozioni e a lui come persona. Tutto questo li farà crescere con fiducia in se stessi, sicurezza e buona autostima.

6. Esercitare un controllo eccessivo su di lui

Quando i bambini crescono ed entrano nella fase dell’adolescenza, non sarete in grado di controllarli. Ecco perché, durante la loro infanzia, dovrete lavorare molto sulla fiducia con loro. In breve, una buona educazione, in questo momento, vi permetterà di fidarvi di loro e che prenderanno buone decisioni.

Le regole della casa devono essere negoziate con argomenti e sempre con rispetto. Tenete presente che se provate a controllare vostro figlio, potreste ottenere esattamente l’opposto.

7. Atteggiamenti da evitare: invadere la tua privacy

L’adolescente ha bisogno della sua privacy, vuole essere indipendente e lo fa attraverso il suo spazio personale. Non bisogna dimenticare che è alla piena ricerca della sua identità. Per questo motivo, è essenziale rispettare la loro privacy e non frugare tra le loro cose o guardare i loro messaggi mobili. Se sei preoccupato per qualcosa, è importante fidarsi di lui e avere una conversazione per chiarire.

Se l’adulto mostra un comportamento invadente, allontanerà solo l’adolescente, sia fisicamente che emotivamente.

8. Volere che sia un figlio a realizzare i propri sogni

Molti genitori si sentono frustrati perché, in quel momento, non potevano realizzare il loro sogno. Ecco perché ripongono le loro speranze che i loro figli lo facciano, ma non bisogna dimenticare che hanno i loro gusti e obiettivi. Vostro figlio è una persona diversa da voi e, quindi, non penserà né si sentirà come voi.

9. Atteggiamenti da evitare: resistere al cambiamento

A volte è difficile accettare che il nostro piccolo non sia più un bambino e che stia per diventare adulto. Questo genera in noi una certa nostalgia, che ci fa resistere a questo cambiamento.

Tuttavia, è necessario per noi adattare le regole alla sua età e anche l’aumento delle sue responsabilità. È cresciuto ed è ora un giovane che ha bisogno di un po’ più di libertà rispetto a quando era piccolo. Pertanto, accettate questa fase come qualcosa di normale nel suo sviluppo e godetevela, perché ha anche molte cose buone.

10. Entrare in accese discussioni

I genitori, quando rimproverano un ragazzo e lui risponde male, di solito alzano il tono della voce e la cosa finisce in una discussione monumentale. Quello che non va dimenticato è che, in questa situazione, i ragazzi smettono di ascoltare e sono ribelli.

Quindi, è meglio aspettare fino a quando non ci calmiamo in modo da poter parlare con loro con calma, senza urlare o minacciare. In questo modo i minori saranno più ricettivi al messaggio e lo assorbiranno in modo più efficace.

11. Non indagare sui motivi per cui vostro figlio ha un problema

Non accontentatevi di qualcuno che vi dice che ha preso un voto basso perché le materie sono difficili o perché l’esame è stato molto complicato. Indagate per scoprire se c’è una ragione dietro quel calo dei voti che lo fa non essere concentrato come dovrebbe essere con i suoi studi. Questo non significa che diventi una spia o che invadi la sua privacy, si tratta semplicemente di parlargli per cercare di scoprire cosa gli sta succedendo e poterlo così aiutare.

A proposito degli atteggiamenti da evitare con un figlio adolescente…

Ora sapete quali atteggiamenti dovreste evitare con vostro figlio se volete che questa fase progredisca nel modo più fluido possibile. Non esiste una formula magica per trasformare questo periodo in un letto di rose, ma ci sono molti modi per entrare in contatto con il giovane e mostrarsi vicino a lui.

Nonostante sia una fase complicata del proprio sviluppo, se prenderete in considerazione questi suggerimenti che vi abbiamo dato in questo articolo, potrete godervi questa fase in cui iniziano il loro percorso per diventare adulti.

Potrebbe interessarti ...
Curiosità sul cervello degli adolescenti: scopriamo come funziona
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Curiosità sul cervello degli adolescenti: scopriamo come funziona

Oggi scopriremo alcune curiosità sul cervello degli adolescenti. Visto che stanno maturando, i giovani possono spesso mettersi a rischio.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.