Adolescenti che si sentono soli: cosa c'è dietro e come aiutarli?

Come tutte le fasi che comportano cambiamenti, l'adolescenza è attraversata da molteplici emozioni. La solitudine può essere una di queste. Scopri come puoi aiutare i giovani.
Adolescenti che si sentono soli: cosa c'è dietro e come aiutarli?
Maria Fátima Seppi Vinuales

Scritto e verificato da lo psicologo Maria Fátima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2022

Oggi viviamo in tempi di ipercomunicazione e iperconnessione. Tuttavia, il paradosso è evidente: più persone intorno a noi sono a portata di clic, più ci sentiamo soli. Possibile che tutto finisca per essere niente? C’è così tanto rumore intorno a noi che non riusciamo a sentire o a connetterci davvero? Questo è un fenomeno a cui non è estranea l’adolescenza. Oggi, in particolare, è comune trovare giovani che si sentono soli. Che cos’è, a cosa è dovuto e come possiamo aiutarli? Vediamo come aiutare gli adolescenti che si sentono soli.

Adolescenti che si sentono soli: cosa si nasconde dietro?

Come altre fasi della vita, l’adolescenza attraversa cambiamenti e sfide. È uno spazio intermedio in cui non siamo bambini, ma nemmeno noi adulti, il che comporta molteplici emozioni.

Uno di loro ha a che fare con un malinteso. A volte, gli adolescenti ricevono messaggi dal loro ambiente in cui tutto ciò che sentono viene svalutato o sminuito con frasi come le seguenti: “non è poi così male”, “hai tutta la vita davanti a te per piangere per questo”, “anche se sono non più insieme, avrete molti più amori”. Questo errore che commettiamo li porta a chiudersi ed evitare di condividere come sono.

D’altra parte, la solitudine è accompagnata dal disagio per i cambiamenti fisici. In questo senso, anche l’ autostima e l’insicurezza possono influenzare l’apertura al mondo.

Infine, l’influenza dei social network e della tecnologia non è un problema da poco. Molte volte, dietro lo schermo c’è la facciata o l’apparenza di qualcosa che non siamo e che poi si rivela difficile da sostenere.

Le dinamiche di questo mondo 2.0 a volte possono portare a interazioni e reazioni superficiali a foto o commenti, ma con scarso contatto con ciò che accade realmente.

I social network sono profondamente radicati nel mondo degli adolescenti, ma le dinamiche di queste piattaforme possono portare a interazioni superficiali e limitare il contatto con il mondo reale.

Come aiutare gli adolescenti che si sentono soli?

Ecco alcuni consigli per accompagnare quegli adolescenti che si sentono soli:

Proponete all’adolescente una vasta gamma di scelte

Forse vostro figlio non riesce a sentirsi parte del gruppo scolastico. Tuttavia, potrebbe trovare il proprio posto in altri ambiti e sentirsi meglio. Pertanto, il consiglio è proporre loro di partecipare ad altre attività, come frequentare una società sportiva o fare volontariato, tra le altre cose. Anche avere interessi in comune può facilitare i legami.

Parlate con vostro figlio

Possono sembrare contraddittori: ci vogliono vicino ma ci allontanano. L’adolescenza ha un po’ di tutto. I giovani hanno bisogno di indipendenza e autonomia, poiché stanno costruendo la loro identità. Tuttavia, hanno anche bisogno che siate interessati ai loro gusti e alle loro attività.

Anche se sembrano ottusi, chiedete loro quali hobby hanno, della loro giornata a scuola e dei loro amici. Trascorrere del tempo con gli adolescenti serve anche per avvicinarsi, conoscere ed essere parte del loro mondo.

Offre alcuni servizi

A volte non lo sappiamo, ma l’ambiente o il contesto fa parte del problema. Ad esempio, un adolescente che vive in un quartiere remoto ha più difficoltà a incontrare i suoi amici. Se questo è il caso, possiamo pensare ad alcune opzioni per aiutarli a daggirare questo ostacolo, come accompagnarlo e portarlo in auto.

Un’altra situazione tipica riguarda anche le regole e gli orari in casa, che a volte non coincidono con quelli del gruppo in generale. Qui possiamo pensare a come essere più flessibili e negoziare, senza implicare andare contro i nostri valori o il modello educativo.

Adolescenti che si sentono soli.
Parlare con vostro figlio è la chiave per poterlo aiutare. Condividere le vostre esperienze di quando avevi la sua età è un buon modo per avvicinarsi e per legare con lui.

Adolescenti che si sentono soli: condividete con loro le vostre esperienze

Un altro modo di costruire un ponte può nascere raccontando loro la vostra esperienza personale di quel momento della vita. Parlate di cosa vi preoccupava, di come vi sentivate e di come avete risolto. In questo modo, potreste anche aiutarli a prendere coscienza che ci sono diverse cose che si possono fare per sentirsi meglio e che ci sono anche molte emozioni temporanee.

Osservate il loro comportamento e aiutateli con le vostre risorse

A volte i giovani si sentono soli perché hanno difficoltà a relazionarsi o a funzionare in un gruppo. Succede che non sempre sanno come farlo. A volte, per farne parte, sono molto insistenti.

Altre volte, non possono stabilire dei limiti in modo positivo. In altre parole, è importante aiutarli a trovare modi appropriati per relazionarsi, per esprimere le proprie emozioni e per stare con gli altri.

Sentirsi soli è un fenomeno multidimensionale

In questa nota c’è un’idea trasversale: la solitudine non è una situazione individuale, ma in essa intervengono molteplici aspetti. Pensarci da un approccio complesso aiuta a uscire da una visione limitata che spesso porta a incolpare questo giovane adolescente: ” è molto timido”, “non gli piace fare niente”, “passa tutto il giorno davanti a videogiochi “. In questo modo, l’attenzione si concentra solo sul loro comportamento, sulla loro mancanza di abilità sociali o sul loro cattivo umore.

Comprendere gli adolescenti che si sentono sole è come comporre un puzzle, con tutte le sue parti, ci permette di sfuggire a luoghi comuni in cui si ripetono discussioni o giustificazioni circolari che ci lasciano in un vicolo cieco. In questo modo possiamo pensare a come incoraggiare il cambiamento e offrire supporto.



  • Reyes Pérez, V., Rodríguez, A. R., Alcázar Olán, R. J., & Reidl Martínez, L. M. (2017). Las estrategias de afrontamiento que utilizan los adolescentes ante situaciones que provocan miedo. Psicogente20(38), 240-255.
  • Rodríguez Naranjo, Carmen & Caño, Antonio. (2012). Autoestima en la adolescencia: Análisis y estrategias de intervención. International Journal of Psychology and Psychological Therapy. 12. 389-403.