Come aiutare vostro figlio a diventare uno studente produttivo

· 18 novembre 2018
Se volete aiutare vostro figlio a diventare uno studente produttivo, non basterà che passi molte ore seduto a studiare. Il suo vero successo dipenderà da molti fattori, per i quali voi potete senz'altro collaborare.

Eccellere in campo scolastico non è così semplice come si pensa. Si parte dalla convinzione che, se si iscrive il piccolo ad una buona scuola o se si controlla che faccia i compiti, sarà sufficiente. Poi, quando arrivano i voti, succede che il bambino abbia un rendimento medio o basso. Perché? Come fare per aiutare vostro figlio a diventare uno studente produttivo?

Per aiutare vostro figlio a diventare uno studente produttivo non basta che passi tutto il giorno a studiare. O che abbia un coefficiente intellettivo alto. Deve esserci un insieme di molteplici aspetti. Tra questi, che il bambino mangi bene e che riceva gli stimoli cognitivi e affettivi adeguati.

Sappiamo che questo argomento può essere complesso. Ma per attuare soluzioni che funzionino realmente per vostro figlio, non perdetevi i pratici consigli che vi proponiamo qui di seguito.

Cosa comporta essere uno studente produttivo?

La produttività è vincolata all’impegno a scuola e al successo nel rendimento scolastico a fine corso. Tuttavia, dobbiamo anche collegare la produttività all’efficienza. E mettere da parte le antiche credenze secondo cui essere produttivo significa fare di più o stare tutto il tempo impegnato.

Pertanto, partiamo da questo. Per aiutare vostro figlio a diventare uno studente produttivo, è fondamentale capire che il tempo che passa facendo i compiti e studiando non deve essere necessariamente molto lungo. Piuttosto, deve essere un tempo in cui il piccolo sia concentrato e assimili le informazioni fondamentali.Inoltre, deve essere capace di capire quello che legge.

Per riuscire in questo obiettivo, devono intervenire molteplici fattori. Questi fanno sì che il bambino si senta a suo agio e abbia tutti gli strumenti che gli servono per svolgere bene i suoi doveri di studente. Di seguito, vi presentiamo alcuni fattori importanti per raggiungere questo obiettivo.

Aiutare vostro figlio

Criteri per aiutare vostro figlio a diventare uno studente produttivo

1. Buona alimentazione e riposo

Necessariamente, si deve iniziare dalle basi. Cioè, una buona alimentazione e un buon riposo. In primo luogo, la colazione. Questa apporta un 25% delle calorie quotidiane di cui l’organismo ha bisogno per funzionare correttamente.

I bambini che non si alimentano prima di andare a scuola presentano poca energia in classe.Deficit di attenzione, mal di testa e non riescono a trattenere le nozioni. Lo stesso succede quando non riposano a sufficienza la notte.

La raccomandazione, poi, si applica anche alle attività del pomeriggio. Assicuratevi che il vostro bimbo pranzi o faccia merenda prima di iniziare a studiare. E, se possibile, che faccia un sonnellino pomeridiano.

2. Uno spazio adeguato per lo studio

Vostro figlio deve avere una scrivania o un tavolo per i suoi compiti. Qui deve sentirsi comodo e senza distrazioni,come la televisione. Ricordate anche che meno c’è meglio è, al momento di arredare la zona studio dei bambini.

Pertanto, controllate sempre che sulla scrivania ci sia solo il computer o il portatile, matite, quaderni e i libri della materia che studierà. Nient’altro. Togliete dal tavolo il cellulare o il tablet ed eventuali giochi che possano distrarlo.

“È fondamentale capire che il tempo che passa facendo i compiti e studiando non deve essere necessariamente lungo. Piuttosto, deve essere un tempo in cui il piccolo sia concentrato e assimili le informazioni fondamentali”

3. Usare una sedia ergonomica per studiare

Continuando con lo spazio di studio. È importante considerare che il piccolo abbia a disposizione il miglior arredamento per sentirsi comodo. Questo include una sedia ergonomica.

La maggioranza dei genitori dimenticano che se la sedia che usa vostro figlio è inadeguata, lui sarà costantemente irrequieto e cambierà posizione di continuo. Come conseguenza, perderà il filo della lettura, cosa che rende difficile essere produttivo.

4. Collaborate attivamente con vostro figlio

Dovete essere oltremodo complici e collaborativi con vostro figlio. Non lesinate nell’offrirgli tutto l’aiuto che lui vi chiede per i suoi compiti. Se ha bisogno di fare dei lavori di gruppo con i compagni, permettetegli che vengano a casa vostra. Altro utile suggerimento è di fargli controllare periodicamente la vista, per constatare se ha bisogno di occhiali.

In ultimo, ricordate di fornire al vostro piccolo vitamine emotive, perché un bambino con un’autostima alta crede in se stesso e ha più sicurezza in quello che fa. Alla fine, questo benessere, sommato ai fattori sopra menzionati, lo porterà ad un miglior rendimento scolastico.