I 7 alimenti da non dare mai al vostro neonato

· 29 settembre 2016

Nei primi quattro mesi di vita, il neonato deve mantenere una dieta esclusiva attraverso l’allattamento. In alcuni casi, il bebè richiede la somministrazione di latte artificiale, ma l’alimento per eccellenza nella prima tappa della sua vita è il latte materno.

Tuttavia, passati quattro mesi, comincia un periodo di adattamento nel quale il bambino può ricevere un’alimentazione aggiuntiva, che serva come integrazione all’allattamento. Questi alimenti sono di solito semplici e leggeri, per cui in generale sono molto simili in tutte le famiglie.

Noi madri cominciamo ad integrare la dieta del piccolo con pappe delicate, naturali e semplici. Gli omogeneizzati di frutta sono tipici per la merenda, e poi si aggiungono, a poco a poco, altri prodotti che non facciano parte della famiglia dei latticini.

Di conseguenza bisogna essere prudenti, affinché i nuovi alimenti non siano dannosi al suo piccolo organismo. È necessario anche adeguare la preparazione e la quantità del prodotto, per facilitarne la digestione e favorire la crescita.

7 alimenti da non dare mai al vostro bebè

Anche se a volte è inevitabile che i bambini mangino certi alimenti, con i neonati è meno complicato, perché noi madri siamo responsabili della preparazione dei loro pasti.

Tuttavia, a volte per ignoranza o mancanza di interesse, cadiamo in abitudini alimentari poco salutari per i più piccoli. In tal senso, anche se si tratta di un’abitudine, esistono alcuni alimenti che per nessun motivo dovrebbero essere somministrati ai neonati.

Anche quando non sembra, ci sono alcuni alimenti che preferibilmente non devono far parte della dieta dei bambini di età inferiore ai 12 mesi e solo con moderazione a partire da quell’età, fino ai quattro anni. Non tutti possiamo sapere quali sono; ma, in alcuni casi, ignoriamo i consigli del pediatra.

neonato pappa

Per prenderci cura della salute dei nostri piccoli dobbiamo ricordare che questi sette prodotti devono essere eliminati dalla loro alimentazione abituale:

1. Lo zucchero

Questo alimento molto comune non serve al bebè, perché il latte materno lo contiene già. Se la nostra idea è quella di addolcire un alimento per migliorarne il sapore, possiamo farlo con la frutta. Inoltre, lo zucchero può causare la comparsa prematura di carie.

2. Il miele

È un sostituto naturale dello zucchero, il cui uso nell’alimentazione dei bambini è molto ricorrente; ma quello che non sappiamo è che la sua composizione è molto simile a quella dello zucchero bianco. Un altro inconveniente è la possibilità che contenga batteri dannosi per l’apparato digerente.

3. Il sale

Come il miele e lo zucchero, il sale è utilizzato per risaltare il sapore dei cibi, ed è ugualmente dannoso. Questo prodotto deve essere eliminato dalla dieta dei neonati perché minaccia la salute dei reni. È raccomandato solo in modo moderato a partire dai dodici mesi.

4. Alcuni pesci

Alcuni tipi di pesce e frutti di mare possiedono elevate quantità di mercurio, un elemento che è prodotto dall’inquinamento; essendo presente in tutti gli oceani, i pesci lo consumano e lo accumulano nel loro organismo.

5. Alcune verdure

Le alghe, le bietole, gli spinaci e la borragine, la cui composizione contiene il nitrato, somministrare in quantità eccessive potrebbero provocare la diminuzione dell’ossigeno nel sangue. Questo come risultato della loro trasformazione in nitriti.

Pur parlando di consumo eccessivo, è controindicata la somministrazione ai neonati di tali prodotti, perché il loro corpo è piccolo e quindi più delicato.

6. Prodotti raffinati poveri di grassi

Non è male consumare prodotti con meno grassi, ma stiamo parlando di alimenti scremati, che sono stati sottoposti a procedimenti speciali per eliminarne l’eccesso di grassi. D’altra parte, i grassi di questi alimenti risultano essenziali per l’organismo dei piccoli e sono fonte di vitamine e calorie.

7. Alcuni alimenti in base alla preparazione

Gli alimenti possono essere preparati in diversi modi, e questo può modificarne considerevolmente le proprietà.

Si devono quindi evitare: preparazioni a crudo di origine animale, frutta secca non triturata, bibite a base di riso, patatine fritte, meringhe e gelati.