Dormire con un bambino è sfiancante per le donne, ma non per gli uomini

· 23 Ottobre 2017

Convivere con dei bambini è difficile, o perlomeno faticoso. Tuttavia, sembra che non tutti gli adulti reagiscano allo stesso modo di fronte a questa situazione. Secondo uno studio recente dormire con un bambino può essere estenuante per le madri, ma non lo sarebbe per i padri.

 

Lo studio, sviluppato Accademia Americana di Neurologia con la Georgian Southern University, ha coinvolto 6 mila persone. La conclusione? Avere figli crea scompiglio con l’orario del sonno, ma questo riguarderebbe soprattutto le donne.

La ricerca che ha fatto polemica

Questo studio ha coinvolto sia uomini che donne. È stato chiesto loro quante ore dormissero (considerando che 8 sono l’ideale, mentre meno di 6 non sono sufficienti) e quanti giorni si fossero sentiti stanchi nell’ultimo mese.

Dormire con un bambino è sfiancante? Mamma dorme con i figli.

A completare i dati, le informazioni base per poter formare dei gruppi socio-demografici: età, reddito, stato civile, indice di massa corporea (IMC), tipo di attività fisica svolta, situazione lavorativa e numero di figli.

Questi ultimi sono stati considerati fattori da collegare alla privazione del sonno. Il risultato è stato controverso.

Tra le donne adulte che hanno partecipato alla ricerca, l’unico fattore associato al sonno era la presenza di bambini in casa. Di fatto, per ogni bambino in casa la probabilità di ridurre le ore di riposo cresceva del 50%.

Un uomo che non sa essere un buon padre non è un vero uomo.

-Mario Puzo, scrittore-

In questo modo la ricerca ha dimostrato che dormire con un bambino intacca le ore di sonno a disposizione delle donne. A sua volta, ciò influirebbe notevolmente sulla loro sensazione di stanchezza. Le mamme intervistate dicevano di sentirsi stanche circa quindici giorni al mese, cifra che diminuiva senza figli.

Al contrario, sembrerebbe che i padri non siano minimamente influenzati dai  figli. Tuttavia, secondo le ricercatrici Tara Haelle e Emily Willingham, la realtà è un’altra: le madri dormono più dei padri, dato che recuperano le ore di sonno mentre gli uomini lavorano.

Dormire bene o non dormire bene: questo è il problema

famiglia-mamma-papà-bimbo-dormire

Secondo lo studio, non si tratta di chi dorme di più o di meno. Il problema, piuttosto, è la qualità del sonno. La questione è, dunque, sapere chi dorme meglio.

Ma l’assenza di alcuni dati riferiti alla metodologia di questo studio controverso non si può ignorare.

Secondo un’altra ricerca è possibile che le mamme dormano lo stesso tempo dei padri, tuttavia riposerebbero in maniera frammentata. Anche con un maggiore impegno e interesse da parte del padre, le ragioni biologiche fanno sì che la donna sia più predisposta a svegliarsi di notte.

Proprio questo ultimo aspetto, quello meramente biologico, conferisce senso alla conclusione di questo studio. Spiegherebbe perché le madri si sentano più stanche di qualsiasi altra donna che dorme le stesse ore.

Dormire con un bambino e svegliarsi continuamente non è un buon modo di riposare. E succede diverse volte a notte, tutte le notti. Quindi, le madri non riescono a sfruttare questo sonno e non hanno alcuna possibilità di sentirsi riposate.

Dato che ogni casa è un universo e ogni famiglia è un mondo, vogliamo conoscere la vostra opinione. Che pensate di questo studio? Ne condividete i risultati?

Di certo si tratta di una ricerca di cui si sentirà parlare ancora per molto…