Il numero dei fratelli influenza la socievolezza dei bambini?

· 25 Gennaio 2019
Se avete un figlio unico o più fratellini, vi interesserà sapere che la socievolezza dei bambini può essere influenzata dal numero dei fratelli che si hanno

È giusto affermare che i fratelli influenzano la socievolezza dei bambini? Spesso si sente dire che i figli unici sono meno felici di chi ha più fratelli e sorelle. Anche se può sembrare esagerato, questo è uno dei motivi che spinge molte coppie ad allargare il numero della prole. Si teme che i figli unici possano crescere eccessivamente viziati, capricciosi e persino egocentrici.

Queste manifestazioni dipenderanno, in larga misura, dall’educazione impartita dai genitori e dall’ambiente in cui i figli crescono e costruiscono la propria identità sociale. Vediamo, allora, se davvero la socievolezza dei bambini può essere influenzata da quanti fratellini o sorelline si hanno in famiglia.

Avere dei fratelli migliora il grado di socievolezza dei bambini?

L’ambiente in cui nasce e cresce un bambino, specialmente nei primi anni di vita, ha un’influenza vitale sulla definizione della sua personalità. Un ambiente sano e un’educazione basata sull’amore e sulla comunicazione sono sicuramente i presupposti per lo sviluppo di un adulto equilibrato e sereno.

fratellino e sorellina scherzano abbracciati in strada

L’empatia, la fiducia, le capacità intellettuali e, in generale, le abilità sociali del bambino dipendono principalmente da ciò che accade nei primi 12-24 mesi. Inoltre, come potete ben capire, il supporto e la vicinanza dei genitori giocano un ruolo determinante.

La genitorialità tardiva

Le famiglie moderne, nella loro ampia diversità, si sono ormai liberate dai tradizionali moralismi imposti un tempo dalla società. Al contrario, oggi le coppie preferiscono spesso dare la priorità al lavoro e al successo professionale, alle nuove esperienze o a hobby e passioni, come viaggiare, prima di compiere il delicato passo della genitorialità.

Questo aspetto però, allo stesso tempo, presuppone un ritardo nella formazione della famiglia. Solamente nel momento in cui entrambi i coniugi raggiungono un’età avanzata, solo allora accettano di compiere sacrifici e rinunce nell’ottica di crescere un figlio. Spesso la situazione economica o la mancanza di tempo, comunque, spingono verso la scelta di un unico bambino. Ma tenete presente che sia i figli unici che quelli con più fratelli o sorelle affronteranno il mondo sociale con le medesime difficoltà.

Nelle loro relazioni sociali, i figli unici tendono ad avere una maggiore predisposizione a fare amicizia nel mondo esterno, evidentemente costretti dalla mancanza di fratelli. Al contrario, nelle famiglie con più bambini, prevalgono situazioni di socializzazione interna, favorite dalla consanguineità.

Più fratelli, meno fratelli, nessun fratello

Vantaggi e svantaggi ci sono sempre nel corso della crescita di un individuo. Sia che il vostro bambino sia figlio unico e sia che abbia fratelli, dovrà affrontare quotidianamente dei problemi nella sua vita. Quindi, non necessariamente avere più fratelli influenza o migliora la socievolezza di un giovane.

due neonati tenuti in braccio si toccano le mani

Tuttavia, esistono semmai dei vantaggi di natura pratica. Ad esempio, un bambino che ha dei fratelli potrà contare su compagni di gioco in ogni momento e riceverà meno pressione da parte dei genitori, poiché le loro aspettative saranno ripartite. Almeno durante l’infanzia, i fratelli e le sorelle contribuiranno a rendere le giornate più divertenti e meno monotone.

Il figlio unico combatterà silenziosamente contro la latente sensazione di solitudine. Un errore frequente dei genitori è quello di cercare di colmare la mancanza di fratelli e sorelle comprando una gran quantità di giocattoli. Al contrario, dovrete sforzarvi di essere più presenti, dando al bimbo tantissimo amore e favorendo la comunicazione e il contatto fisico. Così facendo, la socievolezza dei bambini, le loro prestazioni accademiche e lavorative potranno raggiungere eccellenti livelli grazie all’appoggio costante e la condivisione costruita all’interno del vostro nucleo familiare.

Offrire al bambino uno sviluppo sano, un ambiente accogliente, sereno ed equilibrato è la migliore ricetta per favorire relazioni della stessa qualità. Che abbia fratelli o meno, ogni bambino è unico e merita di essere allevato in un modo speciale.

In conclusione, ciò che influenza la socievolezza dei bambini non è il numero o la mancanza dei fratelli, bensì l’esempio che osservano nel loro ambiente. Un bambino che vede soddisfatte le sue esigenze di base – indipendentemente dal fatto che sia figlio unico o abbia sorelle o fratelli – crescerà felice e sarà in grado di comunicare in modo sano con i propri coetanei, così come altri individui di tutte le età.