Consigli per togliere il pannolino in 3 giorni

· 27 settembre 2017

Aiutare un bambino a togliere il pannolino è una delle principali sfide che una madre deve affrontare: non passa mai di moda ed è inevitabile. Nonostante ciò, non abbiamo ancora trovato il metodo giusto per portare a termine questo compito. Si tratta di un’attività che richiede molta pazienza, determinazione e soprattutto amore.

Tuttavia, se si seguono i consigli degli esperti, togliere il pannolino può essere più facile e più veloce di quanto si pensi. Molte madri sono disposte a condividere i trucchi che hanno funzionato, in modo da rendere la sfida meno difficoltosa.

È possibile riuscirci in solo tre giorni?

Tenendo presente che il neonato si è abituato in pochi giorni al pannolino, lo stesso può accadere per toglierlo. Però, dobbiamo considerare il fatto che siamo stati proprio noi a farlo abituare e che lui non conosce alternative.

In base alle esperienze riportate dalle madri e dagli specialisti, è possibile riuscirci in pochi giorni. Questa affermazione si basa sull’applicazione di tecniche che mirano a concentrarsi sugli elementi cognitivi prevalenti in questa fase.

Il metodo è rapido, ma non vi è la certezza assoluta che il bambino impari ad andare in bagno subito. Una volta tolto il pannolino, può capitare che faccia i propri bisogni in luoghi non adatti. I progressi si verificano mano a mano, motivo per cui sono necessari l’interesse e l’impegno di tutta la famiglia.

Andare in bagno non è semplice come utilizzare il pannolino, è un’attività che richiede delle capacità e un’indipendenza che il bambino ancora non possiede. Entrare in bagno da solo, abbassare i pantaloni, sedersi e tutte le azioni che seguono, richiedono mesi di pratica e si imparano strada facendo.

Tre giorni per togliere il pannolino

Come togliere il pannolino e passare al vasino.

Nonostante sia un metodo efficace, non è una guida infallibile adatta a tutte le famiglie, in quanto consiste nel tenere il bambino nudo dalla vita in giù. Inoltre, per fare in modo che la procedura funzioni, bisogna applicarla in maniera continua e permanente.

I seguenti consigli aiutano ad applicare il metodo con successo:

  • Preparati in modo da poter dedicare i prossimi tre giorni interamente a questa attività, ricorda di concentrarti sull’obiettivo e assicurati di avere il tempo necessario.
  • È importante eliminare la tensione che questo potrebbe provocare, perché sappiamo che gli stimoli positivi, come momenti di divertimento, di gratifica, di gioco e di risate, sono più efficaci.
  • Gli specialisti raccomandano di non tornare sui propri passi una volta presa questa decisione. Per fare in modo che il bambino impari, il processo deve essere costante e deve coinvolgere tutta la famiglia.
  • Fare tutto il possibile per eliminare le paure, poiché è normale che i bambini non capiscano come comportarsi in questi casi e cosa stanno affrontando

Togliere il pannolino: il primo giorno

  • Ricorda che il bambino dovrà stare tutto il giorno senza pannolino e pantaloni. Questo è importante per cominciare a capire quando sente la necessità di urinare o defecare. Inizialmente lo farà in qualunque luogo, perciò dobbiamo essere pronti a portarlo in bagno.
  • Una parte del processo richiede che tutta la famiglia beva un’abbonadante quantità di liquidi, in modo che tutti vadano continuamente al bagno. Madre e padre possono portare il bambino con sé.
  • Festeggia le sue piccole vittorie e non rimproverarlo quando non compie progressi; piuttosto indicagli in cosa deve migliorare. Aiutarti a pulire i suoi bisogni potrebbe essere efficace.
  • Invitalo ad andare in bagno prima di dormire e fagli indossare il pannolino finché non dorme.

Uscire con la famiglia il secondo giorno

Bisogna ripetere ciò che è stato fatto nel primo giorno, ma questa volta si deve pianificare un’uscita con la famiglia. Questa uscita deve essere annunciata per un motivo, il bambino deve poter usare il vasino pochi istanti prima di uscire. Per una maggiore efficacia, l’azione può essere ripetuta da tutta la famiglia.

Togliere il pannolino e usare il bagno come i grandi.

Lo scopo è fare in modo che trattenga la pipì finché non si torna a casa. Di conseguenza, non dovrebbe indossare il pannolino, neanche biancheria intima, ma soltanto un paio di pantaloni comodi. Non dimenticate di portare un cambio di vestiti per far fronte a eventuali “incidenti”.

Portare fuori il vasino il terzo giorno

Ripetiamo di nuovo le azioni dei giorni precedenti ma, invece di una sola uscita, faremo due passeggiate. Dobbiamo fare in modo che il bambino metta in relazione l’uscita con la necessità di andare in bagno; si fa pipì prima di uscire e si trattiene fino al ritorno.

In questi casi, raccomandiamo di portarsi dietro il vasino perché, se abbiamo fortuna, lo utilizzerà fuori casa. Non è consigliabile usare la macchina o allontanarsi da casa per molto tempo, poiché si tratta di passeggiate di apprendimento senza pressioni.