Lanugine fetale: cosa dovreste sapere

Lanugo è un capello sottile e temporaneo che svolge un ruolo importante nello sviluppo fetale. In questo articolo vi spieghiamo perché è così essenziale per il neonato.
Lanugine fetale: cosa dovreste sapere
Maria del Carmen Hernandez

Scritto e verificato da la dermatologa Maria del Carmen Hernandez.

Ultimo aggiornamento: 07 novembre, 2022

La lanugine fetale è un tipo di peluria sottile e fine nei neonati che non dovrebbe destare preoccupazione per i genitori, poiché scompare spontaneamente dopo pochi giorni. Tuttavia, di solito si manifesta in altre occasioni in cui non dovrebbero essere ignorati. Nello spazio che segue, vi diciamo tutto ciò che dovete sapere al riguardo.

Cos’è la lanugine fetale?

Lanugine è un tipo di pelo morbido, fine e non pigmentato che si trova più comunemente nei neonati, nei feti e in alcuni stati patologici. Tuttavia, la sua presenza nei neonati è normale, mentre negli adulti può essere una manifestazione di qualche malattia sottostante. Infatti, la lanugine è essenziale per garantire il normale sviluppo del feto.

Lanugo è la prima variante di capelli a svilupparsi nell’uomo. Pertanto, si verifica a circa tre mesi dall’inizio dello sviluppo intrauterino, secondo un articolo della Cleveland Clinic.

Fasi di sviluppo della lanugine fetale

La crescita dei capelli inizia sul cuoio capelluto intorno al naso, alle sopracciglia e all’area della fronte. Quindi, progredisce verso i piedi, in direzione cefalocaudale. Tuttavia, i palmi, le piante dei piedi e le labbra non ce l’hanno. Quindi, nel tempo, vengono eliminati naturalmente tra le 33 e le 35 settimane di gestazione, a quel punto entrano nel liquido amniotico. Tuttavia, nel 30% dei neonati di solito rimane ed è un reperto normale.

Infine, fa parte del meconio ed è sostituito sulla superficie della pelle da peli vellus (peli molto fini, corti) e terminali (peli più lunghi e spessi che si trovano sui genitali, sulle ascelle e sul cuoio capelluto).

L’interazione della vernice caseosa con la lanugine è essenziale per controllare il ritmo della velocità di sviluppo fetale nei diversi momenti della gestazione.

Funzioni della lanugine fetale

La lanugine fetale gioca un ruolo importante nell’attaccamento della vernice caseosa e della superficie cutanea fetale. La Vernix caseosa è chiamata la sostanza viscosa e bianca del neonato che protegge la pelle, previene la perdita d’acqua, interviene nella termoregolazione e aiuta il sistema immunitario. Inoltre, fornisce protezione al feto contro le sostanze aggressive presenti nel liquido amniotico, come elettroliti e urea.

Manifestazioni patologiche di lanugine fetale

La lanugine fetale può presentarsi nel neonato durante le prime settimane di vita. Tuttavia, la sua manifestazione potrebbe essere dovuta a un parto prematuro. Inoltre, quando è presente negli adulti, può essere un segno di patologie sottostanti complesse. Pertanto, quando si sospetta che sia dovuto ad altre malattie, è necessario uno studio sistemico più completo. Inoltre, la gravità della patologia può essere correlata alla quantità e alla distribuzione della presenza di lanugine.

Anoressia nervosa

Nei disturbi alimentari si può manifestare una lanugine incipiente causata da deficit nutrizionale che sviluppa grasso corporeo insufficiente. Di conseguenza, viene generato come risposta naturale o fisiologica per isolare il corpo, poiché non c’è abbastanza grasso corporeo per mantenere il corpo caldo.

Bulimia nervosa

Come nell’anoressia nervosa, il corpo cerca di prendersi cura di se stesso e di mantenere la sua temperatura regolata e costante attraverso lo sviluppo di lanugine sulla superficie cutanea. In questi casi, il trattamento inizia con una corretta gestione del problema di salute sottostante. Cioè con consigli nutrizionali e psicologici, gruppi di sostegno e farmaci indicati da un medico.

Diverse forme di malnutrizione

Poiché la lanugine fetale fornisce protezione al corpo e alla pelle, in coloro che sono malnutriti, spesso cresce sul viso e sul corpo nel tempo.

Non è necessario effettuare nessun tipo di cura particolare per rimuovere la lanugine, poiché è un processo fisiologico del corpo che ha i suoi cicli e ritmi che devono essere rispettati.

La lanugine fetale dovrebbe essere trattata?

La lanugine fetale in un neonato non richiede una gestione terapeutica. Anche quando ci sono troppi capelli alla nascita, non è motivo di preoccupazione, poiché quei capelli andranno persi naturalmente nel corso dei giorni. Una delle opzioni per aiutare a sciogliere ed eliminare la lanugine è eseguire un massaggio delicato. Tuttavia, non è nemmeno necessario, poiché strofinare la pelle troppo forte può causare dolore, secchezza o eritema.

La lanugine fetale è una condizione transitoria

La lanugine fetale nei neonati non dovrebbe essere motivo di preoccupazione, ma se ci sono dubbi al riguardo, non esitate a discuterne con il vostro medico. Negli adulti, la presenza di lanugine può essere un segnale di un disturbo alimentare o di qualche patologia sottostante che non andrebbe ignorata.

Potrebbe interessarti ...
La pelle del bambino: prendersene cura sin dal primo bagnetto
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La pelle del bambino: prendersene cura sin dal primo bagnetto

Sin dal primo bagnetto è fondamentale trattare con delicatezza la pelle del bambino appena nato. Oggi vi spieghiamo come fare.



  • Cabetas Hernández I. Desnutrición en Anorexia Nervosa: enfoque psicosomático y tratamiento multidisciplinar [Malnutrition in anorexia nervosa: psychosomatic approach and multidisciplinary treatment]. Nutr Hosp. 2004 Jul-Aug;19(4):225-8. Spanish. PMID: 15315113.
  • Bamalan OA, Menezes RG. Vernix Caseosa. [Updated 2021 May 9]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK559238/
  • Pardi G, Cetin I. Human fetal growth and organ development: 50 years of discoveries. Am J Obstet Gynecol. 2006 Apr;194(4):1088-99. doi: 10.1016/j.ajog.2005.12.056. PMID: 16580300.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.