Cosa significa nascere con la camicia?

23 maggio 2018

Per chi non conosce la situazione, l’espressione “nascere con la camicia” potrebbe stare ad indicare un’anomalia o un disturbo che si manifesta al momento della nascita. Invece, per coloro che l’hanno già sentita, probabilmente richiama un evento avvolto nel mistero.

Di seguito, spieghiamo esattamente di cosa si tratta per tutte quelle persone che vogliono approfondire l’argomento e non vogliono lasciar correre l’immaginazione a briglia sciolta. Nascere con la camicia non capita molto spesso. Tuttavia, accade come ogni altro avvenimento raro che ha luogo durante la nascita di un bambino.

Se il bambino nasce con la camicia, non si presentano problemi né per lui, né per la madre. Eppure, per i medici che vi assistono, è qualcosa di magico.

Cosa significa nascere con la camicia?

Se un bambino nasce con la camicia significa che esce dall’utero materno (solitamente, attraverso il canale del parto) ancora avvolto nel sacco amniotico.

In questi casi, a differenza di ciò che succede normalmente, il sacco non si rompe. Coloro che assistono al parto hanno l’opportunità di vedere, per alcuni secondi, il piccolo immerso nel liquido amniotico, proprio come se fosse ancora nel grembo della madre.

Il feto nel sacco amniotico

In quali altri modi viene chiamato questo tipo di nascita?

Oltre a nascere con la camicia, questo fenomeno ha ricevuto diversi appellativi dalla cultura popolare. Ad esempio, abbiamo “nascere con il velo della Madonna”, oppure “nascere vestiti” e “nascere dentro al sacco”.

Già il solo fatto di nascere è un dono sufficiente per sentirsi felici per tutta la vita. Chi ama la vita, ama anche tutto ciò che questa ha in serbo.

Nascere con la camicia può arrecare danni al bambino?

Se i medici rompono il sacco pochi istanti dopo la nascita, per poter tagliare il cordone ombelicale e indurre la respirazione, il bambino non corre alcun tipo di pericolo.

Se presenta qualche alterazione, questa si sarebbe verificata anche se il sacco si fosse rotto prima della nascita.

Quali sono i benefici per il neonato?

In realtà nessuno. Anticamente si credeva che nascere immersi nel liquido amniotico proteggesse dagli attacchi degli agenti patogeni per un tempo più lungo. Ma adesso sappiamo che si trattava solo di leggende.

Inoltre, la permanenza del piccolo nel sacco è molto breve dal momento in cui nasce. Il “velo” che lo copre per quei pochi secondi non lo immunizza dalle infezioni che può contrarre in seguito.

Bambino nato con il sacco amniotico integro

Con quale frequenza si verifica un parto del genere?

È piuttosto raro che i bambini nascano con la camicia. In generale, la rottura del sacco avviene prima del parto. Infatti, questo è uno degli indizi che permettono alla madre di capire che il piccolo sta per venire alla luce.

Tuttavia, è più probabile che accada con un parto vaginale che con un cesareo.

La nascita di un essere umano, chiunque esso sia, è uno degli eventi più incredibili dell’universo

Perché alcune persone ritengono che questo tipo di nascita sia magico?

C’è chi attribuisce a questo tipo di nascita un significato religioso. Ciò è dovuto alla sporadicità con cui si verifica. Coloro che hanno l’opportunità di assistervi si sentono come se, per un momento, si trovassero nell’utero materno. Possono osservare il comportamento di un bambino che, in un certo senso, non è ancora nato.

Si dice che nascere con la camicia sia un evento straordinario e senza eguali. Permette di vedere con i propri occhi l’inizio della vita di un essere umano nel vero senso della parola.

Un tempo (ma in alcune culture è ancora così) si credeva che un bambino nato in questo modo avesse una protezione spirituale per tutta la vita. Per questa ragione, da quel momento sarebbe stato sempre felice. Effettivamente, è un evento che, in quanto piuttosto curioso, può generare superstizioni e opinioni di qualsiasi tipo. Malgrado ciò, oggi sappiamo che nascere con il sacco amniotico integro non è altro che un capriccio della biologia.

Guarda anche