I denti da latte contengono cellule staminali

· 9 marzo 2018

Sapevate che anche i denti da latte contengono cellule staminali? Proprio così! Recentemente, l’odontoiatria ha fatto questa rivoluzionaria scoperta.

Poche persone sanno che le cellule madri, oltre che nel cordone ombelicale e nel midollo osseo, si trovano anche nei denti da latte. Queste sono ovviamente diverse da quelle che si estraggono dal cordone.

La rivoluzione è cominciata nel 2003, anno in cui un ricercatore del National Institute of Health ha confermato la presenza di tali cellule nella polpa dentale. Questa è ricoperta dalla dentina dei denti da latte.

L’impiego delle cellule staminali nelle terapie legate a vari aspetti della salute ha avuto ampia diffusione, soprattutto negli ultimi anni. Tutti noi vorremmo usuifruirne per rigenerare i tessuti e vederci più freschi e giovani.

Il successo che hanno avuto è dovuto alle loro molteplici potenzialità. Hanno la capacità di moltiplicarsi e differenziarsi per produrre altre cellule in grado di formare tessuti e organi di diverso tipo.

Cellule incredibili

Le cellule che si ricavano dai denti da latte si chiamano mesenchimali. Hanno la capacità di rigenerare organi completi e altre parti fondamentali del nostro organismo. Possono riprodurre ossa, muscoli, grasso corporeo e cartilagine. Ricreano organi come il pancreas e il cuore. Infine, rigenerano le cellule nervose del cervello. In questo senso, le cellule madri racchiudono un potenziale rigenerativo incredibile.

Le cellule mesenchimali possono essere estratte dai denti da latte dei bambini (o dai denti del giudizio degli adulti). Servono come terapia in caso di malattie cardiache ma anche nei seguenti casi.

  • Morbo di Parkinson.
  • Morbo di Alzheimer.
  • Diabete.
  • Paralisi a causa di lesioni al midollo.
  • Riproduzione di ossa, cartilagine e tessuti.
Dentino sotto al cuscino

IMPORTANTE

Le cellule madri dentali si possono utilizzare per curare diverse malattie, purché il legame tra paziente e donatore non superi il primo o secondo grado di parentela. Parliamo infatti di fratelli, genitori, nonni, zii, zie, ecc.

Dove si conservano le cellule staminali?

Queste cellule (che si trovano nella parte molle all’interno dei denti da latte), servono a rigenerare la parte viva del dente. Solitamente, appaiono attorno alla sesta settimana di vita del feto. Tra i 6 e i 12 anni cadono i denti da latte, che devono essere conservati in un laboratorio specializzato.

Se i denti cadono a casa o in un altro luogo…

Se al bambino dovessero cadere i denti a casa, o in un luogo diverso dall’ambulatorio del dentista, immergeteli immediatamente in un bicchiere con del latte e riponetelo in frigorifero. Se lo fate, è probabile che riusciate a conservare le cellule staminali.

Le prime 48 ore sono critiche. Il dente deve essere impacchettato e spedito al laboratorio entro questo lasso di tempo. Solo così si potranno isolare le cellule in maniera corretta.

I dentisti americani raccomandano di estrarre i denti da latte prima che cadano. Consigliano ai genitori di prendere la decisione di conservarli prima, e non quando sono già caduti.

Nonostante le pratiche realizzate negli Stati Uniti, molti dentisti sconsigliano di estrarre i denti da latte dei bambini con processi innaturali. Tra le ragioni esposte, troviamo la seguente.

I denti da latte sono la nuova fonte della giovinezza. Tutti vogliono entrarne in possesso il prima possibile e nel modo più semplice. La mancanza di pazienza della società odierna si concreta in un’azione di marketing talmente aggressiva da condurre all’estrazione prematura dei denti da latte dei piccoli.

Scatolina con i denti da latte

Conservate bene i denti da latte!

Se siete interessati alla conservazione dei denti da latte di vostro figlio, gli specialisti raccomandano di mettersi d’accordo con una banca di cellule staminali. Lì, vi forniranno un kit contenente tutto il necessario per la corretta conservazione del dente. Così lo potrete consegnare al personale di laboratorio in ottime condizioni.

Di fatto, anche i denti del giudizio, o terzi molari, contengono tali cellule in gran quantità. Queste si sono dimostrate utili nella rigenerazione delle cornee danneggiate.

Come da tradizione, le madri conservano spesso i denti dei propri figli. Vi è mai capitato di trovare una scatolina con dei denti da latte? Probabilmente, da questo momento non la vedrete più con gli stessi occhi.

Sicuramente, le tradizioni cambieranno. Invece di conservarli in una scatolina, le madri porteranno i denti da latte nelle banche di cellule staminali che potrebbero conservarli. In caso di bisogno, saranno disponibili per curare malattie o rigenerare gli organi del corpo.