Molestie sessuali: come difendere i più piccoli?

· 5 Aprile 2018

“Tra i diversi rischi a cui è sottoposto un bambino c’è quello delle molestie sessuali. Già da piccoli è importante che imparino a proteggersi dalle situazioni pericolose.”

Generalmente tutti i genitori si preoccupano per la salute mentale, fisica ed emotiva dei propri figli; cercando di insegnargli a reagire ai momenti bui della vita. Tra gli insegnamenti più importanti ci sono quelli che si riferiscono alla sessualità. In maniera che i piccoli sappiano e imparino che nessuno ha il diritto di toccare il loro corpo.

Molestie sessuali: perché è importante l’educazione sessuale per i più piccoli?

Attualmente, l’educazione sessuale è uno degli insegnamenti principali per i figli in casa, iniziando dai temi base come:

Questo tipo di educazione non ha un limite di età prestabilito. Anche se non si raccomanda di iniziarla dopo che il bambino ha iniziato ad esplorare la propria sessualità. Deve essere insegnata nella maniera corretta e nei tempi giusti.

La vera necessità di informare i bambini su questo tema va molto aldilà della necessità di prepararli al loro futuro. Soprattutto è necessaria per prevenire qualsiasi tipo di abuso sessuale infantile a cui possono arrivare ad essere sottoposti.

Nonostante ogni genitore desideri che il figlio si sviluppi nella maniera più sana e positiva possibile, è fondamentale fare in modo che il piccolo sappia proteggersi.

I piccoli devono imparare e sapere che nessuno può toccare il loro corpo senza il loro consenso. Imparando a differenziare tra il tipo di contatto permesso e non.

molestie sessuali

Molestie sessuali: come insegnare al piccolo a dire no?

Parlare di sessualità con i piccoli è molto importante; soprattutto per spiegargli chiaramente quanto può essere pericoloso diventare una vittima di abusi sessuali infantili.

Inoltre è necessario insegnargli che davanti ad una situazione di molestie sessuali infantili, questa deve essere comunicata immediatamente ad un adulto.

Il modo migliore per insegnare al piccolo a riconoscere una situazione pericolosa è mediante l’insegnamento di diversi concetti base. Come:

Le parti intime e private del corpo

Molto importante è insegnare ai piccoli che le loro parti private del corpo non devono essere toccate da nessuno se non da loro stessi; e se qualcuno mai lo facesse devono informare immediatamente una persona di confidenza.

Le parti intime a cui prestare maggiore attenzione sono:

  • Gli organi riproduttivi, pene o vagina.
  • I glutei.
  • L’inguine.
  • Il petto.
  • Le labbra.

Allo stesso modo è necessario che capiscano che non devono toccare il corpo di altre persone; e che quindi comprendano il concetto di intimità.

Nessuno può toccare il loro corpo

Fondamentale è insegnare ai bambini che il loro corpo non appartiene a nessuno se non a loro stessi; perciò nessuno ha il diritto di toccarli senza il loro consenso; soprattutto se queste attenzioni provengono da sconosciuti.

Gli adulti non chiedono aiuto ai bambini, tanto meno gli sconosciuti

Ogni genitore insegna ai propri figli di non dare confidenza agli estranei, soprattutto quando quest’ultimi chiedono aiuto al bambino. Indipendentemente dal luogo o dalla situazione in cui si trova.

Vitale è il fatto che il bambino impari che l’unica risposta in questi casi è un sonoro e fermo “no”. Non importa quanto sembri buona l’altra persona. Il concetto chiave è che gli adulti non chiedono aiuto ai bambini, men che meno gli sconosciuti.

molestie sessuali

Quindi, di chi fidarsi?

Dato che i bambini hanno un’immaginazione estremamente ricca è necessario parlare spesso con loro. Sarebbe utile utilizzare una lista di tutte le persone fidate. D’altro canto potrebbero rimanere delusi o feriti se dessero confidenza a persone che non lo meritano.

Incentivare la comunicazione

In conclusione, l’aspetto più importante da insegnare al piccolo è la comunicazione. I piccoli devono sentirsi liberi di poter condividere con i genitori i vari aspetti della loro vita, senza avere segreti con le persone care.

Questo vale anche per le cose che li fanno sentire a disagio; acquisendo così la capacità di parlare di qualsiasi cosa con le persone delle quali si fidano.