7 regole di convivenza nel parco per i bambini

Quando stabiliamo regole di convivenza con i ragazzi, è importante che siano coerenti e adeguate all'età.
7 regole di convivenza nel parco per i bambini

Ultimo aggiornamento: 07 novembre, 2022

Andare al parco è molto positivo per i ragazzi. È uno spazio aperto dove possono stare in movimento. Inoltre, possono salire, scendere, arrampicarsi o saltare senza disturbare il pisolino dei vicini o fare troppo rumore in un palazzo. Tuttavia, quella passeggiata può diventare una costante fonte di rabbia o richiamare attenzione se non stabiliamo alcune regole di convivenza nel parco con i bambini. Vediamone alcune e come farlo.

7 regole di convivenza nel parco per i bambini

Alcune delle regole di convivenza che possiamo concordare con i bambini sono le seguenti:

1. Condividere i giochi

Nel parco i bambini non saranno quasi mai soli, quindi è fondamentale che imparino a condividere i giochi. Ad esempio nostro figlio può usare l’amaca, ma se ci sono anche altri piccoli che vogliono usarla, dovrebbero fare a turno.

2. Far sapere loro dove saranno

Se i minori vogliono cambiare gioco o andare in un altro luogo, devono avvisarci in modo che possiamo accompagnarli. Per quanto un altro adulto si offra di prenderli, anche se è la madre di un compagno di classe dell’orto, devono prima avvisarci. In questo modo eviteremo di spaventarci.

3. Prendersi cura del posto

È importante che i bambini imparino a prendersi cura del luogo e a rispettare la natura. Una buona misura è dire loro dove sono i cestini dei rifiuti.

Il buon uso e la cura dello spazio sono molto importanti. Questo va dal non strappare i fiori dalle piante solo perché ci piacciono all’usare i bidoni della spazzatura per smaltire i rifiuti. I minori devono imparare a rispettare e prendersi cura della natura, così come degli spazi comuni alle altre persone.

4. Non accettare cibo o bevande da altri

D’altra parte, dobbiamo anche sottolineare ai bambini che non è appropriato che mangino o bevano dal cibo o dalle bevande di altre persone. In ogni caso, se hanno fame o sete, possono farcelo sapere e noi possiamo risolverlo. In questo stesso punto, a volte, i ragazzi offrono anche la merenda ai coetanei. È importante avvisarli che va bene condividere, ma poiché non conosciamo gli altri o i loro genitori, è meglio non farlo. Inoltre, non sappiamo se quel piccolo abbia delle allergie, se è celiaco o se non può prendere quello che gli viene offerto, come le bibite zuccherate.

5. Condividere i giocattoli

È importante prendersi cura degli effetti personali, ma dobbiamo anche far sapere ai bambini che va bene condividere i giocattoli. Tenete presente, soprattutto se sono molto piccoli, che entrambi i vostri figli vorranno usare ciò che hanno gli altri bambini, così come cercheranno di fare lo stesso.

6. Rispettare gli altri

Il rispetto per gli altri è anche un’altra delle regole che facilita la permanenza nel parco. Non fare battute, non fare piccoli gruppi per emarginare gli altri e non ridere se qualcuno cade o perde in un gioco, tra gli altri, riguarda il rispetto e la buona convivenza con gli altri e con la propria famiglia. In definitiva, si tratta di insegnare l’empatia.

7. Prendere precauzioni

Insegnare ai minori ad essere attenti e ad adottare determinate precauzioni è un aspetto fondamentale. Oltre al fatto che gli adulti garantiscono la sicurezza dei bambini, è anche conveniente che diamo loro istruzioni su come usare i giocattoli e a cosa prestare attenzione. Ad esempio, se hanno intenzione di giocare a calcio, devono stare attenti a non colpire la palla troppo forte che potrebbe ferire gli altri. In questo modo, a poco a poco, insegniamo loro ad essere responsabili e attenti a se stessi e agli altri.

I giochi con la palla sono uno dei preferiti dai bambini quando vanno al parco. Tuttavia, è importante che le pratichino in uno spazio adeguato per non disturbare le altre persone.

Alcune chiavi su come stabilire le regole di convivenza nel parco

Le regole devono essere chiare e coerenti. In nessun caso devono essere contraddittori. Inoltre, devono essere accompagnati da una spiegazione del modo corretto di correre. Ad esempio, per quanto riguarda l’uso dei bidoni della spazzatura, la prima volta che ci rechiamo in un parco è importante indicare dove si trovano questi cestini. Non dobbiamo presumere che i bambini lo sappiano già.

D’altra parte, in quelle occasioni in cui infrangiamo qualche regola, dobbiamo spiegare loro perché lo facciamo. Ad esempio, se diciamo loro sempre che devono fare pipì in bagno, se all’improvviso ci dicono che stanno per fare pipì e ci rendiamo conto che non ce la faranno, possiamo essere flessibili e lasciarli fallo dietro un albero. Tuttavia, per non confonderli, è importante spiegare che si tratta di un’eccezione. Altrimenti, la prossima volta crederanno che sia corretto urinare accanto a un albero.

Infine, dobbiamo anche tenere presente che i limiti devono essere conformi all’età. Cioè, non possiamo aspettarci lo stesso autocontrollo e comportamento nei bambini come negli adolescenti.

Come costruire le regole della convivenza nel parco

Infine, al di là delle regole della convivenza nel parco con i bambini, è molto importante rimanere con un’idea chiave, al di là della regola stessa. Questa idea ha a che fare con consenso, accordi e negoziati. In altre parole, dobbiamo evitare di creare nei minori la sensazione che ci imponiamo o che le nostre regole siano capricciose. Al contrario, tali regole si basano su valori e non su un capriccio senza motivo.

Conviene spiegare il perché delle regole di convivenza nel parco. Che sono necessari per poter trascorrere una giornata in tutta tranquillità, per essere al sicuro ed evitare brutti momenti. Inoltre, sono orientati a proteggerli e non a proibirli. Quindi, secondo quanto propone la disciplina positiva, poniamo le basi affinché i bambini siano capaci di prendere buone decisioni in futuro e che non si limitino a rispettare delle regole.

Potrebbe interessarti ...
Tutti i benefici del parco giochi
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Tutti i benefici del parco giochi

È tipico portare i nostri figli al parco giochi, ma quasi mai ci soffermiamo sullo stimolo che ogni gioco può produrre in loro.



  • Seitun, Maritchu (2013), Capacitación emocional para la familia, Grijalbo.
  • Bilbao, Alvaro (2015) El cerebro del niño explicado a los padres.Plataforma Actual.
  • Brizuela Tornés, G., González Brizuela, C., González Brizuela, Y., & Sánchez Pacheco, D. (2021). La educación en valores desde la familia en el contexto actual. MEDISAN, 25(4), 982-1000. Recuperado de http://www.medisan.sld.cu/index.php/san/article/view/3853