10 trucchi per far collaborare i bambini in casa

Per far collaborare i vostri figli a casa, avete bisogno di istruzioni chiare e non fargli fare tutto da soli. Ecco altri trucchi, non perdeteli!
10 trucchi per far collaborare i bambini in casa

Ultimo aggiornamento: 23 luglio, 2022

Collaborare in casa è molto più che alleggerire il carico per gli adulti in casa. Inoltre, il bambino sta imparando questioni essenziali per la vita, come l’autonomia, la responsabilità e l’empatia con i suoi conviventi. Pertanto, non abbiate paura di chiedere ai vostri figli di collaborare a casa, perché vedrete che li farete sentire più importanti di quanto pensiate.

Ecco alcuni consigli per metterlo in pratica oggi e ottenere i migliori risultati. Siete pronti?

Come convincere i figli a collaborare di più in casa

L’aiuto dei minori nelle faccende domestiche va oltre la mera collaborazione, in quanto costituisce un’enorme lezione di autonomia e responsabilità. Inoltre, li aiuta a mettere in pratica abilità sociali e risolvere diverse situazioni in un ambiente sicuro, per poter gestire da soli quando la situazione lo richiede.

Prendete nota dei nostri consigli da mettere in pratica.

1. Assegnare compiti e responsabilità in base all’età dei bambini

Quando non prendiamo in considerazione il fattore età, possiamo frustrare i bambini e farli sentire inadeguati.

A partire dai 3 anni i bambini possono già capire cosa significa collaborare e possiamo chiedere loro di riordinare la stanza e i loro giocattoli, nell’ambito dei compiti di cura di sé. Per questo è anche necessario facilitare le circostanze e fornire cesti, scatole e mobili bassi, in modo che possano riporre e tirare fuori i propri oggetti personali senza aiuto.

Nell’adolescenza, i giovani dovrebbero essere pienamente coinvolti nelle faccende domestiche e insegnate a farlo la prima volta, se necessario. Ad esempio, mettere la lavatrice e appendere i vestiti. Altre attività che possono essere loro richieste sono mantenere l’igiene della propria stanza e annotare sulla lista della spesa ciò che è stato lasciato in frigorifero.

Riordinare la stanza o fare il bucato sono attività che possono svolgere i bambini di diverse età. I genitori dovrebbero prima spiegare come vengono fatte le cose e poi lasciarle provare da soli.

2. Trasformare i compiti in un altro argomento della giornata

Quando si chiede aiuto ai bambini, è importante non assegnare compiti che interrompono le loro altre attività, ma che possono essere integrati con questi o eseguiti in un altro momento.

Pertanto, è meglio non chiedere loro qualcosa mentre giocano con gli amici, ma anticipare che dovranno fare qualcosa in seguito. Al contrario, quando la loro attività viene interrotta, la risposta del minore è solitamente di opposizione o di noia, e può essere eseguita anche in fretta e con poco impegno.

3. Insegnare a fare le cose e a sviluppare responsabilità

Gli adulti devono capire che i bambini non faranno le cose per bene la prima volta. Molte volte dimenticheranno di mettere degli oggetti nello zaino o metteranno la maglietta al rovescio fino a quando non riusciranno a vestirsi da soli. Forse quei momenti ci trovano di fretta, ma dobbiamo essere pazienti e mostrare loro come questi compiti vengono svolti bene.

4. Accettare che ci sono modi diversi di fare le cose

Aiutare in casa diventa spesso fastidioso per i minori, spesso oggetto di numerose critiche o osservazioni. Deve essere loro consentito di esplorare, provare, riprovare ancora e ancora e scoprire da soli come è più comodo per loro organizzarsi e svolgere i propri doveri.

5. Dare loro istruzioni chiare per convincere i bambini a collaborare in casa 

A volte, ai ragazzi vengono date istruzioni molto ampie o ciò che ci si aspetta da loro non è ben spiegato. Questo può dare adito a dubbi e interpretazioni errate. Per questo motivo è importante spiegare e chiedere le cose in modo chiaro e conciso affinché i minori possano svolgere correttamente i compiti. Inoltre, può essere chiesto loro se hanno capito bene le istruzioni o se hanno bisogno di essere spiegate di nuovo.

6. Essere coerente con gli ordini

I genitori devono essere costanti nella richiesta finché non diventa un’abitudine. Se un giorno un compito viene adempiuto e quello successivo non lo è, il messaggio diventa confuso. Anche per una migliore organizzazione, alcune regole possono essere concordate prima di iniziare. Ad esempio il mercoledì la stanza va riordinata e il giovedì i vestiti vanno tenuti nell’armadio.

7. Evitare di fare cose al loro posto per convincere i bambini a collaborare in casa 

Se gli adulti svolgono i compiti in sospeso dei bambini, adempiranno sempre meno ai loro obblighi. Ricorda loro di occuparsi del lavoro non svolto e motivali a completarlo.

8. Rafforzare il loro comportamento di conformità

Questo è molto importante, soprattutto le prime volte. Riconoscere ed evidenziare il lavoro dei tuoi figli li incoraggerà a collaborare ogni giorno. Inoltre, si sentiranno utili e noteranno che puoi capire quando si impegnano nelle loro responsabilità.

Ai minori deve essere dimostrato che il mancato adempimento dei propri compiti comporta delle conseguenze. Ad esempio, non giocare con la console finché non hanno finito di riporre i loro giocattoli.

9. Non applicare punizioni, spiegare le conseguenze degli atti

Le punizioni portano solo frustrazione e rabbia. Tuttavia, è importante notare che quando i piccoli si impegnano a fare qualcosa e non portano a termine, ci sono conseguenze logiche per le loro azioni. Ad esempio, se non finiscono di riporre i vestiti, non ci sarà un posto dove giocare ai videogiochi.

10. Insegnare con l’esempio per far collaborare i bambini in casa 

I bambini ci osservano continuamente, quindi dobbiamo educare con l’esempio e non solo con le parole. In questo senso, se chiediamo o pretendiamo cose che noi stessi non rispettiamo, è molto probabile che non le facciano neanche loro.

Bambini collaborativi, adulti responsabili

Quando iniziamo a responsabilizzare i bambini per le piccole attività quotidiane legate alla casa, otteniamo più dell’ordine in casa. Poniamo le basi perché siano persone attente ai bisogni degli altri e impegnate nella cura dell’ambiente.

Allo stesso tempo, coinvolgiamo maggiormente i nostri piccoli nelle dinamiche familiari e insegniamo loro che non tutto deve essere fatto dai “grandi”. Quando proteggiamo eccessivamente i nostri figli, diamo loro il messaggio sbagliato sulla fiducia che abbiamo in loro.

Renderli parte delle faccende domestiche crea spazi più piacevoli, riduce i conflitti quotidiani e genera relazioni più simmetriche ed egualitarie. Non dobbiamo dimenticare che esiste ancora un divario di genere in termini di lavoro di cura svolto a casa, quindi è fondamentale instillare nozioni di ruoli fin dalla tenera età. Come possiamo aspettarci che un uomo si impegni in compiti domestici o di cura se non è mai stato incoraggiato a coinvolgerli?

In conclusione, far collaborare i propri figli a casa è molto più che ridurre il carico quotidiano, è insegnare loro dei buoni valori per la vita.

Potrebbe interessarti ...
Faccende domestiche: tutta la famiglia deve collaborare
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Faccende domestiche: tutta la famiglia deve collaborare

Spesso, le mamme si occupano della casa perché vogliono proteggere la famiglia, ma è giusto che anche gli altri collaborino alle faccende domestich...



  • Espinar-Ruiz, E. (2009). Infancia y socialización: estereotipos de género. Revista Padres y Maestros/Journal of Parents and Teachers, (326), 17-21.
  • MERCER, R., SZULIK, D., RAMÍREZ, M. C., & MOLINA, H. (2008). Del derecho a la identidad al derecho a las identidades: Un acercamiento conceptual al género y el desarrollo temprano en la infancia. Revista chilena de pediatría79, 37-45.